Corso (nome in italiano): 
INTERNATIONAL MANAGEMENT, ENTREPRENEURSHIP AND FINANCE
Corso (nome in inglese): 
INTERNATIONAL MANAGEMENT, ENTREPRENEURSHIP AND FINANCE
Sede didattica: 
BERGAMO
Dipartimento: 
Dipartimento di Scienze Aziendali, Economiche e Metodi Quantitativi

Informazioni generali sul corso

Anno accademico: 
2016/2017
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea MIUR: 
LM-77 - Classe delle lauree magistrali in Scienze economico-aziendali
Codice del corso di studio: 
134-270-EN
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Lingua dell'ordinamento didattico: 
Inglese
Obbligo di frequenza: 
No
Modalità di erogazione: 
Convenzionale
Verifica conoscenze richieste per l'accesso: 
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero
Area di appartenenza del corso: 
Area scienze economiche e statistiche
Il Corso di Studio in breve

I contesti economici e finanziari sempre più globali e ad alto tasso di innovazione necessitano di persone in grado di saper leggere e lavorare in modo innovativo ed imprenditivo in aziende, istituzioni ed organizzazioni operanti in mercati internazionali sempre più interdipendenti e competitivi.
Il percorso di studi magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF), totalmente insegnato in lingua inglese, si propone quindi di sviluppare competenze e capacità sia hard che soft necessarie per diventare manager, imprenditori, analisti e professionisti propositivi del cambiamento e abili nell'operare in un contesto economico, sociale e finanziario multiculturale.
La forte vocazione internazionale, anche grazie ai programmi didattici di mobilità all'estero, supportati dagli accordi di cooperazione scientifica e didattica già attivati con la Higher School of Economics di Nizhny Novgorod (Russia),  la Johannes Kepler Universität di Linz (Austria), con la Geneva School of Economics and Management e da altri accordi  in via di definizione, permetterà sin dal primo anno allo studente un'immersione in ambienti multiculturali ed innovativi. Inoltre, questo percorso di studi sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nei singoli insegnamenti attraverso un apprendimento esperienziale costruito sulla risoluzione di casi di studio didattici e reali, l'interazione con imprese nazionali ed internazionali attraverso field project, simulazioni, e lavori di gruppo ed individuali. Durante questo percorso di studi gli studenti hanno la possibilità di sperimentare da subito un ambiente multiculturale grazie all'interazione con docenti e studenti internazionali, la possibilità di partecipare a programmi didattici tematici e la disponibilità di una vasta offerta di internship europei ed extra-europei.

Lo studente, infine, sin dal primo anno può scegliere tra due distinti curricula: Management, Entrepreneurship, Marketing and Social Change (MEMS) e Management and Finance for International Markets (MAFIM).
- Il curriculum Management, Entrepreneurship, Marketing and Social Change (MEMS) ha l'obiettivo di formare figure professionali in grado di analizzare e agire in contesti economici e sociali complessi ed in continua evoluzione, ed in grado di sviluppare progetti imprenditoriali per nuove realtà economiche, ed innovazione nelle aziende già esistenti nelle principali aree aziendali, tra cui direzione d'impresa, marketing e risorse umane.
- Il curriculum Management and Finance for International Markets (MAFIM) ha l'obiettivo di creare figure professionali preparate al lavoro in organizzazioni finanziarie e commerciali a vocazione globale. Gli scambi finanziari e commerciali, infatti, non posso essere più letti solo all'interno di un solo contesto nazionale, e per tale motivo in questo percorso di studi si svilupperanno conoscenze e competenze chiave per la negoziazione finanziaria, commerciale e della gestione del rischio in contesti globali.

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Manager ed imprenditori di imprese a forte vocazione internazionale
Funzione in un contesto di lavoro:
L'articolazione del corso di laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) dà centralità ai contesti internazionali e fornisce una preparazione di livello avanzato relativamente alle principali aree manageriali aziendali in vari settori con focus sulle specificità del contesto multiculturale e innovativo.
Tali caratteristiche sono state particolarmente apprezzate in sede di consultazione con le parti sociali, e sono anche in linea con i risultati di un’indagine svolta da Assolombarda nel 2011 (cfr. Mengoni L., 2011) che illustra le funzioni prevalentemente richieste dalle aziende lombarde ai laureati in discipline afferenti alle scienze economico-aziendali riguardano le seguenti aree:

GESTIONE DELLE INFORMAZIONI DI MERCATO
- monitoraggio del mercato (clienti, concorrenti, posizionamento aziendale)
- analisi dei bisogni del cliente
- conoscenza dell’offerta aziendale e presentazione alla clientela
Tali funzioni in IMEF vengono particolarmente stressate in contesti internazionali e socialmente complessi

PIANIFICAZIONE
- elaborazione di flow-chart e di procedure
- costruzione del budget
- definizione di processi aziendali
- elaborazione di piani di sviluppo del personale
- programmazione di interventi formativi
Tali funzioni in IMEF vengono ulteriormente sviluppate per la pianificazione all'interno di diverse realtà aziendali: attività imprenditoriali, PMI, imprese di medie dimensioni e multinazionali

CONTROLLO
- valutazioni ex ante ed ex post e monitoraggio dell’impatto economico dei progetti
- monitoraggio degli stati di avanzamento delle attività
- verifica del corretto svolgimento di un processo
- valutazione dei rischi finanziari delle attività e dei progetti di impresa
In IMEF predilige la lettura, la comprensione ed il controllo di progetti complessi ed innovativi in settori manifatturieri e di servizio.

