Corso (nome in italiano): 
LETTERE
Corso (nome in inglese): 
LITERATURE
Sede didattica: 
BERGAMO
Dipartimento: 
Dipartimento di Lettere, Filosofia, Comunicazione (Letters, Philosophy, Communication)

Informazioni generali sul corso

Anno accademico: 
2015/2016
Tipo di corso: 
Laurea triennale
Classe di laurea MIUR: 
L-10 - Classe delle lauree in Lettere
Codice del corso di studio: 
24-270
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Lingua dell'ordinamento didattico: 
Italiano
Obbligo di frequenza: 
No
Modalità di erogazione: 
Convenzionale
Verifica conoscenze richieste per l'accesso: 
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero
Area di appartenenza del corso: 
Area scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
Il Corso di Studio in breve

I laureati nel Corso di Studio dovranno:
- possedere una solida formazione di base, metodologica e storica, negli studi linguistici, artistici, filologici e letterari;
- possedere la conoscenza essenziale della cultura letteraria, linguistica, storica, geografica ed artistica dell'età antica, medievale e moderna, con conoscenza diretta di testi e documenti in originale;
- possedere la piena padronanza scritta e orale di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
- essere in grado di utilizzare i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti specifici di competenza.
Sbocchi occupazionali e attività professionali previsti dal Corso di Studio potranno essere in enti pubblici e privati, nel campo dell'editoria e nelle istituzioni che organizzano attività culturali od operano nel campo della conservazione e della fruizione dei beni culturali.
I laureati del Corso di Studio potranno in particolare svolgere attività lavorative che richiedano specifiche conoscenze teoriche e metodologiche coerenti con il percorso didattico seguito.

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Profilo Generico
Funzione in un contesto di lavoro:
Il percorso didattico ha come finalità la strutturazione delle conoscenze di base in vista della costruzione di una figura professionale polivalente, in grado sia di specializzarsi in vista dell'insegnamento delle materie letterarie, sia di svolgere un'attività di studio negli ambiti delle discipline letterarie, storiche e artistiche la quale necessiti di una conoscenza comparativa delle principali culture del mondo contemporaneo, attraverso inoltre l'acquisizione delle nuove teorie e tecnologie della comunicazione, oltre ad offrire la preparazione di base per intraprendere il percorso che conduce alla professione giornalistica.
Competenze associate alla funzione:
Le figure professonali che la Laurea contribuirà a costruire saranno atte a esercitare funzioni di responsabilità sia in ambiti professionali specifici, sia in istituzioni ed enti,
pubblici e privati, italiani e stranieri, nonché attività di insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado.
Sbocchi professionali:
Il Corso di Laurea prepara alle seguenti professioni:
esperti in discipline artistico-espressive (esperti d'arte, dialoghisti, soggettisti e parolieri, redattori di testi per la pubblicità, revisori di testi, curatori di musei);
esperti in discipline linguistiche, letterarie e documentali (esperti nelle scienze dell'antichità, filologico-letterarie, storiche, traduttori, archivisti, bibliotecari).
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
  • Assistenti di archivio e di biblioteca - 3.3.1.1.2
  • Tecnici dell'organizzazione della produzione radiotelevisiva, cinematografica e teatrale - 3.4.3.2.0
  • Tecnici dei musei - 3.4.4.2.1
Requisiti di ammissione

L'ammissione al Corso di Studi in Lettere è regolata dalle leggi di accesso agli studi universitari.
Per l'ammissione è richiesto il possesso del Diploma di Scuola Secondaria Superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti, come previsto dal Regolamento didattico di Ateneo.
Allo studente verrà richiesto il possesso di nozioni di base in ambiti storico-letterari, artistici, storici e filosofici secondo modalità di verifica definite dal Regolamento Didattico del Corso di Laurea. Gli eventuali debiti formativi derivanti da carenze nelle predette conoscenze dovranno essere colmati entro il primo anno di corso secondo le modalità previste dal Regolamento didattico del Corso stesso.

