Horizon 2020 è lo strumento finanziario che riunisce tutti i finanziamenti dell'Unione Europea esistenti per la ricerca e l'innovazione, fra cui il programma quadro di ricerca, le attività in materia di innovazione del programma quadro per la competitività e l'innovazione e l'Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT).

Horizon 2020 indirizzerà le risorse verso tre priorità distinte che si integrano mutuamente e rappresentano un evidente valore aggiunto dell'Unione, che corrispondono alle priorità di Europa 2020 e dell'Unione dell'innovazione.

  1. Scienza di eccellenza. Questa priorità eleverà il livello di eccellenza della base scientifica europea e garantirà una produzione costante di ricerca di livello mondiale per assicurare la competitività dell'Europa a lungo termine. Sosterrà le idee migliori, svilupperà i talenti in Europa, darà ai ricercatori accesso a infrastrutture di ricerca prioritarie e farà dell'Europa un luogo attraente per i migliori ricercatori del mondo.
    Ciò consentirà di:
    • sostenere gli individui più talentuosi e creativi e le loro équipes nello svolgere ricerche di frontiera di altissima qualità, facendo leva sul successo del Consiglio europeo della ricerca
    • finanziare la ricerca collaborativa per aprire nuovi promettenti campi di ricerca e di innovazione mediante il sostegno alle tecnologie emergenti e future
    • offrire ai ricercatori eccellenti opportunità di formazione e di carriera mediante le azioni Marie Skłodowska-Curie15 ("azioni Marie Curie")
    • garantire che l'Europa disponga di infrastrutture di ricerca (comprese le infrastrutture elettroniche in rete) di livello mondiale accessibili a tutti i ricercatori in Europa e in altri Paesi.
  2. Leadership industriale. Questa priorità intende fare dell'Europa un luogo più attraente per investire nella ricerca e nell'innovazione (compresa l'innovazione ecologica), promuovendo attività strutturate dalle aziende. Porterà grandi investimenti in tecnologie industriali essenziali, incentiverà il potenziale di crescita delle aziende europee fornendo loro livelli adeguati di finanziamento e aiuterà le PMI innovative a trasformarsi in imprese leader a livello mondiale.
    Ciò consentirà di:
    • consolidare la leadership nelle tecnologie abilitanti e industriali, fornendo un sostegno ad hoc alle TIC, alle nanotecnologie, ai materiali avanzati, alle biotecnologie, ai sistemi avanzati di fabbricazione e trattamento e alla ricerca spaziale, sostenendo altresì azioni trasversali per ottenere vantaggi accumulati dalla combinazione di diverse tecnologie abilitanti essenziali
    • facilitare l'accesso ai finanziamenti con capitale di rischio
    • fornire in tutta l'Unione un sostegno all'innovazione nelle PMI.
  3. Sfide della società. Questa priorità rispecchia le priorità strategiche della strategia Europa 2020 e affronta grandi preoccupazioni condivise dai cittadini europei e di altri Paesi. Un approccio incentrato sulle sfide riunirà risorse e conoscenze provenienti da una molteplicità di settori, tecnologie e discipline, fra cui le scienze sociali e umanistiche. Si copriranno attività che spaziano dalla ricerca alla commercializzazione, incentrandosi su quelle connesse all'innovazione quali i progetti pilota, la dimostrazione, i banchi di prova e il sostegno agli appalti pubblici e all'adozione commerciale. Si istituiranno collegamenti con le attività dei partenariati europei per l'innovazione.
    I finanziamenti si concentreranno sulle seguenti problematiche:
    • sanità, cambiamenti demografici e benessere
    • sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia
    • energia da fonti sicure, pulita ed efficiente
    • trasporti intelligenti, ecologici e integrati
    • azione per il clima, efficienza sotto il profilo delle risorse e materie prime
    • società inclusive, innovative e sicure.
Particolare attenzione al rafforzamento della partecipazione delle PMI

L'iniziativa faro "L'Unione dell'innovazione" comprende un impegno per garantire una partecipazione intensa delle PMI a Horizon 2020. Le PMI possiedono un potenziale significativo di innovazione e l'agilità per immettere sul mercato scoperte tecnologiche rivoluzionarie e innovazioni nel campo dei servizi. Il rafforzamento dell'approccio nei confronti delle PMI, anche incentivando la partecipazione delle microimprese, è fondamentale per consentire a Horizon 2020 di aiutare le imprese in rapida espansione di oggi a diventare le multinazionali di domani.

Curiosità

Il nome "Horizon 2020" è il vincitore della competizione on-line lanciata dalla Commissione Europea "You Name it" per dare un nome al futuro programma per la ricerca e l'innovazione.

Le vincitrici sono 2 donne: Marcela Endlova, un'insegnante della Repubblica Ceca, e Beata Zyngier, insegnante polacca. Il premio? Un viaggio a Bruxelles per partecipare alla "European Innovation Convention" che si è svolta nel dicembre 2011.

VIDEO