GESTIONE DELLE INFORMAZIONI
- produzione di report
- selezione dati in relazione alle necessità di utenti diversi
- raccolta, analisi e interpretazione dei dati tenendo conto del contesto aziendale
- presentazione dei risultati di progetto a colleghi, clienti e altri stakeholder
- redazione di verbali
- gestione data base
In IMEF oltre allo sviluppo della padronanza della lingua inglese per la gestione delle informazioni,
di particolare rilievo è la diversa modalità della gestione delle informazioni rispetto ai contesti culturali di riferimento

GESTIONE DELLE RELAZIONI in diversi settori aziendali, a diversi livelli dell’organizzazione e con diversi stakeholder interni ed esterni.
- capacità di lavorare in team
- capacità di ascolto e dialogo
- capacità di attivare/mantenere relazioni fiduciarie con colleghi, clienti e fornitori
- capacità negoziali
Tali funzioni in IMEF vengono particolarmente stressati in contesti organizzativi multiculturali

Tali funzioni si possono anche esplicitare nella gestione di singole funzioni aziendali (ad esempio: direzione d'impresa, gestione delle risorse umane, del lavoro e della produzione, marketing, finanza, progettazione e gestione delle reti intra e inter-organizzative).

Competenze associate alla funzione:
Lo sviluppo di programmi internazionali e l’attenzione al confronto con soggetti globali è teso a differenziare il corso di laurea attraverso lo sviluppo di competenze professionali che consentano al laureato di inserirsi in contesti internazionali fortemente competitivi, con competenze manageriali e finanziarie.

In linea con il rapporto Excelsior (2013) sulle competenze fondamentali per le aziende italiane per l’assunzione dei neo-laureati, al termine della laurea magistrale, i laureati IMEF sviluppano competenze manageriali in tutte le funzioni strategiche e operative spendibili in contesti competitivi multi-culturali sia in Italia che all'estero.
In particolare, lo studente sviluppa le seguenti competenze:
- capacità di lavorare in gruppo (elemento ritenuto molto importante nel 57,5% delle assunzioni): in questo percorso formativo tale competenza è estesa anche ai contesti multiculturali e a situazioni di stress e time pressure
- capacità comunicative scritte e orali (elemento ritenuto molto importante nel 53,6% delle assunzioni) : in IMEF tale conoscenza è estesa anche agli strumenti di digital e social media.
- capacità di problem solving (ritenuto molto importante nel 51,7% delle assunzioni): in IMEF tale competenza è estesa all'analisi ed interpretazione del cambiamento in atto sia in mercati nazionali sia in quelli internazionali
- abilità nel gestire le relazioni con clienti e fornitori (ritenuto molto importante nel 51,1% delle assunzioni) in questo percorso formativo tale competenza è estesa anche ai contesti de-localizzati
- capacità di lavorare in autonomia (ritenuto molto importante dal 46,1% delle assunzioni), in questo percorso formativo tale competenza è fortemente sviluppata attraverso lavori e assignement individuali

Sbocchi professionali:
In linea con i dati Almalaurea (2014) sulle prospettive lavorative e gli esiti occupazionali dei laureati nella classe di LM-77 e la consultazione con le parti sociali, gli sbocchi professionali dei laureati in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sono numerosi e, tra questi, i principali sono:
• manager e/o junior manager in marketing
• manager e/o junior managerdigital marketing
• international sales manager
• import e export manager
• imprenditori e responsabili di piccole aziende votate all'internazionalizzazione
• human resource manager e gestione delle relazioni industriali anche a livello internazionale
• international key account manager
• imprenditori in aziende di famiglia e nuove imprese operanti in contesti internazionali.
• project manager
Trader e risk manager
Funzione in un contesto di lavoro:
L'articolazione del corso di laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) dà centralità ai contesti internazionali e consentirà di fornire una preparazione di livello avanzato relativamente alle principali aree della finanza internazionale.

Tale specializzazione di finanza internazionale permetterà ai laureati IMEF di sviluppare competenze in tutte le aree chiave della finanza con l'obiettivo di formare figure professionali idonee a inserirsi nelle varie aree di business degli intermediari finanziari (commercial, corporate e investment banking) in qualità di analista, gestore di portafoglio, trader. Saranno inoltre acquisite le competenze necessarie a inserirsi nelle aree della misurazione e della gestione del rischio e della pianificazione finanziaria sia all'interno di imprese commerciali che di intermediari finanziari.

Le principali funzioni e competenze degli specialisti in attività finanziarie internazionale sono:
- esame, analisi ed interpretazione delle informazioni finanziarie e contabili per formulare pareri, preparare indicazioni e proposte su questioni finanziarie internazionali;
- sviluppo e conduzione di transazioni finanziarie assicurando la conformità con le leggi e i regolamenti nazionali ed intenazionali
- analisi quantitative su programmi e piani di investimento per imprese, banche e organizzioni finanziarie
- determinazione del grado di rischio nel fornire crediti a persone o organizzazioni operanti in contesti internazionali;
- valutazione per la corresponsione di prestiti e le condizioni della loro garanzia e restituzione.
- problem solver per questioni riguardanti le dinamiche che governano il funzionamento dei mercati, la gestione dei rischi finanziari e la gestione degli strumenti finanziari
- definire strategie e attività finanziarie per imprese di diverse dimensioni e settore merceologico a forte vocazione internazionale

