Corso (nome in italiano): 
LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Corso (nome in inglese): 
MODERN LANGUAGES FOR INTERNATIONAL COMMUNICATION AND COOPERATION
Sede didattica: 
BERGAMO
Dipartimento: 
Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture straniere (Foreign Languages, Literatures and Cultures)

Informazioni generali sul corso

Anno accademico: 
2015/2016
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea MIUR: 
LM-38 - Classe delle lauree magistrali in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale
Codice del corso di studio: 
28-270
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Lingua dell'ordinamento didattico: 
Italiano
Obbligo di frequenza: 
No
Modalità di erogazione: 
Convenzionale
Verifica conoscenze richieste per l'accesso: 
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero
Area di appartenenza del corso: 
Area scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
Il Corso di Studio in breve

L'offerta formativa di questo corso di laurea magistrale è caratterizzata dalla sinergia tra gli insegnamenti di tipo linguistico e gli insegnamenti di ambito economico e giuridico-sociale. Nel percorso di studio viene gradualmente sviluppato un insieme di competenze avanzate destinate a diversificare e qualificare i contenuti in diversi settori lavorativi in contesti nazionali e/o sovranazionali; al tempo stesso, è destinata particolare cura al potenziamento di competenze e contenuti finalizzati alla ricerca.
Molta attenzione viene dedicata allo sviluppo di conoscenze linguistiche e metalinguistiche per fornire allo studente gli strumenti d'analisi di prassi comunicative in contesti professionali. Gli insegnamenti di cinese, francese, inglese, russo, spagnolo e tedesco vengono erogati in lingua straniera. Le attività in aula sono integrate da lavori seminariali anche con interventi di esperti esterni (in occasione dei laboratori didattici), provenienti anche da aziende, dalle istituzioni europee e da imprese di servizi linguistici, nell'ottica di avvicinare lo studente alla realtà operativa di settori diversi.

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Funzione in un contesto di lavoro:
Si ritiene che il percorso formativo crei figure di professionalità flessibile in grado di assumere funzioni di elevata responsabilità in contesti lavorativi a vocazione nazionale e/o internazionale coinvolti in dinamiche di comunicazione e cooperazione interculturale.
Le competenze acquisite permetteranno ai laureati di svolgere attività di consulenza linguistica, anche in relazione alla redazione/traduzione di documenti in contesti internazionali e altresì dicollaborare alla promozione e alla gestione di attività aziendali.
Competenze associate alla funzione:
Il corso fornisce competenze utili per
• la commercializzazione di beni e servizi
• le attività associate alle pubbliche relazioni,
• la redazione e la revisione di testi
• l'interpretariato e la traduzione
• la ricerca linguistica.
Sbocchi professionali:
I laureati del CdS in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale possono trovare occupazione nei seguenti ambiti:
- aziende nazionali e multinazionali che richiedono una conoscenza avanzata delle lingue straniere;
- organizzazioni internazionali, settori della cooperazione e degli aiuti allo sviluppo;
- enti e istituzioni nel settore dell’integrazione economica, sociale e culturale;
- enti pubblici nell’ambito della tutela delle lingue immigrate e più in generale in rapporto alla legislazione linguistica dell’Unione Europea;
- istituzioni governative, centrali e decentrate, nei settori della cultura, dei beni culturali e ambientali e dello sviluppo locale, in funzioni connesse al settore della comunicazione e cooperazione internazionale.

Il neolaureato, a seguito di un breve periodo di affiancamento e conoscenza dello specifico contesto di riferimento, è in grado di collaborare a progetti di cooperazione applicando le competenze linguistiche e interculturali acquisite.
Nell’ambito del commercio estero collabora con la direzione di un’impresa e di un’organizzazione nel mantenimento dei rapporti con l’estero, tenendo conversazioni telefoniche, utilizzando linguaggi tecnici o specifici, redigendo corrispondenza, documenti, verbali e prendendo appunti in lingua.
Si occupa delle attività connesse con i processi di internazionalizzazione e globalizzazione degli scambi commerciali, e dunque principalmente della gestione delle vendite all'estero e dall'estero. Grazie alle sue conoscenze delle lingue straniere gestisce i contatti con i clienti o con i fornitori all'estero.

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
  • Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi (escluso il settore ICT) - 2.5.1.5.2
  • Specialisti delle pubbliche relazioni, dell'immagine e professioni assimilate - 2.5.1.6.0
  • Interpreti e traduttori di livello elevato - 2.5.4.3.0
  • Revisori di testi - 2.5.4.4.2
  • Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche - 2.6.2.4.0
  • Corrispondenti in lingue estere e professioni assimilate - 3.3.1.4.0
Requisiti di ammissione

Per essere ammessi al corso di laurea magistrale occorre essere in possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, purché coerente con le discipline che caratterizzano il corso di laurea magistrale. Inoltre è necessario aver conseguito almeno 25 CFU in ciascuna delle due lingue straniere, contemplate nell'offerta formativa del corso, di cui si intenda proseguire lo studio.
Gli studenti in possesso di un numero di CFU inferiore a quello sopra indicato potranno essere ammessi al corso di laurea magistrale qualora dimostrino di possedere competenze adeguate durante il colloquio di ammissione.
Per il dettaglio dei requisiti curriculari e per la prevista verifica della preparazione personale dello studente si rimanda al Regolamento didattico del corso di laurea magistrale.
.