Orientamento
Orientamento in ingresso

L’attività di orientamento è gestita in forma coordinata da un docente referente (prof. Federica Guerini) del corso di studi ed il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo.
L’attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all’Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).
Le attività di orientamento in ingresso si dividono in attività informative ed attività formative; nel primo gruppo si inseriscono i momenti in cui il personale dell’Università di Bergamo (operatori del Servizio Orientamento, un docente del Corso di studi) incontra gli studenti delle scuole secondarie superiori per presentare l’offerta formativa, la strutturazione dei percorsi di studio e gli sbocchi professionali ed occupazionali collegati. Momenti tipici di questa attività sono le presentazioni all’interno delle scuole secondarie del territorio Lombardo (31 nel 2014), la partecipazione ai saloni dell’Orientamento (25 nel 2014) e la giornata dell’Open Day di Ateneo (11/4/2014 nella sede di Via dei Caniana, a Bergamo, con un’affluenza totale di 2329 studenti) e quello di Dipartimento.
Inoltre, nel periodo delle immatricolazioni e dell’inizio delle lezioni, è attivo uno sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole) dove i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell’università ed avere un supporto nell’inserimento nell’ambiente universitario.

Nell’ambito delle attività formative o di orientamento più specifiche, l’Università di Bergamo propone momenti di counseling individuale o di gruppo (circa 1300 ragazzi incontrati nel 2014).
Il monitoraggio dell’efficacia di queste azioni è consentito tramite la raccolta dei codici fiscali, che permette di verificare quanti ragazzi, che hanno partecipato a queste iniziative, poi si immatricolino presso l’Ateneo. Questi dati, uniti ai feedback raccolti direttamente dai partecipanti, costituiscono uno degli elementi di base per la progettazione annuale delle attività.

Orientamento e tutorato in itinere

L’attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata da un docente referente (prof. Federica Guerini) del corso di studi ed il Servizio Orientamento, Stage e Placement, struttura centrale di Ateneo.
L’attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all’Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Le attività di orientamento in ingresso si dividono in:
- Attività informative:
o Open Day delle Lauree Magistrali (http://www.unibg.it/openday)
o sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole, dove gli studenti indecisi e i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell’università ed avere un supporto nell’inserimento nell’ambiente universitario)

- Attività formative o di orientamento più specifiche:
o Incontri di counseling individuale (circa 20 ragazzi incontrati nell’a.a.2014)  http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/orientamento/s...
o Effettuazione di una rilevazione verso tutti gli studenti che non abbiano conseguito CFU nella prima sessione (circa 1300 questionari inviati nel 2014).

Accompagnamento al lavoro

L’attività di accompagnamento al lavoro è gestita in forma coordinata da un docente referente del corso di studi ed il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo (http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/orientamento/s...).
L’attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all’Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Oltre al servizio di supporto nell’attivazione di tirocini e stage (di cui al punto B5.3), l’Ateneo di Bergamo offre numerose attività di preparazione all’ingresso nel mercato del lavoro. Tra queste si ricorda, in particolare, il counseling professionale individualizzato (http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/orientamento/s...): una risorsa dello staff OSP dedicata supporta lo studente/laureato nella redazione del curriculum vitae, nella ricerca attiva di opportunità di lavoro e nella simulazione di un colloquio (in lingua italiana o in inglese.

Per promuovere l’incontro tra laureati e mondo del lavoro, l’Università di Bergamo propone eventi quali il Career Day, nella sua duplice edizione dedicata ai laureati, rispettivamente, del polo Economico-Giuridico-umanistico (edizione primaverile) e a quelli del polo Scientifico-Ingegneristico (edizione invernale). In occasione di entrambi i Career Day, il Servizio OSP propone “Scurricula”, un’attività formativa molto interattiva, finalizzata a dare indicazioni agli studenti/laureati su come proporsi durante il colloquio in azienda.

Inoltre, ai fini di garantire ai propri studenti e laureati un servizio di placement sempre allineato agli standard richiesti a livello nazionale, l’Ateneo di Bergamo aderisce (fin dal 2006) ai bandi del progetto FIxO (promossi da Italia Lavoro, agenzia tecnica del Ministero del Lavoro), volti ad implementare l’occupazione giovanile. In particolare, per il bando 2013/2014, l’Università di Bergamo ha progettato dei percorsi di supporto ai contratti di apprendistato e alla ricerca di opportunità all’estero.

