L’Università degli studi di Bergamo è ufficialmente presente sui social media con profili istituzionali su quattro piattaforme: Facebook, Twitter, LinkedIn e YouTube.

I profili istituzionali dell’Università degli studi di Bergamo vengono utilizzati per promuovere le attività dell’ateneo e diffondere notizie e contenuti a esso relativi. Oltre ai profili istituzionali esistono altri profili (relativi a Corsi di laurea, Dipartimenti, Centri di Ateneo, Rappresentanze studentesche e altre strutture dell’Università) gestiti in autonomia dai rispettivi responsabili.

Le richieste di pubblicazione sui profili Facebook, Twitter e LinkedIn istituzionali devono essere indirizzate a ucri@unibg.it e andrea.cuman@unibg.it. Le richieste di pubblicazione su YouTube vanno indirizzate a webmaster.unibg.it

Le piattaforme utilizzate per diffondere il contenuto e la pubblicazione del contenuto stesso verranno valutate di volta in volta dai responsabili del servizio in base alla pertinenza e rilevanza del contenuto, considerando esigenze e limiti del piano editoriale. L’invio della richiesta non garantisce quindi la pubblicazione del contenuto.

Indicazioni per l’invio di richieste di pubblicazione
Facebook - Twitter - LinkedIn
  • Le richieste di pubblicazione devono contenere il testo da pubblicare e opzionalmente una o più immagini di buona qualità e pertinenti all’oggetto della pubblicazione.
  • Se la richiesta di pubblicazione prevede che venga allegato un documento in formato PDF, è necessario fornire il link web dove il documento è disponibile.
  • Il testo e le immagini inviate per la pubblicazione possono subire variazioni in base alle caratteristiche della piattaforma, ma generalmente devono seguire le seguenti linee guida:
    1. iI testi vanno pensati per i social network, dunque adottare un linguaggio diverso da quello normalmente utilizzato per le pagine del sito di ateneo o dalle mail. Per Facebook il testo deve idealmente essere breve, diretto, conciso e informale
    2. per Twitter la lunghezza massima dei messaggi è di 140 caratteri: i testi dovranno dunque tenere conto di questo limite
    3. per LinkedIn i testi devono mantenere un linguaggio formale e avere una lunghezza massima di 600 caratteri.
  • I testi e le immagini possono essere corredati da uno o più link pertinenti (anche provenienti da fonti terze).
  • Le immagini inviate devono essere libere da diritto d’autore, oppure rilasciate con licenze di libero utilizzo (es. Creative Commons).
  • Quanto pubblicato sarà soggetto a commenti / condivisioni: è quindi fondamentale che i testi inseriti siano accurati, per non dar luogo a equivoci e commenti evitabili.
  • I responsabili del servizio si rendono disponibili a valutare la pertinenza e rilevanza dei contenuti segnalati e fornire suggerimenti per il loro editing.
  • Le richieste di pubblicazione vanno indirizzate a ucri@unibg.it e andrea.cuman@unibg.it
YouTube

Coloro che intendono utilizzare o produrre video da inserire su YouTube devono sapere che:

  • YouTube opera controlli sui diritti d’autore, utilizzando strumenti avanzati di riconoscimento automatico, per rilevare i contenuti protetti.
  • Il controllo avviene dopo il caricamento dei video in YouTube: agli amministratori del canale è possibile conoscere eventuali violazioni. In tal caso, il video sarà d’ufficio reso “privato” (cioè visibile solo dagli amministratori), con relativa comunicazione a chi ha fornito il video.
  • Si ricorda che i titolari dei diritti, oltre a richiedere il riconoscimento economico, possono chiedere a YouTube penalizzazioni: la rimozione di alcune capacità tecniche del canale, il blocco del video a livello nazionale o mondiale e, nei casi più gravi, la chiusura definitiva del canale.

Si rimanda in proposito alla pagina: https://www.youtube.com/yt/copyright/it

 

Ricordando che il diritto d'autore è tutelato da specifiche norme, forniamo alcuni consigli per produrre video conformi alle condizioni d'uso di YouTube:

  • non utilizzare video/audio di cui non sia certa la provenienza e lo stato di diritto del video e della relativa parte audio, importante in questo caso verificare con attenzione materiale video fornito dai singoli studenti
  • preferire, ove possibile, l’utilizzo di materiale originale oppure materiale libero da diritto d’autore oppure materiale rilasciato con licenze di libero utilizzo (es: Creative Commons)
  • prestare attenzione alle false convinzioni sul diritto d’autore:
    • non assumere che, se il materiale è poco conosciuto al grande pubblico, allora non è identificabile ed è quindi utilizzabile
    • anche se il materiale è stato reperito liberamente in Internet, non è detto che sia liberamente utilizzabile
    • la misura in cui il materiale viene utilizzato non è significativa, il materiale è identificabile anche se presente solo per pochi secondi
    • non assumere che, se il materiale è datato, allora è liberamente utilizzabile (questo vale in particolare per la musica classica: il diritto d'autore tutela l’esecuzione oltre che la composizione)

 

Le richieste di pubblicazione vanno indirizzate a webmaster@unibg.it