Orientamento
Orientamento in ingresso

L'orientamento in ingresso prevede attività di tutorato generale e individuale. Nel tutorato generale sono comprese azioni di orientamento rivolte agli studenti provenienti dall'Ateneo di Bergamo e da altri Atenei, organizzate in collaborazione e con il supporto dell'Ufficio Orientamento e programmi internazionali .

Il tutorato individuale viene gestito dalla docente referente per l'orientamento con colloqui personali presso il proprio ufficio e tramite posta elettronica (luisa.chierichetti@unibg.it); le tematiche riguardano prevalentemente il controllo dei requisiti d'accesso e la verifica della preparazione in ingresso.

Il corso di studio fornisce supporti e attività di orientamento ai potenziali interessati attraverso:
– la propria Pagina Web www.unibg.it/LS-LMCCI, nella quale sono reperibili le informazioni essenziali relative alle modalità di accesso, gli obiettivi formativi, gli sbocchi professionali, il piano degli studi, i laboratori didattici, i tirocini e l'internazionalizzazione;
– la Guida dello Studente; www.unibg.it/guidastudente (gestita dall'Ufficio Orientamento e programmi internazionali);
– le attività e le iniziative proposte dall'Ufficio Orientamento e Programmi Internazionali www.unibg.it/orientamento, preposto alle attività di orientamento in accesso, in itinere e di inserimento nel mondo del lavoro, che opera in stretta collaborazione con le aziende e gli enti pubblici;
– particolare attenzione viene riservata per le richieste degli studenti stranieri, che vengono indirizzati alla Segreteria Studenti e alla pagina www.unibg.it/studentistranieri per le procedure amministrative, mentre per la parte didattica sono seguiti dalle prof.sse Luisa Chierichetti e Ada Valentini.

L'Ufficio Orientamento coordina le seguenti attività in cooperazione con i docenti del corso e con i responsabili del Servizio studenti:
– Tutorato per l'attivazione del tirocinio formativo in Italia e all'estero;
– Counselling orientativo individuale e di gruppo, affidato a uno psicologo dell'orientamento, per approfondire le scelte formative e professionali;
– Open day per Lauree magistrali, per illustrare l'offerta formativa di secondo livello agli studenti che stanno per terminare una laurea triennale e a chi, già inserito nel mondo del lavoro, vuole arricchire la propria preparazione professionale www.unibg.it/openday ;
– Flyer cartaceo della Laurea Magistrale, disponibile in versione elettronica alla pagina www.unibg.it/LS-LMCCI alla voce "Guida all'orientamento".

Orientamento e tutorato in itinere

Le attività di orientamento e tutorato in itinere che si riferiscono alla LMCCI sono costituite da sono costituite da:

– Attività informative dello sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole), dove gli studenti indecisi e i neo-immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'Università e trovare un supporto per l'inserimento nell'ambiente universitario.
http://www.unibg.it/futuri-studenti

– Rilevazioni rivolte a tutti gli studenti che non conseguono CFU nella prima sessione di esami (a livello di Ateneo 1255 questionari compilati nel 2014 a seguito di percorsi di counseling di gruppo presso le scuole secondarie di II grado).

– Incontri di counseling individuale (a livello di Ateneo 22 ragazzi incontrati nel 2014).
http://www.unibg.it/orientamento

L'attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata dalla docente referente prof.ssa Luisa Chierichetti del corso di studi e dal Servizio Orientamento e programmi internazionali, struttura centrale di Ateneo.

L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo, prof.ssa Piera Molinelli.

L'orientamento e l'accompagnamento durante il percorso universitario della Laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale viene gestito anche dai docenti tutor, secondo le competenze e gli incarichi loro attribuiti (Piani di studio, Tirocini, Laboratori, Erasmus/Scambi internazionali, Orario e aule). I docenti forniscono inoltre informazioni di supporto per l'accesso ai servizi e alle procedure amministrative di Dipartimento e di Ateneo.