Infine, per incentivare le aziende ad inserire dei giovani laureati al proprio interno, l’Università di Bergamo, dietro finanziamento del Bacino Imbrifero Montano Oglio, per l’anno 2014 ha bandito 14 borse di studio del valore di circa 4000€ destinate ad altrettanti laureati che effettueranno un’esperienza di stage di 6 mesi presso un’azienda localizzata in uno dei 51 comuni aderenti al BIM.

Obiettivi formativi e competenze attese
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo (A4.a)

Il Corso di laurea si articola in 'curricula' e, quindi, in percorsi che forniscono agli studenti una preparazione orientata, attraverso una solida formazione di base, metodologica e storica, all'acquisizione delle essenziali conoscenze necessarie per l'attività professionale, con un'eventuale prospettiva verso la ricerca, nell'ambito degli studi letterari e artistici propri della tradizione culturale italiana ed europea.
Le conoscenze e le capacità critiche acquisite negli ambiti della cultura letteraria, linguistica, storica, geografica e artistica dell'età antica, medievale, moderna e contemporanea sono caratterizzate dall'attenzione rivolta agli ambiti riconosciuti della comparatistica internazionale.
In tale prospettiva all'interno dell'offerta formativa del Corso vengono individuati itinerari di formazione che possono condurre all'acquisizione di abilità di creazione e di scrittura, anche per i nuovi media, attraverso il possesso di idonei strumenti metodologici.
L'offerta formativa nelle aree delle discipline artistiche mira inoltre all'acquisizione di una solida formazione di base nei settori delle arti e della cultura visiva, anche nella prospettiva di sviluppi professionali che prevedano l'impiego di mezzi informatici per la creazione e la consultazione di banche dati.
Mediante eventuali esperienze pratiche qualificate, i laureati del Corso svilupperanno pertanto conoscenze teoriche e metodologiche finalizzate ad attività professionali in enti pubblici e privati, nel campo del giornalismo e dell'editoria e nelle istituzioni che organizzano attività culturali o operano nel campo della conservazione e della fruizione dei beni culturali.
A fronte dell'esigenza di una sempre maggiore internazionalizzazione dei saperi, il Corso prevede di fornire ai laureati la padronanza scritta e orale di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano.
La frazione dell' impegno orario che deve essere riservata allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale è determinata in misura non inferiore al 65% dell'impegno orario complessivo.

Risultati di apprendimento attesi / Conoscenza e comprensione / Capacità di applicare conoscenza e comprensione (A4.b)
Area Generica
Conoscenze e comprensione:
Al termine del loro percorso di studi, gli studenti dovranno:
- aver sviluppato una una solida formazione di base, metodologica e storica, negli studi linguistici, filologici, letterari e artistici;
- possedere una conoscenza essenziale della cultura letteraria, linguistica, storica, geografica e artistica dell'età antica, medievale e moderna, con conoscenza diretta di testi e documenti in originale;
- aver acquisito la padronanza di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
- aver acquisito la capacità di utilizzare i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti specifici di competenza.
Conoscenze e capacità di comprensione verranno conseguite tramite lezioni frontali ed eventuali seminari nelle materie specifiche.
I risultati attesi saranno verificati tramite esami di profitto in forma sia orale sia scritta.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
I laureati dovranno possedere sia un metodo teorico sia gli strumenti intellettuali e culturali essenziali per accostare i problemi fondamentali posti dall'area di applicazione delle loro competenze, in modo da poter agilmente adattare le loro conoscenze ai problemi specifici.
I laureati dovranno inoltre essere in grado di svolgere attività di ricerca di base linguistica, letteraria, storica e artistica da applicare sia in ambiti dell'industria editoriale e della comunicazione, sia in istituzioni pubbliche, nonché nelle unità di studio presso enti pubblici e privati, italiani e stranieri.
I risultati attesi saranno conseguiti tramite esercitazioni di aula e quindi verificati sotto forma di esami orali e/o tesine.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Autonomia di giudizio (making judgements)

