Struttura dei corsi universitari

Schema dei titoli di studio

Il credito formativo rappresenta l'unità di misura del lavoro di apprendimento dello studente. Tutta l'attività formativa (lezioni, studio individuale, seminari, laboratori ...) viene riportata al fattore tempo, con l'obiettivo di non sottoporre lo studente a carichi di lavoro eccessivi, evitando così di dilatare la durata degli studi: quindi, non sono conteggiate solo le ore di lezione in aula, ma viene anche considerato lo studio individuale aggiuntivo alle ore di frequenza.

1 credito = 25 ore di lavoro di apprendimento

Il lavoro di apprendimento svolto da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari in un anno è fissato in 60 crediti .

Il numero di crediti necessari al conseguimento del titolo di studi dipende dalla durata degli stessi.

I titoli di studio sono così articolati:

Un primo livello di durata triennale, con l'obiettivo di ottenere un'adeguata padronanza di metodi e contenuti generali, nonché l'acquisizione di specifiche conoscenze professionali:

  • titolo di studio rilasciato: Laurea
  • numero di crediti necessari al conseguimento della laurea triennale: 180 crediti = 3 (anni) x 60 (crediti)

Un secondo livello di durata biennale, con l'obiettivo di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di elevata qualificazione in ambiti specifici, a cui si accede dopo aver conseguito una laurea di primo livello, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo:

  • titolo di studio rilasciato: Laurea magistrale di secondo livello
  • numero di crediti necessari al conseguimento della laurea specialistica/magistrale: 120 crediti = 2 (anni) x 60 (crediti)

I corsi di studio dello stesso livello sono raggruppati in classi; i criteri generali entro i quali le università esercitano la propria autonomia non sono indicati per singolo corso, ma per classi di appartenenza, cioè per raggruppamenti di corsi di studio.

In altre parole tutti i Corsi di laurea triennale e magistrale che afferiscono a una determinata classe condividono gli obiettivi formativi qualificanti e le attività formative ma, in virtù dell'autonomia didattica conferita a ogni Ateneo, si differenziano tra loro per la denominazione, gli obiettivi formativi specifici, la scelta dettagliata delle attività formative e del relativo carico di lavoro espresso in crediti, ovviamente nel rispetto dei valori minimi fissati da decreti ministeriali.

Le classi di studio delle Lauree di primo livello sono 42. Le classi di studio delle Lauree magistrali di secondo livello sono 104. (cfr. http://www.miur.it).

Altre caratteristiche significative dell'attuale ordinamento universitario:

  • per il conseguimento della Laurea di primo livello è richiesta la conoscenza di almeno una lingua straniera dell'Unione Europea e l'acquisizione di abilità informatiche;
  • la possibilità di scegliere una parte del proprio percorso seguendo i propri interessi;
  • l'introduzione, in alcuni casi obbligatori, in altri fortemente consigliati, di stage o tirocini formativi ;
  • oltre al diploma di laurea allo studente sarà rilasciato un certificato delle attività svolte (Diploma supplement).

Dopo la Laurea di primo livello si può accedere:

  • al mondo del lavoro
  • a un Corso di Laurea magistrale
  • a Corsi di perfezionamento (durata: 1 anno)
  • a Corsi per conseguire un Diploma di specializzazione (durata: 2 o 3 anni)
  • a un Master di primo livello (durata: 1 anno)

Dopo la Laurea magistrale si può accedere:

  • al mondo del lavoro
  • ai Corsi di Dottorato di ricerca (durata: 3 o 4 anni)
  • ai Corsi per conseguire un Diploma di specializzazione (durata: 2 o 3 anni)
  • ai Corsi di perfezionamento (durata: 1 anno)
  • ai Master di secondo livello (durata: 1 anno)

Diploma di Specializzazione: consente di acquisire conoscenze e abilità per funzioni richieste nell'esercizio di particolari attività professionali.

Dottorato di Ricerca: ha l'obiettivo di fornire le competenze necessarie per esercitare, nelle università, negli enti pubblici e privati, attività di ricerca di alta qualificazione. Vi si accede con la laurea specialistica oppure con altro titolo di studio conseguito all'estero e ritenuto idoneo.

Corsi di perfezionamento: hanno l'obiettivo di favorire un processo di formazione permanente.

Master di primo livello o di secondo livello: consente di acquisire conoscenze e abilità di carattere professionale, di livello tecnico-operativo o di livello progettuale. Il conseguimento del master universitario richiede l'acquisizione di almeno 60 crediti formativi universitari, oltre a quelli acquisiti per la laurea o la laurea specialistica che vi danno accesso.

Accesso all'Università

Lo studente, accedendo a un corso di laurea di primo livello, può veder valutata la sua preparazione iniziale: chi non ha la preparazione adeguata si può iscrivere lo stesso ma deve recuperare i "debiti" formativi riscontrati da test di valutazione entro il primo anno, seguendo speciali programmi didattici integrativi predisposti dalle università.

L'Università degli studi di Bergamo mette a disposizione prove di autovalutazione on-line relative alle nozioni che si ritengono debbano essere note all'ingresso dei rispettivi corsi di laurea.

L'accesso delle matricole a Ingegneria prevede un test obbligatorio, che si svolge nella prima settimana di settembre: la prova è effettuata in contemporanea e secondo le modalità seguite dalla maggior parte dei Dipartimenti di Ingegneria italiani.

Ogni Dipartimento organizza corsi propedeutici al fine di raggiungere tali competenze di ingresso.

Per accedere a un corso di laurea magistrale di secondo livello, oltre a possedere i requisiti curriculari, si richiede un'adeguata formazione personale verificata dall'Ateneo con modalità definite dalle strutture didattiche.