Oltre la consulenza offerta agli studenti per la compilazione dei piani di Studio e lo svolgimento di laboratori, l'attività di orientamento riguarda in modo particolare gli scambi internazionali e i tirocini in Italia o all'estero.
Si segnala che le attività di consulenza per i tirocini è particolarmente individualizzata e mirata a permettere allo studente di maturare una preparazione professionale, linguistica e culturale spendibile nel proprio futuro professionale.
.
Il docente referente (Tutor) per i piani di studio è la Prof. Ada Valentini.
Il docente referente (Tutor) per i tirocini è la Prof. Maria Chiara Pesenti.
Il docente referente (Tutor) per i laboratori è il Prof. Davide Giannoni.
Il docente referente (Tutor) per l'orario è il Prof. Giovanni Garofalo
Il docente referente (Tutor) per Erasmus/Scambi internazionali è la prof.ssa Cécile Désoutter

Accompagnamento al lavoro

Gli studenti dell'Ateneo di Bergamo possono svolgere stage e tirocini nell'anno 2014 in 3774 enti convenzionati, pubblici e privati, in Italia e all'estero.
L'esperienza di stage e/o tirocinio permette non solo di maturare una conoscenza diretta delle mansioni e problematiche proprie del contesto lavorativo selezionato, ma anche di stabilire rapporti che possono condurre a successive collaborazioni e assunzioni.
In particolare, si sottolinea come i tirocini all'estero svolti all'interno di questo corso permettono agli studenti di maturare una preparazione professionale, linguistica e culturale spendibile presso aziende e/o enti del territorio, ma anche a livello nazionale o internazionale.

Studenti e laureati dispongono delle seguenti risorse di accompagnamento al lavoro:

1) Un'attività di counseling professionale individualizzato che li prepara all'ingresso nel mercato del lavoro e li supporta nella redazione del curriculum vitae, nella ricerca attiva di opportunità di lavoro e nella simulazione di un colloquio in lingua italiana o inglese.
(http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/orientamento/s...)

2) Eventi che promuovono l'incontro col mondo del lavoro:
– Career Day del polo Economico-Giuridico-Umanistico (edizione primaverile)
Al Career Day 2014 hanno partecipato anche gli studenti del CdS in Lingue moderne per la Comunicazione la Cooperazione internazionale per un totale di 242 studenti del Lauree Magistrali del Dipartimento di LLSC.

– “SCURRICULA”, un'attività formativa interattiva, finalizzata a informare sulle modalità di colloquio in azienda. In vista di un inserimento efficace nel mondo del lavoro, il CdS in Lingue moderne per la Comunicazione la Cooperazione internazionale (LMCCI), offre diversi incontri di approfondimento in lingua straniera con la possibilità di discutere il proprio CV e la redazione di una lettera motivazionale nonché la simulazione di un colloquio in lingua straniera. Nell'a.a. 2014 la serie di appuntamenti ha avuto inizio con l'incontro “I segreti di un CV EFFICACE” (11 aprile 2014) proposto dall'ufficio orientamento e programmi internazionali per studenti e laureati dei CdS di LM del Dipartimenti di LLSC, oltre a un percorso specifico per il CdS di LMCCI denominato WorkLab e attivato in primavera 2014.

– Laboratori didattici: Il CdS organizza ogni anno tre laboratori didattici dedicati, condotti rispettivamente in lingua inglese e (a turno) in francese, spagnolo, russo e tedesco. Sono attività applicative volte a sviluppare abilità pratiche inerenti gli impianti teorico-metodologici acquisiti durante i corsi di insegnamento in aula; in alcuni casi può essere richiesto il superamento previo di esami specifici.
Grazie alla loro configurazione, i laboratori permettono di acquisire competenze professionalizzanti, fornite da esperti provenienti soprattutto dal mondo delle professioni, delle istituzioni europee e delle imprese di servizi linguistici. Oltre al lavoro in aula, ai frequentanti viene richiesta la redazione di progetti / elaborati individuali che riprendono le tipologie testuali proposte nel corso del laboratorio. Per loro stessa natura, queste attività hanno una valenza interdisciplinare, trasversale ai diversi insegnamenti, che permette di coniugare conoscenze di diversa matrice, con esempi di problem-solving, studi di caso, e simulazioni di situazioni lavorative tipiche dell'ambito professionale di riferimento.
Nell'A.A. 2014/15 sono stati attivati:
1 laboratorio di inglese sulla divulgazione giuridica nei testi dell'Unione Europea;
1 laboratorio di tedesco sulle condizioni generali di un contratto in lingua tedesca;
1 laboratorio di spagnolo sulla traduzione in ambito giuridico e amministrativo
Per l'A.A. 2015/16 sono previsti:
1 laboratorio di inglese sui generi testuali della comunicazione aziendale;
1 laboratorio di francese su lingue e traduzione per l'audiovisivo;
1 laboratorio di russo sul linguaggio contrattuale.

2) Accordi specifici per offerte altamente qualificate con:
– Freni Brembo
– Tenaris Dalmine

Le attività sono progettate e verificate con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo, prof.ssa Piera Molinelli.