Competenze associate alla funzione:
Lo studente sviluppa quindi competenze nelle aree chiave della finanza quali:
- comprensione ed interpretazione del funzionamento dei mercati e dei prodotti finanziari internazionali;
- applicazione dei principi della finanza matematica per verificare i fattori di rischio in contesti internazionali;
- problem solving per il lavoro di risk- manager;
- capacità di gestione del lavoro e dei gruppi al fine di svolgere il lavoro del risk manager;
- sviluppo di strumenti statistici ed econometrici per interpretare dati diversi provenienti da fonti di dati diversi;
- sviluppo e gestione di portafogli di investimento
- comunicare con semplicità e chiarezza concetti finanziari anche complessi
principi per la strutturazione e la valutazione di prodotti di tipo finanziario e assicurativo;
- conoscenza e padronanza dei mercati e dei prodotti per il trasferimento di rischi finanziari e assicurativi (riassicurazione e cartolarizzazione);
- padronanza delle tecniche e strumenti per la valutazione dei prodotti finanziari e assicurativi.
Sbocchi professionali:
I maggiori sbocchi occupazionali per il trader and risk manager sono in istituzioni bancarie, assicurative e finanziarie che operano anche al di fuori dei confini nazionali, ed in enti e istituzioni di governo e controllo del mercato del credito e degli scambi dei titoli a livello nazionale e sovranazionale.
In linea con i dati Almalaurea (2014) sulle prospettive lavorative e gli esiti occupazionali dei laureati nella classe di LM-77 e le consultazioni con le parti sociali, gli sbocchi professionali dei laureati in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sono numerosi e, tra questi, i principali s sono:
- risk manager in imprese di diversa dimensione e settore industriale
- esperto analista finanziario in imprese di diversa dimensione e settore industriale
-responsabile finanziario in imprese di diversa dimensione e settore industriale
- inserimento in team manageriali di banche, assicurazioni, agenzie immobiliari e di intermediazione finanziaria internazionale
- attività di consulenza finanziaria indipendente
- inserimento in autorità di vigilanza
- family office
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
  • Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private - 2.5.1.2.0
  • Specialisti in risorse umane - 2.5.1.3.1
  • Specialisti dell’organizzazione del lavoro - 2.5.1.3.2
  • Specialisti in attività finanziarie - 2.5.1.4.3
  • Specialisti nell’acquisizione di beni e servizi - 2.5.1.5.1
  • Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi (escluso il settore ICT) - 2.5.1.5.2
  • Analisti di mercato - 2.5.1.5.4
  • Specialisti delle pubbliche relazioni, dell'immagine e professioni assimilate - 2.5.1.6.0
  • Specialisti dell'economia aziendale - 2.5.3.1.2
Requisiti di ammissione

L'ammissione alla Laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) di studenti italiani o stranieri (comunitari ed extra-comunitari) con titolo straniero o italiano è soggetta a un processo di valutazione atto ad attestare l'idoneità del candidato; tale processo si basa sull'accertamento dei requisiti curriculari e sulla verifica della adeguata preparazione dello studente.

Per essere ammessi al corso di laurea è necessario il possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo.
È inoltre richiesto il possesso di requisiti curriculari che variano in base alla classe della laurea triennale di provenienza.

1) In particolare, possono accedere al Corso di LM in IMEF i laureati provenienti dalle seguenti classi, di qualsiasi (ex) Facoltà e Università italiana:
- D.M. 270/04:
Classe L-18 - Scienze dell'economia e della gestione aziendali
Classe L-33 - Scienze economiche
- D.M. 509/99:
Classe 17 - Scienze dell'economia e della gestione aziendale
Classe 28 - Scienze economiche
- ante D.M. 509/99: Diploma di laurea di durata quadriennale del vecchio ordinamento conseguita presso una (ex) Facoltà di Economia.

2) Per i laureati provenienti da altre classi di laurea, requisito curriculare per l'accesso è avere acquisito minimo 60 cfu (nel percorso triennale e/o master, iscrizione a corsi singoli) nei settori scientifico-disciplinari presenti nelle seguenti aree (v. Allegato D del DM 4 ottobre 2000):
- Area 13 - Scienze economiche e statistiche: tutti i SSD
- Area 12 - Scienze giuridiche
IUS/01 diritto privato
IUS/02 diritto privato comparato
IUS/04 diritto commerciale
IUS/05 diritto dell'economia
IUS/06 diritto della navigazione
IUS/07 diritto del lavoro
IUS/08 diritto costituzionale
IUS/09 istituzioni di diritto pubblico
IUS/10 diritto amministrativo
IUS/12 diritto tributario
IUS/13 diritto internazionale
IUS/14 diritto dell'Unione Europea
IUS/15 diritto processuale civile
IUS/16 diritto processuale penale
IUS/17 diritto penale
IUS/20 filosofia del diritto.

Dei suddetti 60 CFU, almeno 18 devono riguardare i SSD:
SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-P/09, SECS-P/10 e SECS-P/11.

Tra i requisiti curriculari è inoltre prevista la conoscenza della lingua inglese di livello B2.

Lo studente deve essere in possesso dei requisiti curriculari prima della verifica dell'adeguatezza della personale preparazione, che verrà accertata secondo le modalità indicate nel regolamento didattico del corso di studio.

Orientamento
Orientamento in ingresso

Il corso di studio fornisce supporti e attività di orientamento ai potenziali interessati attraverso:
- la Guida online all'orientamento
- la propria Pagina Web, nella quale sono reperibili le informazioni essenziali relative alle modalità di accesso, ai calendari e ai piani di studio dei vari curricula
- il servizio Orientamento e Programmi Internazionali, preposto alle attività di orientamento pre-universitario, in itinere e di inserimento nel mondo del lavoro, il quale opera in stretta collaborazione con i referenti delle scuole secondarie superiori, con le aziende e gli enti pubblici.

Il servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo, coordina le seguenti attività in cooperazione con i docenti del corso di studio e con i responsabili del Servizio studenti:
- Open day per Lauree triennali e magistrali a ciclo unico, per presentare agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado i corsi di laurea attivati e tutti i servizi offerti agli iscritti
- Tutorato per l'attivazione del tirocinio formativo in Italia e all'estero
- Counselling orientativo individuale e di gruppo, affidato a un esperto dell'orientamento, per approfondire le scelte formative e professionali
- Open day per Lauree magistrali, per illustrare l'offerta formativa di secondo livello a chi sta per terminare una laurea triennale e a chi, già inserito nel mondo del lavoro, vuole arricchire la propria preparazione professionale.

Il servizio Orientamento e Programmi Internazionali gestisce inoltre lo sportello informativo SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole, dove gli studenti indecisi e i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'università ed avere un supporto nell'inserimento nell'ambiente universitario).

L'attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata dal Consiglio di corso di studio, che nomina un docente referente, e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, che opera attraverso la Commissione Orientamento, Tirocini e Placement.

L'attività è progettata e verificata con cadenza bimestrale tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduta dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.

