Logo UniBG Green

Per l'attuazione della Direttiva Europea 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, che stabilisce un quadro comune per l'utilizzo per tali fonti, l'Università degli studi di Bergamo ha definito, già dal 2009, un piano d'azione che ha chiamato sinteticamente "Interventi Green".

Gli Interventi sono stati attuati in diversi settori:

  • Miglioramenti nel settore impiantistico
    • Allacciamento alla Rete di teleriscaldamento - Campus di Ingegneria, Dalmine (2009)
    • Allacciamento alla Rete di teleriscaldamento - Campus economico-giuridico, Caniana (2011)
  • Interventi di miglioramento energetico nella struttura "passiva"
    • Avvio della fase di completamento di ristrutturazione dell'ex Collegio Baroni con edificio in classe energetica A - Campus umanistico, Città Alta (2011))
  • Infrastrutturazione con impianti a energia solare
    • Installazione pannelli fotovoltaici 102 kWp - Campus di Ingegneria, Dalmine (2011)
    • Installazione pannelli fotovoltaici 142 kWp - Campus economico-giuridico, Caniana (2012)

Dalla data di messa in esercizio i dati di funzionamento dei due impianti fotovoltaici sono continuamente monitorati nelle pagine Campus economico-giuridico e Campus ingegneristico.

In particolare, l'impianto fotovoltaico del Campus ingegneristico (in esercizio dal 20/05/2011) ha avuto una produzione annuale di 96.095 Kwh (320.403 kWh dalla data di messa in esercizio a inizio maggio 2014) con un abbattimento di CO2 di 67,3 t/a e ha coperto circa il 30% dei consumi di energia elettrica.

L'impianto fotovoltaico del Campus economico giuridico (in esercizio dal 30/11/2012) ha avuto una produzione del mese di maggio 2014 in media circa 480 Kwh e negli ultimi 90 giorni picchi massimi che superano gli 800 Kwh giornalieri (4 maggio 2014) e in generale una produzione elettrica nominale nell'anno 2014 in continua ascesa (ad aprile 14.000 Kw). Dalla messa in esercizio (fino a inizio maggio 2014) la produzione di energia solare è stata equivalente all'utilizzo di rilevanti quantità di gas (22.752 mc), gasolio (15.219 l.) e carbone (20.834 kg) e ha evitato l'immissione nell'ambiente di circa 96 t. di CO2.