Obiettivi formativi e competenze attese
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo (A4.a)

Il Corso di laurea magistrale in Lingue per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LMCCI) si pone l'obiettivo di fornire approfondite conoscenze specialistiche in due lingue straniere moderne, abbinando a queste una serie di insegnamenti funzionali all'acquisizione di capacità professionali. Tale percorso prepara lo studente in particolare a gestire:
• la redazione e traduzione di testi specialistici in ambito giuridico, economico e scientifico;
• l'analisi microlinguistica anche affrontata in chiave contrastiva e settoriale;
• le strategie linguistiche mirate all'efficacia comunicativa in contesti interculturali.
A tal fine il Corso articola il proprio percorso formativo attraverso tre aree di apprendimento portanti, che coniugano:
1 - [area linguistica] competenze avanzate di tipo pratico, teorico e metodologico in due lingue straniere moderne a scelta dello studente tra cinese, francese, inglese, russo, spagnolo e tedesco e (20 cfu ciascuna), affiancate da 5 cfu in Linguistica tipologica.
2 - [area economico-giuridica] la capacità di comprendere criticamente le problematiche che interessano il mondo delle imprese, delle professioni e della cooperazione internazionale nel contesto della globalizzazione.
3 - [applicazioni delle competenze acquisite] la partecipazione a esperienze didattico-formative in grado di ampliare e rafforzare la padronanza delle suddette abilità, anche in vista di migliori prospettive occupazionali.

In continuità con i buoni risultati della precedente laurea specialistica relativamente sia al numero di iscritti, sia alla percentuale di laureati che ha trovato accoglienza nel mondo del lavoro, si è valorizzata ulteriormente la specificità dei programmi, come indicato di seguito.

Area linguistica (45 cfu)
(L-LIN/01, L-LIN/04, L-LIN/07, L-LIN/12, L-LIN/14, L-LIN/21, L-OR/21). Rappresenta il nucleo della preparazione degli iscritti al corso di studi e comprende la gamma di lingue straniere di potenziale scelta dello studente. Coerentemente con le finalità di questa LM, gli insegnamenti linguistici (articolati sui due anni del corso) si concentrano su tematiche inerenti l'uso della lingua straniera nella comunicazione internazionale: i linguaggi settoriali, il discorso politico, le moderne ‘lingue franche', l'evoluzione dei generi testuali, la variazione linguistica, gli intrecci lingua-cultura, la divulgazione dei contenuti specialistici e le tecniche traduttive. In ogni caso, vengono sviluppate competenze linguistiche e metalinguistiche applicate a contesti scritti, orali e multimediali. Per ciascuna lingua si approfondiscono gli aspetti di sintassi complessa, lessico specialistico e strategie di discorso pertinenti ai campi di applicazione previsti dagli sbocchi professionali. L'insegnamento di Linguistica tipologica (L-LIN/01), collocato al primo anno, fornisce le nozioni teoriche di sfondo per meglio apprezzare le strutture specifiche delle singole lingue.

Area economico-giuridica (25 cfu)
(SECS/P01, SECS/P06, M-GGR/02, IUS/13)
Gli insegnamenti relativi ai settori scientifico-disciplinari riuniti in quest'area, collocata al I anno della LM, forniscono allo studente una serie di conoscenze fondamentali per comprendere le esigenze comunicative in ambito lavorativo, sia nel privato sia nel pubblico. In primo luogo, si prevede una base di tipo economico (15 cfu) incentrata sui rapporti economici internazionali e sulla gestione del patrimonio culturale (Economics of Culture and Cultural Heritage) con un insegnamento svolto interamente in lingua inglese. A seconda delle preconoscenze acquisite nel percorso precedente (laurea triennale), lo studente può scegliere di consolidare le conoscenze istituzionali di economia oppure di approfondire la specificità dell'economia del turismo. L'altra componente di quest'area è data dagli insegnamenti di Geografia dello sviluppo (5 cfu) e Diritto degli scambi interculturali (5 cfu), entrambi obbligatori: il primo affronta i temi della cooperazione e dello sviluppo sostenibile; il secondo quelli del diritto internazionale di fronte alle sfide della globalizzazione.

Applicazioni delle competenze acquisite (20 cfu)
(SPS/08, L-ART/05, L-ART/06, Idoneità informatica, Tirocini e Laboratori didattici)
Comprende insegnamenti e altre attività formative orientate all'acquisizione o all'addestramento dei diversi aspetti relativi alla gestione attuale della comunicazione in italiano e nelle lingue straniere. Si prevede un insegnamento (5cfu) a scelta che approfondisce le specificità della comunicazione giornalistica rivolta a un pubblico generico (Teorie e tecniche dell'informazione) oppure della comunicazione mediata da canali specifici (Teoria e prassi teatrali, Filmologia). Un'attività seminariale o di laboratorio è finalizzata al conseguimento di un idoneità informatica. Successivamente, al II anno, lo studente deve maturare 10 cfu seguendo un laboratorio didattico dedicato alla comunicazione nel mondo del lavoro e/o un tirocinio formativo presso aziende ed enti convenzionati. Ogni semestre vengono attivati uno/due laboratori, con interventi di esperti provenienti dal mondo delle professioni e della ricerca, nelle lingue straniere studiate; la sua conformazione permette di seguire individualmente il percorso di apprendimento dei partecipanti sia in aula sia nelle successive verifiche. I tirocini offrono invece un'esperienza diretta, in Italia o all'estero, delle responsabilità e mansioni legate a profili lavorativi coerenti con la LM in LMCCI. L'applicazione delle competenze maturate nel corso degli studi consente agli studenti coinvolti nei tirocini di maturare una maggiore efficacia operativa sul piano linguistico, culturale e professionale.