L'essenziale preparazione fornita da insegnamenti rientranti nei settori L-ART, L-FIL-LET, L-LIN, M-FIL ed M-STO permetterà ai laureati:
a) di raggiungere conoscenze nella storia, nella filologia e nella critica dell'espressione letteraria e artistica del mondo occidentale;
b) di coltivare i saperi elencati al punto precedente nella dimensione comparativa, cioè con particolare attenzione ai rapporti e alle connessioni stabilite, a partire dagli ambiti nazionali, oltre le specifiche identità di lingua, di storia e di cultura, fra le maggiori civiltà dell'Europa occidentale e dell'America, dalle radici nell'antichità classica e nel medioevo fino all'età contemporanea;
c) di avere al centro di questo percorso l'esplorazione, in prospettiva sincronica e diacronica, dell'intrinseca compatibilità dei fenomeni comunicativi prodotti in aree geografiche, periodi storici, ambiti e generi espressivi anche diversi e distanti tra loro.
I risultati attesi saranno conseguiti tramite lezioni frontali e quindi verificati sotto forma di esami orali e/o tesine.

Abilità comunicative (communication skills)

I laureati partecipano ad attività formative che valorizzano le capacità comunicative sia orali che scritte, l'abilità di condurre e sostenere una discussione critica e presentare in modo sintetico e chiaro idee e ragionamenti complessi.
Il percorso formativo incoraggia inoltre l'acquisizione di abilità relazionali, della capacità di costruire conoscenze attraverso metodologie partecipative e di relazionarsi con soggetti istituzionali publici e privati.
I risultati attesi saranno conseguiti tramite stage e/o tirocini e quindi verificati sotto forma di relazioni.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il laureato, partendo dall'acquisizione di solide basi teoriche negli ambiti delle scienze linguistiche, letterarie, storiche, filosofiche e artistiche, è in grado di potenziare le proprie conoscenze attraverso una metodologia scientifica efficace.
I risultati attesi saranno conseguiti tramite studio individuale guidato e quindi verificati sotto forma di tesi.

Prova finale

La prova finale consiste nella presentazione e nella discussione di un elaborato individuale su un argomento attinente il corso di studi o di una relazione scritta sull'esperienza di stage.
La prova viene vagliata da una commissione di docenti, che esprimerà in centodecimi la valutazione complessiva. Le attività relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento della laurea quali l'osservazione, la ricerca, interventi sperimentali in situazioni di laboratorio o sul campo saranno svolte dallo studente sotto la supervisione di un docente-tutore e contribuiscono all'acquisizione dei crediti attribuiti alla prova finale.
È possibile redigere e discutere la prova finale in una lingua straniera della Comunità Europea, previo accordo con il docente di riferimento.

Tirocini

L’attività di assistenza per lo svolgimento di periodi di tirocini e stage è gestita in forma coordinata da un docente referente (prof. Federica Guerini) del corso di studi ed il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo.
L’attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all’Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Per permettere un più efficace incontro tra aziende e studenti/laureati, l’Ateneo di Bergamo ha creato due portali:
- Sportello internet per la convenzione, l’attivazione di tirocini curriculari ed extracurriculari e la presentazione di offerte di lavoro e tirocinio (http://sportello.unibg.it/esse3/Home.do);
- Portale per l’estrapolazione dei curricula dei laureati (http://mps.unibg.it/)

L’investimento sopra riportato ha generato un crescente numero dei tirocini curriculari ed extracurriculari attivati: 1632 curriculari e 676 extracurriculari.

L’Ateneo di Bergamo incentiva la mobilità all’estero, anche laddove il tirocinio non sia previsto nel piano di studi. In supporto alla mobilità, il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali propone ai propri studenti e laureati la partecipazione ai seguenti progetti (di cui si riportano i dati relativi al 2014 per un totale di 123 tirocini curriculari ed extracurriculari all’estero):

- 32 Mobilità UE finanziate con fondi Erasmus (21 Erasmus Placement e 11 Leonardo)
- 12 Mobilità ExtraUe all’interno del programma Sprint o Prime
- 52 tirocini curriculari senza borse di mobilità
- 8 tirocini extracurriculari senza borse di mobilità
- 19 tirocini extracurriculari con Borsa Euromondo (3000€ a 5.000€ ciascuna, in base alla durata del tirocinio stesso, da 3 a 6 mesi).

Mobilità internazionale
Assistenza e accordi per la mobilita' internazionale degli studenti

L’ufficio Orientamento e Programmi Internazionali d’Ateneo si occupa della diffusione e supporto delle opportunità di mobilità internazionale per gli studenti, nonché della promozione dei percorsi di studio in lingua inglese (http://www.unibg.it/internazionalizzazione/didattica-internazionalizzata...).