Contatti e recapiti utili:
Guida online all'orientamento: http://www.unibg.it/orientamento
Pagina web del corso di studio: http://www.unibg.it/LS-IMEF
Ufficio Orientamento e Programmi Internazionali: http://www.unibg.it/orientamento

Docente di riferimento del Corso di studio per le attività di orientamento: PROF. DANIELA ANDREINI
indirizzo mail: daniela.andreini@unibg.it

Orientamento e tutorato in itinere

Il corso di studio fornisce supporti e attività di orientamento e tutorato in itinere ai propri studenti attraverso:
- la propria Pagina Web, nella quale sono reperibili le informazioni essenziali relative alle modalità di accesso, ai calendari, ai piani di studio dei vari curricula, ai programmi degli insegnamenti, ai docenti titolari di insegnamenti, ecc.
- il servizio Orientamento e Programmi Internazionali, preposto alle attività di orientamento pre-universitario, in itinere e di inserimento nel mondo del lavoro, il quale opera in stretta collaborazione con i referenti delle scuole secondarie superiori, con le aziende e gli enti pubblici.

Le attività di orientamento in ingresso si dividono in:
- Attività informative:
o sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole, dove gli studenti indecisi e i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'università ed avere un supporto nell'inserimento nell'ambiente universitario)

- Attività formative o di orientamento più specifiche:
o Counselling orientativo individuale e di gruppo, affidato a un esperto dell'orientamento, per approfondire le scelte formative e professionali.
o Effettuazione di una rilevazione verso tutti gli studenti che non abbiano conseguito CFU nella prima sessione.

L'attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata dal Consiglio di corso di studio, che nomina un docente referente, e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, che opera attraverso la Commissione Orientamento, Tirocini e Placement.

L'attività è progettata e verificata con cadenza bimestrale tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduta dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.

Contatti e recapiti utili:
Pagina web del corso di studio: http://www.unibg.it/LS-IMEF
Ufficio Orientamento e Programmi Internazionali: http://www.unibg.it/orientamento

Docente di riferimento del Corso di studio per le attività di orientamento e tutorato in itinere: PROF. DANIELA ANDREINI
indirizzo mail: daniela.andreini@unibg.it

Accompagnamento al lavoro

L'attività di accompagnamento al lavoro è gestita in forma coordinata dalla prof. DANIELA ANDREINI docente referente del corso di studi e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo (http://www.unibg.it/node/272).

L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.

Grazie ad un'intensa attività di networking, l'Ateneo di Bergamo può contare sull'ospitalità di circa 5.000 enti pubblici e privati (in Italia e all'estero) convenzionati per stage e tirocini che spesso divengono anche i datori di lavoro dei nostri laureati.

Dal punto di vista didattico, è innanzitutto importante ricordare che il presente corso di studi prevede la possibilità di aderire al progetto di Apprendistato in Alta Formazione, operando una curvatura della didattica per studenti che vengano inseriti in azienda con tale contratto (http://www.unibg.it/node/290).

Inoltre, nella ricerca di offerte altamente qualificate e qualificanti per gli studenti e laureati, sono stati siglati specifici accordi con i seguenti soggetti:
- Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Oltre al servizio di supporto nell'attivazione di tirocini e stage (di cui al punto B5.3), l'Ateneo di Bergamo offre numerose attività di preparazione all'ingresso nel mercato del lavoro. Tra queste si ricorda, in particolare, il counseling professionale individualizzato (http://www.unibg.it/node/273): una risorsa dello staff OSP dedicata supporta lo studente/laureato nella redazione del curriculum vitae, nella ricerca attiva di opportunità di lavoro e nella simulazione di un colloquio (in lingua italiana o in inglese).

Per promuovere l'incontro tra laureati e mondo del lavoro, l'Università di Bergamo propone eventi quali il Career Day, nella sua duplice edizione dedicata ai laureati, rispettivamente, del polo Economico-Giuridico-umanistico (edizione primaverile) e a quelli del polo Scientifico-Ingegneristico (edizione invernale). In occasione di entrambi i Career Day, il Servizio OSP propone “Scurricula”, un'attività formativa interattiva, finalizzata a dare indicazioni agli studenti/laureati su come proporsi durante il colloquio in azienda.

Inoltre, ai fini di garantire ai propri studenti e laureati un servizio di placement sempre allineato agli standard richiesti a livello nazionale, l'Ateneo di Bergamo aderisce (fin dal 2006) ai bandi del progetto FIxO (promossi da Italia Lavoro, agenzia tecnica del Ministero del Lavoro), volti ad implementare l'occupazione giovanile. Nel 2015, le attività di FIxO sono state rivolte al sostegno dei percorsi in alto apprendistato e alla promozione del piano Garanzia Giovani.

Un'ultima azione molto importante a sostegno dell'occupabilità dei laureati è il bando Euromondo, che permette di finanziare la mobilità all'estero dei laureati per esperienze di tirocinio.

Obiettivi formativi e competenze attese
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo (A4.a)

I contesti sempre più globali in cui le imprese e gli istituti finanziari operano e si sviluppano, necessitano di persone in grado di leggere ed operare in modo innovativo ed imprenditivo.
Il corso di studi magistrale in “International Management, Entrepreneurship and Finance”, totalmente in lingua inglese prepara ad operare in un contesto con un tasso di innovazione tecnologica e sociale sempre più veloce e con una forte interconnessione tra management, finanza, economia e cambiamenti sociali.

Gli obiettivi formativi sono volti a sviluppare un'esperienza internazionale e multiculturale degli studenti, anche grazie ai programmi didattici di mobilità all'estero, supportati dagli accordi di cooperazione formativa e didattica con l'Università di Washington, con la Higher School of Economics di Nizhny Novgorod (Russia) e la and Johannes Kepler Universität di Linz (Austria), nonché all'attivazione del progetto “Global Business Internship”, in partnership con aziende internazionali.
Lo sviluppo di programmi internazionali e l'attenzione al confronto con manager, docenti e studenti provenienti da contesti innovativi e multiculturali sono alla base dello sviluppo di competenze professionali specifiche che si distinguono in percorsi formativi orientati all'imprenditorialità, alla strategia d'innovazione aziendale, alla leadership globale, al management in contesti multiculturali, al digital marketing management e ai nuovi modelli di consumo o alle aree e tecniche innovative della finanza e del business internazionale.