Risultati di apprendimento attesi / Conoscenza e comprensione / Capacità di applicare conoscenza e comprensione (A4.b)
AREA LINGUISTICA
Conoscenze e comprensione:
Il laureato in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LMCCI) possiede competenze elevate nelle due lingue straniere di specialità (livello C1/C2, a seconda della lingua, del Quadro Comune Europeo) oltre che in italiano. Le avanzate conoscenze e capacità linguistiche e metalinguistiche sviluppate nel biennio gli permettono di analizzare e gestire operativamente la comunicazione in lingua straniera in ambiti lavorativi privati e pubblici culturalmente e linguisticamente differenziati, anche avvalendosi delle abilità traduttive maturate.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Il laureato in LMCCI sa usare le competenze linguistiche e metalinguistiche acquisite nelle lingue straniere di specialità per operare in contesti multietnici e multiculturali, in Italia o all' estero, caratterizzati dall'offerta di beni e / o servizi culturali o dalla presenza di imprese o enti operanti a livello internazionale. È altresì in grado di applicare tali competenze linguistiche e metalinguistiche per elaborare redigere studi o analisi anche in un contesto di ricerca.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA ECONOMICO-GIURIDICA
Conoscenze e comprensione:
Il laureato in LMCCI mediante gli insegnamenti dell’area ECONOMICO-GIURIDICA ha imparato ad analizzare e interpretare fenomeni linguistici, culturali ed economico-sociali in diversi paesi e aree geografiche. Sa usare riferimenti di tipo economico e giuridico per affrontare problematiche aziendali e tematiche relative alla cooperazione, allo sviluppo, al turismo sostenibile e alla globalizzazione.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Il laureato in LMCCI sa applicare le conoscenze dell’area ECONOMICO-GIURIDICA nelle procedure di risoluzione di problemi collegati a tematiche nuove, non familiari o di maggiore ampiezza connesse al proprio settore di studio e in particolare all’ AREA LINGUISTICA. Sa operare in ambito culturale, politico ed economico all’ interno delle attività delineate da aziende, enti pubblici e organismi internazionali, con particolare riguardo alle iniziative comunitarie. È in grado di rapportarsi ai processi di globalizzazione delle attività economiche o degli eventi culturali a livello internazionale.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE
Conoscenze e comprensione:
Il laureato in LMCCI mediante gli insegnamenti dell’AREA DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE, composta anche da laboratori, tirocini e attività seminariali, sa gestire la comunicazione in italiano e nelle lingue straniere di specializzazione. È in grado di analizzare ed identificare le esigenze di comunicazione proprie dell’ambiente lavorativo, garantendo l'efficacia e lo sviluppo dei flussi comunicativi nella comunicazione faccia a faccia oppure verso un pubblico generico (SPS/08), nonché mediata da canali specifici (L-ART/05, L-ART/06).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Il laureato in LMCCI, dopo il percorso di studi svolto nell'AREA DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE, è in grado di individuare strategie e tecniche di mediazione culturale; sa collaborare a progetti di cooperazione, promuovendo lo sviluppo locale nell' ambito di un ampio contesto internazionale; in ambito aziendale è in grado di mantenere i rapporti con l’estero utilizzando diversi canali di comunicazione e di gestire attività associate alle pubbliche relazioni. Applica in modo sinergico le conoscenze acquisite nell’AREA LINGUISTICA e nell’AREA ECONOMICO-GIURIDICA nella gestione di attività economiche o nella collaborazione all’organizzazione di eventi culturali, usando i diversi media a disposizione e impiegando le nuove tecnologie.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Autonomia di giudizio (making judgements)

Il laureato in Lingue per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LMCCI) sa gestire la complessità, integrando le proprie conoscenze, formulando giudizi anche sulla base di informazioni limitate o non complete, sempre riflettendo sulle responsabilità sociale ed etica delle proprie azioni. In particolare, avrà acquisito
– la capacità di raccogliere e interpretare i dati linguistico-culturali utili a costruire giudizi autonomi nell'ambito della comunicazione internazionale e della mediazione interculturale;
– la capacità di valutare le fonti di informazione con senso critico;
– la consapevolezza delle valenze sociali, politiche ed etiche dei giudizi espressi;
– la capacità di osservare e analizzare dinamiche culturali e fenomeni di globalizzazione, usando strumenti propri della partecipazione e della concertazione;
– la consapevolezza che le conoscenze teoriche sono costitutive della sua professionalità e della sua possibilità di intervenire nel contesto specifico della comunicazione internazionale, acquisendo le informazioni necessarie per programmare interventi.

