La Commissione paritetica è un organo collegiale introdotto dalla Riforma universitaria composta da un numero pari di docenti e di studenti che ha il compito di monitorare l'andamento dei Corsi di studio, la qualità delle prestazioni didattiche e l'efficienza delle strutture formative, elaborando proposte per il loro miglioramento.
La commissione:

  • monitora, con appositi indicatori di valutazione, l'offerta formativa e la qualità della didattica e delle attività di servizio agli studenti da parte dei professori e dei ricercatori
  • formula pareri sull'attivazione e sulla soppressione dei Corsi di studio, anche con riferimento alla coerenza tra i crediti assegnati alle attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati
  • esprime pareri e proposte sulle questioni inerenti la didattica che gli organi di governo del Dipartimento sottopongano al suo esame
  • svolge attività divulgativa delle politiche di qualità dell'Ateneo nei confronti degli studenti.

Con cadenza annuale, la Commissione paritetica elabora una relazione contenente valutazioni e proposte da trasmettere al Presidio della qualità e al Nucleo di Valutazione finalizzate al miglioramento della qualità e dell'efficacia delle strutture didattiche.

L'art. 39 dello Statuto e l'art. 8 del Regolamento di funzionamento del Dipartimento di Lingue, letterature e culture straniere, nel rispetto della Legge 240/2010 (art. 2 comma 2 lettera g), ne disciplinano la composizione, la durata, i compiti e le funzioni in modo più specifico.

La Commissione paritetica docenti-studenti del Dipartimento di Lingue, letterature e culture straniere è così composta:

Docenti
Rappresentanti degli studenti

e-mail: rappresentanti.lingue@unibg.it

La rappresentanza rimane decurtata per mancanza di ulteriori candidati.