Il progetto formativo prevede, al proprio interno:
- un approfondimento orientato all'imprenditorialità, alla strategia d'innovazione aziendale, alla leadership globale, al change management, al digital marketing management e ai nuovi modelli sociali e di consumo. Vengono sviluppate le capacità di analisi di problemi complessi e di problem solving, necessarie per creare una nuova classe imprenditoriale e manageriale consapevole del diverso impatto socio-economico delle imprese e delle istituzioni nei diversi mercati internazionali. L'imprenditorialità diffusa, le start-up innovative e la partecipazione attiva dei consumatori sono cambiamenti socio-economici che necessitano di innovative competenze ed abilità imprenditoriali e manageriali in grado di co-creare valore economico-sociale.
Per tale motivo, vengono erogati insegnamenti per lo sviluppo di competenze di analisi qualitativa e quantitativa innovative (come per esempio Market research for business development and innovation); capacità di leadership e gestione di gruppi di lavoro multiculturali (per esempio il corso in Diversity Management); conoscenza delle fonti di approvvigionamento globale (International Business and Trade), sviluppo per innovazioni di prodotto e di processo (per esempio Innovation Management) e di sviluppo dell'imprenditoria (Entrepreneurship Bootcamp). Inoltre, in molte delle attività formative, è prevista la partecipazione attiva delle imprese che, insieme agli studenti, co-sviluppano nuove conoscenze e abilità attraverso la soluzione di reali casi di studio.

- un approfondimento orientato alle aree e alle tecniche innovative della finanza e del business internazionale. Vengono sviluppate tematiche relative all'internazionalizzazione delle imprese e delle istituzioni finanziarie, agli scambi commerciali e finanziari internazionali e allo sviluppo di studi quantitativi e qualitativi per la finanza e lo sviluppo del business internazionale. Gli studenti possono scegliere di sviluppare maggiormente le capacità di analisi e di decision making per la finanza internazionale in ambito aziendale ed istituzionale. In tal caso, gli obiettivi formativi sono rivolti a creare figure professionali adatte ad operare in istituti finanziari nazionali ed internazionali o nell'area della finanza internazionale d'impresa. Per tali motivi, saranno sviluppate maggiormente le competenze per la pianificazione e la gestione finanziaria dell'impresa nell'ottica internazionale (per esempio attraverso il corso di Advanced Corporate Finance ) e capacità specifiche di analisi quantitativa finanziaria, quali il risk management e gli strumenti derivati per gli intermediari finanziari e le imprese operanti in contesti globali (per esempio attraverso il corso di Credit and Operational Risks Measurement). Anche nell'area finanziaria in molte delle attività formative, è prevista la partecipazione attiva delle imprese che, insieme agli studenti, co-sviluppano nuove conoscenze e abilità attraverso la soluzione di reali casi di studio.

Al termine della laurea magistrale, i laureati IMEF avranno sviluppato capacità e competenze imprenditoriali e manageriali in tutte le funzioni strategiche e operative spendibili sia in Italia che all'estero. I profili formati saranno anche appetibili ad aziende votate all'esportazione e all'approvvigionamento globale e caratterizzate da un forte orientamento all'innovazione di prodotto e di processo.

Risultati di apprendimento attesi / Conoscenza e comprensione / Capacità di applicare conoscenza e comprensione (A4.b)
Area Manageriale
Conoscenze e comprensione:
Il laureato magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) al termine del percorso di studi acquista gli strumenti teorici, metodologici ed esperienziali atti a comprendere ed analizzare con autonomia di giudizio la complessità di governo e gestione delle imprese di diversa dimensione e settore industriale.
Nello specifico il laureato acquisirà:
- le conoscenze, le abilità e gli atteggiamenti necessari per operare in ruoli manageriali e imprenditoriali all'interno delle aziende (o come consulenti aziendali) in contesti multiculturali ed internazionali;
- lo sviluppo di conoscenze relative a diversi modelli teorici ed applicativi di direzione aziendale in contesti internazionali e socialmente complessi;
- conoscenze, abilità ed atteggiamenti necessari per sviluppare e guidare le imprese di diverse dimensioni in contesti internazionali e particolarmente dinamici;
- le risorse cognitive ed operative per la creazione di start-up innovative o per sviluppare nuovi progetti all'interno di imprese già consolidate;
- le conoscenze teoriche e applicative legate all’analisi, comprensione e governo delle dinamiche evolutive in atto nei mercati internazionali e lo sviluppo di strategie innovative di prodotto e di processo;
- le conoscenze teoriche e pratiche per creare valore in contesti sociali complessi, in cui il valore è co-creato con la società, i consumatori, le imprese e le istituzioni;
- le conoscenze teoriche e pratiche relative alle decisioni di marketing con particolare riferimento alle tecnologie digitali e ai nuovi comportamenti dei consumatori e delle imprese clienti.
L'acquisizione di tali competenze avviene attraverso:
- la frequenza attiva alle lezioni;
- lo studio individuale;
- il superamento delle prove di accertamento delle conoscenze.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nell’area Manageriale in ogni insegnamento attraverso:
- lo svolgimento di esercitazioni individuali e di gruppo con studenti e insegnanti italiani e stranieri;
- la risoluzione di casi di studio innovativi con l’applicazione di framework teorici e strumenti di analisi finanziarie, di marketing e manageriali;
- la simulazione di problematiche aziendali e di mercato con l’ausilio di tecnologie digitali;
- l’interazione con imprese nazionali ed internazionali con cui gli studenti sviluppano articolati lavori individuali e di gruppo;
- field project;
- l'attivazione di seminari e testimonianze del mondo imprenditoriale internazionale;
- la ricerca bibliografica nazionale ed internazionale;
- opzionalmente, lo svolgimento di uno stage all'estero
In particolare il laureato è in grado di:
- riconoscere le variabili ambientali e istituzionali che condizionano le decisioni di impresa in un contesto internazionale:
- costruire ed interpretare i modelli strategici di impresa;
- leggere e interpretare gli articoli di economia internazionale.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Finanza e Intermediari Finanziari
Conoscenze e comprensione:
Il laureato magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) – soprattutto se lo studente sceglie il curriculum Curriculum “Management and Finance for International Markets” – (MAFIM) - al termine del percorso di studi, tramite la frequenza assidua alle lezioni e ai lavori di gruppo sviluppati durante i corsi impartiti , lo studio individuale e il superamento delle prove di accertamento delle conoscenze, acquista gli strumenti teorici, metodologici ed esperienziali atti a comprendere ed analizzare con autonomia di giudizio il funzionamento dei mercati e degli intermediari finanziari internazionali con riferimento alle tematiche sia di governo sia di gestione.