L'obiettivo dell'autonomia di giudizio si raggiunge applicando i fondamenti teorici, metodologici e analitici propri dell'AREA LINGUISTICA e dell'AREA ECONOMICO-GIURIDICA, integrate nell'AREA DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE
– svolgendo lavori individuali e di gruppo, che prevedono la ricerca, la sistematizzazione e la valutazione di dati nell'ambito delle attività formative proposte;
– realizzando presentazioni in pubblico, individuali e di gruppo, finalizzate alla presentazione e argomentazione del proprio lavoro;
– confrontandosi con i docenti e i colleghi nei diversi contesti didattici.

Abilità comunicative (communication skills)

Il laureato in Lingue moderne per la comunicazione e cooperazione internazionale sa
– usare le lingue straniere e la lingua italiana per comunicare oralmente e per iscritto con interlocutori specialisti e non specialisti, con proprietà di linguaggio e utilizzando i registri adeguati a ciascuna circostanza;
– valutare, scegliere ed utilizzare gli strumenti atti a garantire l'efficacia comunicativa (tradizionali, informatici, multimediali) a seconda del contesto;
– adeguare le forme comunicative alle modalità di trasmissione affinché la comunicazione sia efficace;
– partecipare attivamente in gruppi di lavoro e contribuire alla presa di decisione.

Queste competenze si raggiungono attuando le conoscenze apprese nell’AREA LINGUISTICA in sinergia con gli insegnamenti dell’AREA ECONOMICO-GIURIDICA, applicandole a strumenti e pratiche (laboratori) e utilizzandole nella progettazione e stesura concreta di testi, anche attraverso attività seminariali e di tirocinio (AREA DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE).

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il laureato in Lingue moderne per la comunicazione e cooperazione internazionale
– conosce gli strumenti di aggiornamento scientifico per le discipline inerenti il proprio campo di studi, avendone appreso le nozioni di base;
– è in grado di accedere autonomamente alla letteratura scientifica, anche prodotta nelle lingue studiate;
– usa i sistemi informatici e telematici per acquisire le informazioni necessarie ad approfondire temi specifici;
– è consapevole della ricchezza dell'approccio interdisciplinare e della sua necessità nell'analisi, progettazione e gestione di sistemi complessi;
– ha imparato a imparare e applica questa capacità nelle dimensioni cognitiva, operativa e relazionale per lo più in modo auto-diretto o autonomo.

Queste capacità sono state acquisite sia attraverso la partecipazione ai corsi d'insegnamento (AREA LINGUISTICA, AREA ECONOMICO-GIURIDICA) sia tramite le attività applicative (AREA DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE) volte a integrare ambiti di ricerca generale e specifica nei diversi settori disciplinari, tenendo presente al tempo stesso la necessità sia di aggiornare costantemente i saperi metodologici sia di porre attenzione alle innovazioni tecnologiche.

Prova finale

La prova finale (20 cfu) consiste in una tesi scritta, elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore (e un correlatore), redatta e discussa in lingua italiana o in una delle lingue straniere studiate nella laurea magistrale, su argomenti inerenti qualsiasi disciplina prevista dal piano degli studi nella quale il candidato abbia conseguito almeno 5 cfu.
Il candidato dovrà dimostrare di sapere circoscrivere l'ambito della ricerca e progettarne le fasi di elaborazione. Avvalendosi della bibliografia opportunamente selezionata, dovrà inoltre saper sviluppare un'argomentazione critica coerente, che dimostri una capacità di ragionamento anche autonomo rispetto alle fonti consultate.

Tirocini

Il corso di Laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale mantiene numerosi contatti con aziende e istituzioni del territorio nonché con enti e organizzazioni internazionali con i quali l'Ateneo ha stabilito convenzioni.
Tali esperienze permettono non solo di maturare una conoscenza diretta delle mansioni e problematiche proprie del contesto lavorativo selezionato, ma anche di stabilire rapporti che possono condurre a successive collaborazioni. In particolare, si sottolinea come i tirocini all'estero svolti all'interno di questo corso permettono agli studenti di maturare una preparazione professionale, linguistica e culturale spendibile presso aziende e/o enti nazionali e internazionali.

Due portali dell'Ateneo di Bergamo consentono un incontro efficace tra aziende e studenti/laureati:

Per l'attivazione di tirocini o stage in contesto nazionale:
http://sportello.unibg.it/esse3/Home.do;
Mentre nel contesto internazionale: www.euromondo-bergamo.eu.
Questi strumenti hanno generato un crescente numero dei tirocini curriculari ed extracurriculari.

Nell'anno solare 2014 sono stati 45 gli studenti del CdS in Lingue moderne per comunicazione e la cooperazione internazionale (LMCCI) che hanno svolto un tirocinio (su 77 tirocini delle LM del Dipartimento di Lingue, letterature straniere e comunicazione).