Agli studenti di ciascun corso di laurea viene proposta l’opportunità di partecipare al principale programma di mobilità in Europa, ossia LLP/Erasmus, che consente di svolgere un periodo di studio presso un’altra istituzione europea con la quale è attivo un accordo di scambio (http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/erasmus/outgoing); attualmente sono disponibili circa 150 destinazioni di mobilità degli studenti in Europa.

Sono disponibili anche programmi di mobilità verso paesi Extra UE (http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/programmi-di-...):
- FDU Fairleigh Dickinson University - Madison NJ (USA) per tutti gli studenti dell’Ateneo
- University of Missouri-Columbia (USA) per tutti gli studenti dell’Ateneo
- Colorado State University Pueblo (USA) per tutti gli studenti dell’Ateneo
- UTS - University of Technology Sydney (AUS) per tutti gli studenti dell’Ateneo

Eventuali altre iniziative

Servizi per i Disabili
Docenti referenti per Dipartimento

Per facilitare il contatto con gli studenti diversamente abili e/o con DSA, oltre al Prorettore di Ateneo (prof.ssa Rosella Giacometti), per ciascun Dipartimento è stato nominato un referente, ovvero un docente con il quale lo studente e/o i familiari possono prendere contatti per concordare sia le attività formative dell’anno in corso sia gli interventi da realizzare. Il Referente ha il compito di segnalare agli altri docenti eventuali elementi di difficoltà, di comunicare alla Commissione eventuali problemi da affrontare coinvolgendo gli uffici competenti, di fornire un contributo personale di assistenza allo studente in modo da rendere più agevole il percorso di studio.
I docenti Referenti per i singoli Dipartimenti, nominati con Decreto Rettorale sono (www.unibg.it/disabili):

 Dipartimento di Scienze Aziendali, economiche e metodi quantitativi: Prof. Stefano Lucarelli
 Dipartimento di Giurisprudenza: Prof.ssa Daniela Barbierato
 Dipartimento di Ingegneria: Prof. Bruno Zappa
 Dipartimento di Lingue, letterature straniere e comunicazione: Prof.ssa Ada Valentini
 Dipartimento di Scienze Umane e Sociali: Prof.ssa Giuliana Sandrone
 Dipartimento di Lettere e Filosofia: Prof.ssa Juanita Schiavini

Servizi agli studenti Disabili e portatori di DSA

Di seguito, i principali servizi offerti (www.unibg.it/disabili):

- Servizio di tutorato alla pari, per un massimo di 100 ore per anno accademico., finalizzato al superamento delle barriere didattiche ed architettoniche. Il servizio di tutorato consiste nell’organizzazione dell’accompagnamento a lezione all’interno delle sedi universitarie, nel recupero degli appunti, nell’intermediazione con i docenti, nel disbrigo di pratiche amministrative e di segreteria, come l’iscrizione agli esami, nella compilazione del piano di studi ed altro.

- Servizio di consulenza psicopedagogica;

- Pianificazione mirata di aule ed orari di lezione;

- Conferimento d’incarichi professionali ad interpreti L.I.S. (Lingua dei Segni Italiana);

- Predisposizione di prove equipollenti su richiesta e previo accordo con i docenti con l’ausilio di specifici mezzi tecnici;

- Fornitura di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici (PC attrezzati, registratori, ecc.), concessi in uso per tutta la durata del corso di studi;

- Organizzazione di seminari dedicati

- Possibilità di richiedere l'acquisto di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici.

Descrizione del percorso di formazione e dei metodi di accertamento
Descrizione dei metodi di accertamento

La verifica consisterà nell’accertamento del possesso di un'adeguata conoscenza delle nozioni di base e dell'acquisizione di una capacità critica, in base alla specificità dei singoli settori scientifico-disciplinari che compongono il percorso formativo, in un rapporto potenzialmente interdisciplinare tra settori contigui e affini.
La valutazione delle conoscenze teoriche potrà avvenire sia in forma orale si in forma scritta, e avrà come finalità quella di verificare le abilità e le capacità dello studente, accertando quindi le conoscenze acquisite attraverso lo svolgimento del percorso di formazione.