Nello specifico il laureato acquisirà:
- Conoscenza dei principi di funzionamento dei mercati finanziari, della politica monetaria e dei metodi dell'analisi econometria, con particolare riferimento ai mercati finanziari internazionali;
- Conoscenze, abilità e attitudine per comprendere la gestione ed il governo dei processi all’interno di intermediari finanziari operanti in contesti internazionali;
- Competenze e conoscenze manageriali relative alla comprensione e governo di rischi finanziari, di strumenti di valutazione di operazioni finanziarie complesse, di derivati e di tecniche più avanzate per l'analisi dei fenomeni finanziari;
- Conoscenza e gestione di diversi contesti di rischio/incertezza, al fine di impostare correttamente problemi finanziari quantitativamente complessi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nell’area Finanza attraverso:
- lo svolgimento di esercitazioni individuali e di gruppo con studenti e insegnanti italiani e stranieri;
- la risoluzione di casi di studio innovativi con l’applicazione di framework teorici e strumenti di analisi finanziarie, di marketing e manageriali;
- la simulazione di problematiche aziendali e di mercato con l’ausilio di tecnologie digitali;
- l’interazione con imprese nazionali ed internazionali con cui gli studenti sviluppano articolati lavori individuali e di gruppo;
- field project;
- l'attivazione di seminari e testimonianze del mondo imprenditoriale internazionale;
- la ricerca bibliografica nazionale ed internazionale;
- opzionalmente, lo svolgimento di uno stage all'estero.
Il laureato sa pianificare e gestire operazioni di emissione di titoli di debito e di capitale di rischio sui mercati, valutare di credito dei soggetti affidati dagli intermediari finanziari, pianificare e gestire operazioni di finanza strutturata, valutare con metodologie quantitative appropriate una vasta gamma di strumenti finanziari, utilizzare metodologie di valutazione dei rischi finanziari.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Gestione risorse umane e comportamenti organizzativi
Conoscenze e comprensione:
Il laureato magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) al termine del percorso di studi, tramite la partecipazione attiva ai corsi, ai lavori di gruppo sviluppati durante i corsi, e lo sviluppo della tesi di laurea, acquista gli strumenti teorici, metodologici ed esperienziali atti ad acquisire conoscenze, le abilità e gli atteggiamenti necessari per operare in ruoli manageriali e imprenditoriali all'interno delle aziende o come consulenti aziendali.

Nello specifico il laureato acquisirà:
- conoscenze relative a abilità e atteggiamenti personali leadership e di lavoro in gruppo multiculturali, allenando le capacità di ascolto, di gestione delle tensioni, di apprendimento innovativo e multiculturale, di iniziativa e di assertività;
- conoscenze di carattere organizzativo, nonché di lettura dei fenomeni organizzativi all'interno delle realtà aziendali internazionali, sia da un punto di vista manageriale e sia da un punto di vista consulenziale;
- conoscenze relative alla gestione strategica delle risorse umane e strumenti specifici di relazioni sindali in contesti multiculturali.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nell’area gestione risorse umane e comportamenti organizzativi in ogni insegnamento attraverso:
- lo svolgimento di esercitazioni individuali e di gruppo con studenti e insegnanti italiani e stranieri;
- la risoluzione di casi di studio innovativi con l’applicazione di framework teorici e strumenti di analisi organizzativi e manageriali;
- Role Play in aula;
- la simulazione di problematiche aziendali e di mercato con l’ausilio di tecnologie digitali;
- l’interazione con imprese nazionali ed internazionali con cui gli studenti sviluppano articolati lavori individuali e di gruppo;
- l’attivazione di seminari e testimonianze del mondo imprenditoriale internazionale;
- la ricerca bibliografica nazionale ed internazionale.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Economica
Conoscenze e comprensione:
Il laureato al termine del percorso di studi acquisirà gli strumenti teorici, metodologici ed culturali atti a comprendere ed analizzare con autonomia di giudizio la complessità di funzionamento dei sistemi economici.
Nello specifico il laureato acquisirà:
- conoscenze riguardanti gli strumenti teorici e metodologici funzionali alla comprensione dei modelli di comportamento di un'economia monetaria internazionale, all'analisi del comportamento delle imprese nelle diverse forme di mercato e all'analisi degli aspetti internazionali del funzionamento del sistema economico,
- conoscenze di natura economica (sia riferite ai modelli di interpretazione del comportamento delle imprese e dei mercati internazionali, sia riferite alla loro rappresentazione econometria, sia in relazione alla conoscenza degli aggregati economico-finanziari che definiscono il sistema e alle relazioni tra questi aggregati e la politica economica)
- conoscenze e capacità di comprensione degli strumenti e dei modelli di politica economica europea e internazionale.
Queste competenze sono raggiunte attraverso:
- la frequenza assidua e attiva alle lezioni;
- lo studio individuale;
- il superamento delle prove di accertamento delle competenze
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nell’area gestione risorse umane e comportamenti organizzativi attraverso:
- lo svolgimento di esercitazioni individuali e di gruppo con studenti e insegnanti italiani e stranieri;
- l’attivazione di seminari e testimonianze del mondo della ricerca di mercato internazionale.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Matematica Statistico
Conoscenze e comprensione:
Il laureato al termine del percorso di studi acquisirà gli strumenti teorici e metodologici (matematici e statistici) utili per l’individuazione l’elaborazione dei dati necessari ai processi decisionali di impresa o necessari per la comprensione dei modelli che stanno alla base della gestione dei rischi negli intermediari finanziari.
Il laureato acquisirà:
- conoscenze relative alla probabilità e statistica avanzata per la finanza e le decisioni d’impresa internazionali;
- conoscenza degli strumenti matematici utilizzati nelle discipline a carattere aziendale e finanziario;
- i metodi quantitativi di ottimizzazione utili a supportare le decisioni aziendali, soprattutto per la lettura di diversi scenari internazionali
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nell’area Matematico Statistica in ogni insegnamento:
- lo svolgimento di esercitazioni individuali e di gruppo con studenti e insegnanti italiani e stranieri;
- la risoluzione di casi di studio innovativi con l’applicazione di modelli matematici avanzati;
- la simulazione di problemi di ottimizzazione manageriale legati a temi strategici e di operation;
- l’utilizzo di software statistici in laboratori informatici.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Giuridico
Conoscenze e comprensione:
Il laureato al termine del percorso di studi acquisirà le conoscenze giuridiche necessarie per l’operatività delle aziende in ambito nazionale e internazionale.
Nello specifico il laureato acquisirà:
- conoscenze avanzate di diritto commerciale internazionale
- conoscenze avanzate circa la disciplina dell'amministrazione e del controllo delle società e gruppi multinazionali
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La laurea magistrale in International Management, Entrepreneurship and Finance (IMEF) sviluppa e permette la sperimentazione concreta delle conoscenze e abilità acquisite nell’area giuridica in ogni insegnamento:
- la risoluzione di sentenze internazionali;
- l’attivazione di seminari e testimonianze del mondo imprenditoriale internazionale;
- la ricerca bibliografica nazionale ed internazionale.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Autonomia di giudizio (making judgements)