A supporto della mobilità all'estero di studenti e laureati, anche nei casi in cui il piano degli studi non preveda tirocini o stage, il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali ricerca opportunità di formazione on the job all'estero e propone i seguenti progetti:

– Erasmus Traineeship (tirocini in Europa per studenti)
http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/erasmus
Nell'a.s. 2014 ne hanno usufruito 6 studenti del CdS in LMCCI

– Euromondo (tirocini in tutto il mondo per laureati).
http://www.euromondo-bergamo.eu/index.asp
Nell'a.s. 2014 ne ha usufruito 1 studente del CdS in LMCCI

L'attività di assistenza per lo svolgimento di periodi di tirocini e stage è gestita in forma coordinata da un docente referente (prof.ssa Maria Chiara Pesenti) del corso di studi e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo.

L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo, prof.ssa Piera Molinelli.

Il referente del corso di studi per i tirocini fornisce, in qualità di tutor, le informazioni per l'organizzazione di tirocini e stage presso aziende, enti e organizzazioni presenti sul territorio o all'estero e convenzionati con l'Ateneo. Cura l'individuazione di un docente referente che segue lo studente durante l'esperienza. Interagisce con l'ufficio preposto per la definizione del progetto formativo e del programma di lavoro del tirocinante.

L'attività di supporto per lo svolgimento dei tirocini è quindi diversificata e individualizzata, in modo da sostenere al meglio lo studente e consentirgli di mettere in atto sul campo le conoscenze e competenze acquisite. In molti casi i tirocini stimolano lo studente altresì a contestualizzare l'esperienza in un quadro più teorico in occasione dell'elaborazione della tesi di laurea.

Mobilità internazionale
Assistenza e accordi per la mobilita' internazionale degli studenti

Gli studenti dell'Università degli studi di Bergamo dispongono delle seguenti opportunità di mobilità internazionale:

1) Doppio titolo / Double diplôme: LM in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38) / Master 2 Commerce international et langues appliquées (CILA):
L'Université Lumière Lyon 2 e l'Università degli Studi di Bergamo hanno stipulato un accordo di cooperazione che permette agli studenti del corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione internazionale (LMCCI), di conseguire contemporaneamente la Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione internazionale (LM-38) e il Master 2 Commerce international et Langues appliquées (CILA) rilasciato dall'Université Lumière Lyon 2 (France), con la frequenza presso l'università partner di una parte stabilita del percorso di studio.(v. pdf allegato) (data della convenzione: 01/10/2013, durata anni 3).
La referente dell'accordo di doppio titolo è la Prof. Cécile Desoutter.

2) 50 università partner in 9 paesi dell'UE e circa 144 posti messi a bando dal Dipartimento di Lingue Letterature straniere e Comunicazione, per periodi di mobilità a scopo di studio nell'ambito dei programmi Erasmus+. La maggior parte delle sedi è fruibile da studenti del CdS in LMCCI.
(http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/erasmus/outgoing).

3) programmi di mobilità verso le seguenti Università di paesi extra Unione Europea:
- FDU Fairleigh Dickinson University - Madison NJ (USA)
- UTS - University of Technology Sydney (Australia)
- Dalian University of Foreign Languages (RPC)
- Nanjing Normal University (RPC)
- Pushkin Leningrad State University (Russia) (http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/programmi-di-...).

L'ufficio Orientamento e Programmi Internazionali d'Ateneo si occupa dell'informazione e del supporto per la mobilità internazionale per gli studenti, nonché della promozione dei percorsi di studio in lingua inglese (http://www.unibg.it/internazionalizzazione/didattica-internazionalizzata...).

Il coordinatore del Dipartimento per gli scambi con l'estero è la Prof. Cécile Desoutter che è anche il referente (Tutor) per gli scambi internazionali del Corso di Studi in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale.

Per ogni scambio Erasmus esiste inoltre un docente referente di sede a disposizione degli studenti interessati e dei candidati selezionati per dare assistenza nella scelta di corsi ed esami. Si organizzano inoltre incontri di preparazione mirati al raggiungimento del livello di competenza richiesto per le lingue diverse da quelle principali.

Eventuali altre iniziative

SERVIZIO PER LE DISABILITA E DSA

Gli studenti con disabilità e/o con DSA, possono prendere contatto col docente referente del proprio Dipartimento per concordare sia le attività formative dell'anno in corso e gli interventi da realizzare. Il docente referente ha il compito di segnalare agli altri docenti del corso di studio eventuali elementi di difficoltà, di comunicare alla Commissione eventuali problemi da affrontare coinvolgendo gli uffici competenti, di fornire un contributo personale di assistenza allo studente in modo da rendere più agevole il suo percorso di studio.

Il docente referente per il Dipartimento, nominato con Decreto Rettorale, è la prof.ssa Ada Valentini:
(http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/servizio-disab...):

L'Università degli studi di Bergamo fornisce agli studenti con disabilità e/o con DSA i seguenti servizi:
(http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/servizio-disabili):

1) Servizio di tutorato alla pari, per un massimo di 100 ore per anno accademico, finalizzato al superamento delle barriere didattiche e architettoniche. Il servizio di tutorato consiste nell'organizzazione dell'accompagnamento a lezione all'interno delle sedi universitarie, nel recupero del materiale delle lezioni, nell'intermediazione con i docenti, nel supporto per il disbrigo di pratiche amministrative e di segreteria, come l'iscrizione agli esami, nella compilazione del piano di studi e altro.

2) Servizio di consulenza psicopedagogica finalizzato alla costruzione di un percorso di studio personalizzato, adatto allo studente.

3) Pianificazione mirata di aule e orari di lezione.

4) Conferimento d'incarichi professionali a interpreti L.I.S. (Lingua dei Segni Italiana).

5) Predisposizione di prove equipollenti con l'ausilio di specifici mezzi tecnici, su richiesta e previo accordo con i docenti.

6) Fornitura di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici (PC attrezzati, registratori, ecc.), concessi in uso per tutta la durata del corso di studi.

7) Organizzazione di seminari dedicati.

8) Possibilità di richiedere l'acquisto di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici.

9) Servizio di accompagnamento a lezione per studenti con disabilità motoria o visiva.

È inoltre attivo l'Ufficio per i servizi agli studenti con disabilità e/o DSA, a cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni sui servizi erogati e sulle opportunità attivate rispetto all'accompagnamento, a interventi specifici di supporto individuale e borse di studio. (http://www.unibg.it/campus-e-servizi/servizi-gli-studenti/servizio-disabili).

SUPPORTO ALLO SVILUPPO DELLA COMPETENZA LINGUISTICA

Il servizio delle attività di supporto allo sviluppo della competenza linguistica fa capo al Centro Competenza Lingue dell'Ateneo. Di tale servizio usufruiscono gli studenti per tutte e sei le lingue attualmente attivate sul CdS in Lingue moderne per cooperazione e la comunicazione internazionale.

ORARIO

Per l'a.a. 2014-15, nell'ottica dell'ottimizzazione del comfort degli studenti (specie di quelli lavoratori o pendolari) si è già provveduto a concentrare l'attività didattica dei docenti incardinati sul CdS in Lingue moderne per cooperazione e la comunicazione internazionale nei primi quattro giorni della settimana. Per la presenza di alcuni corsi di lingua comuni al primo e al secondo anno del corso di laurea in LMCCI, si è ritenuto opportuno liberare dall'attività didattica il medesimo giorno per entrambe le annualità. È stato fatto il possibile per applicare il medesimo criterio di efficienza formativa agli insegnamenti mutuati da altri corsi di laurea, insegnamenti il cui numero verrà ulteriormente ridotto nell'a.a. 2015-16, risolvendo così alcune criticità residue dell'orario didattico. Va rilevato, altresì, che l'organizzazione oraria degli addestramenti linguistici permane di competenza del Centro Competenza Lingue. In sinergia con tale centro, il docente responsabile dell'orario del CdS si adopera per razionalizzare l'orario didattico degli insegnamenti obbligatori e degli addestramenti linguistici.
In modo analogo si procederà anche per l AA 2015-16.

SITO WEB DEL CORSO DI STUDIO
Referente della pagina del corso di studio: Prof. Alessandra Ghisalberti

Descrizione del percorso di formazione e dei metodi di accertamento
Descrizione dei metodi di accertamento

Le modalità di accertamento variano in base alle scelte didattiche dei singoli docenti e tengono conto della specifiche conoscenze, capacità e abilità relative alle diverse aree di apprendimento. Il quadro generale si presenta come segue:
• Per gli insegnamenti di area linguistica, la valutazione si articola in due fasi: prova scritta (che generalmente comprende anche una traduzione specialistica da/verso la lingua straniera), nella quale lo studente deve dimostrare il conseguimento della conoscenza della lingua straniera al livello richiesto; prova orale o scritta in lingua straniera, nella quale lo studente deve dar prova di possedere le conoscenze metalinguistiche e gli strumenti critici acquisiti nel corso, strutturando un discorso coerente e correttamente argomentato. Nel caso di L-LIN/01 l'accertamento è orale e consiste nell'esposizione di questioni teoriche e il commento di esempi.
• Nell'area economico-giuridica, la valutazione avviene tramite: prova scritta (domande aperte, comprensione di testi economici) e colloquio con il docente per gli insegnamenti dei settori SECS-P/01 e SECS-P/06; prova orale per gli insegnamenti di IUS/13 e M-GGR/02.
• L'area di applicazioni delle competenze acquisite prevede: prova scritta per il settore SPS/08, l'idoneità informatica; prova orale per i settori L-ART/03, L-ART/05 e L-ART/06. Nei laboratori didattici (senza voto ma con obbligo di frequenza) le competenze acquisite vengono accertate con un elaborato scritto da predisporre nelle settimane successive al laboratorio stesso.

Per gli studenti che non frequentano le lezioni la maggior parte degli insegnamenti prevede letture integrative e/o sostitutive dei materiali utilizzati in aula.