L'autonomia di giudizio viene sviluppata attraverso uno studio critico e la discussione in aula di testi e articoli scientifici e manageriali internazionali.
La presenza di database bibliografici, economici, settoriali e d'impresa permettono allo studente di acquisire capacità di lettura ed interpretazione dei dati, degli indici e degli indicatori nazionali ed internazionali.
La discussione di casi di studio e le simulazioni attraverso nuovi sistemi informatici digitali permettono agli studenti di sviluppare un pensiero critico e creativo, volto al problem solving e all'innovazione.
Infine, l'interazione con manager di imprese di diversa dimensione e settore economico permettono agli studenti di apprendere il processo di rielaborazione dei concetti, in forma personale e a confrontarsi con gli altri studenti e i docenti.
Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in forma scritta e orale, nell'ambito della preparazione della prova finale e nello svolgimento delle eventuali presentazioni d'aula durante il corso.

Abilità comunicative (communication skills)

Grazie alle frequenti presentazioni, previste in molti degli insegnamenti, di report in forma scritta e orale, sia in aula in gruppo e sia singolarmente, il laureato magistrale in International Management, Leadership and Finance (IMEF) è in grado di:
- esporre in forma scritta e orale in lingua inglese, in modo efficace e con un linguaggio adeguato a diversi interlocutori;
- ha capacità di lavorare in gruppo, gestire lo stress e le situazioni conflittuali e multiculturali;
- può comunicare e lavorare agevolmente attraverso diversi sistemi operativi e strumenti digitali che vengono utilizzati comunemente in aula o all'interno dei gruppi di lavoro.

L'acquisizione delle abilità comunicative sopraelencate avviene, inoltre, tramite l'attività svolta dallo studente per la preparazione della prova finale e la discussione della medesima in lingua inglese.
Anche lo svolgimento dell'eventuale internship in Italia e all'estero permette l'apprendimento e l'applicazione di abilità comunicative complesse.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Al termine del percorso di studio il laureato magistrale avrà acquisito capacità di apprendimento che lo renderanno autonomo nell'approfondire e sviluppare le proprie conoscenze e competenze relative alla gestione di aziende, istituzioni ed organizzazioni operanti in mercati internazionali sempre più interdipendenti e competitivi.
Il raggiungimento di tali capacità avviene attraverso la discussione in aula di testi e articoli scientifici e manageriali, lo svolgimento e la correzione di lavori individuali e di gruppo, esami (scritti e orali) e attraverso la preparazione della prova finale. L'eventuale internship in Italia e all'estero consente di ricondurre gli schemi concettuali acquisiti alle concrete problematiche delle aziende che operano sia in campo nazionale che internazionale.

Prova finale

La prova finale consiste nella preparazione e nella relativa discussione di una dissertazione scritta, elaborata dal candidato sotto la supervisione di un relatore: la dissertazione deve dimostrare capacità critica e contenere elementi di originalità teorica o empirica.
In particolare la prova finale dovrà prevedere una parte di impostazione teorica e una parte di analisi empirica.

La discussione e la redazione della tesi può essere solo in lingua inglese.

Tirocini

L'attività di assistenza per lo svolgimento di periodi di tirocini e stage è gestita in forma coordinata dalla prof. DANIELA ANDREINI, docente referente del corso di studi, e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo.

L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.

Due portali dell'Ateneo di Bergamo consentono un incontro efficace tra aziende e studenti/laureati:
- ESSE3 (sistema gestionale adottato dall'Ateneo anche per altri processi) per le procedure amministrative necessarie per il convenzionamento, l'attivazione di un tirocinio o uno stage e per la pubblicazione gratuita di offerte di tirocinio o di lavoro (http://sportello.unibg.it/esse3/Home.do)
- MPS per l'acquisizione gratuita delle liste dei propri laureati (http://stage.unibg.it/)

L'Ateneo di Bergamo, inoltre, incentiva la mobilità all'estero, anche laddove il tirocinio non sia previsto nel piano di studi. In supporto alla mobilità, il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali propone ai propri studenti e laureati la partecipazione ai seguenti progetti:
- Erasmus Plus traineeships (tirocini in Europa per studenti)
- Leonardo da Vinci (tirocini in Europa per laureati) conclusosi a maggio 2015
- Sprint e Prime (tirocini negli USA per studenti)
- Euromondo (tirocini in tutto il mondo per laureati)

Oltre a ciò, sia i docenti referenti per il corso di laurea che il personale del servizio si attivano per ricercare possibili opportunità di formazione on the job all'estero.

Mobilità internazionale
Assistenza e accordi per la mobilita' internazionale degli studenti

Il servizio Orientamento e Programmi Internazionali d'Ateneo si occupa dell'informazione e del supporto per la mobilità internazionale per gli studenti, nonché della promozione dei percorsi di studio in lingua inglese.

Gli studenti del corso di laurea hanno l'opportunità di partecipare al principale programma di mobilità in Europa, ossia Erasmus+, che consente di svolgere un periodo di studio presso un'altra istituzione europea con la quale è attivo un accordo di scambio (http://www.unibg.it/node/343); attualmente sono disponibili circa 150 destinazioni di mobilità degli studenti in Europa.

E' inoltre possibile partecipare ai seguenti programmi di mobilità verso paesi Extra UE(http://www.unibg.it/node/344):
- FDU Fairleigh Dickinson University - Madison NJ (USA)
- Wayne State University (Detroit, USA)
- Colorado State University Pueblo (USA)
- UTS - University of Technology Sydney (AUS)
- CETYS (MEX)

Inoltre, il Dipartimento di Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi prevede di estendere entro l'a.a. 2016-17 agli studenti iscritti al presente corso di laurea la possibilità di partecipare ai seguenti programmi di mobilità internazionale:
- Boarding Pass
- Complementary Degree Program in Global Business
- Global Class Summer Tour.

Il coordinatore per gli scambi con l'estero del Dipartimento di Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi è il Prof. Edoardo Ezio Della Torre.

L'elenco completo delle Istituzioni Partner sia europee che extra-europee è disponibile sul sito dell'Ateneo: http://en.unibg.it/node/1942

Eventuali altre iniziative

Servizi per i Disabili

L'Università degli studi di Bergamo, nella sua responsabilità di garantire pieno rispetto dei diritti umani e di promuovere il diritto allo studio, al progetto di vita, all'inclusione e alla più ampia e attiva partecipazione all'ambiente di studio, individua un settore specifico di intervento verso gli studenti con disabilità e/o DSA (disturbi specifici dell'apprendimento).
A tal fine è stata costituita la Commissione per i servizi alle disabilità e ai DSA, composta dai Delegati dei singoli Dipartimenti, cui sono demandati i compiti di individuare le esigenze degli studenti con disabilità e/o con DSA per predisporre gli opportuni interventi di accoglienza, accompagnamento, tutorato didattico e valutarne l'efficacia.
È inoltre attivo l'Ufficio per i servizi agli studenti con disabilità e/o DSA, a cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni sui servizi erogati e sulle opportunità attivate rispetto all'accompagnamento, a interventi specifici di supporto individuale e borse di studio.

Docenti referenti per Dipartimento

Per facilitare il contatto con gli studenti diversamente abili e/o con DSA, il Dipartimento di Scienze Aziendali, economiche e metodi quantitativi ha nominato il Prof. STEFANO LUCARELLI quale proprio referente con il quale lo studente e/o i familiari possono prendere contatti per concordare sia le attività formative dell'anno in corso, sia gli interventi da realizzare. Il Referente ha il compito di segnalare agli altri docenti eventuali elementi di difficoltà, di comunicare alla Commissione eventuali problemi da affrontare coinvolgendo gli uffici competenti e di fornire un contributo personale di assistenza allo studente per rendere più agevole il percorso di studio.

Servizi agli studenti Disabili e portatori di DSA

Di seguito, i principali servizi offerti (http://www.unibg.it/node/301):
- Servizio di tutorato alla pari, per un massimo di 100 ore per anno accademico, finalizzato al superamento delle barriere didattiche ed architettoniche. Il servizio di tutorato consiste nell'organizzazione dell'accompagnamento a lezione all'interno delle sedi universitarie, nel recupero degli appunti, nell'intermediazione con i docenti, nel disbrigo di pratiche amministrative e di segreteria, come l'iscrizione agli esami, nella compilazione del piano di studi ed altro.
- Servizio di consulenza psicopedagogica;
- Pianificazione mirata di aule ed orari di lezione;
- Conferimento d'incarichi professionali ad interpreti L.I.S. (Lingua dei Segni Italiana);
- Predisposizione di prove equipollenti su richiesta e previo accordo con i docenti con l'ausilio di specifici mezzi tecnici;
- Fornitura di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici (PC attrezzati, registratori, ecc.), concessi in uso per tutta la durata del corso di studi;
- Organizzazione di seminari dedicati;
- Possibilità di richiedere l'acquisto di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici.

Descrizione del percorso di formazione e dei metodi di accertamento
Descrizione dei metodi di accertamento

La valutazione delle conoscenze e competenze acquisite dallo studente avviene attraverso il superamento delle prove di accertamento (esami).
La modalità della prova di accertamento può essere solo scritta, solo orale o scritta e orale secondo le specificità degli insegnamenti e dei docenti stranieri o italiani che si occupano dell'erogazione de corso.
A titolo d'esempio, la valutazione delle conoscenze in alcuni corsi esperienziali come per esempio i corsi che trattano le tematiche relativa a Entrepreneurship, Marketing e Leadership può avvenire anche attraverso la presentazione di progetti e la soluzione di reali casi di studio presentati da manager di aziende nazionali ed internazionali.

Diversamente, in ambito giuridico, il metodo di accertamento viene effettuato con una modalità orale, mentre in ambito matematico-statistico viene privilegiata la modalità scritta in virtù della specificità degli argomenti trattati.

La tipologia delle prove, siano esse scritte o orali, prevede una valutazione sia delle conoscenze teoriche (verificabili tramite domande aperte e/o test a risposta multiple) sia delle conoscenze pratiche (verificabili tramiti esercitazioni o discussioni di casi ed articoli). Tali prove di accertamento delle conoscenze hanno la finalità di valutare, non solo le conoscenze teoriche e/o pratiche acquisite dallo studente, ma soprattutto le capacità critiche e di ragionamento ed elaborazione, particolarmente in ambito manageriale.

Tutte le prove di accertamento della comprensione e conoscenza sono in lingua inglese.