Corso (nome in italiano): 
ECONOMIA AZIENDALE
Corso (nome in inglese): 
BUSINESS ADMINISTRATION
Sede didattica: 
BERGAMO
Dipartimento: 
Dipartimento di Scienze Aziendali, Economiche e Metodi Quantitativi

Informazioni generali sul corso

Anno accademico: 
2016/2017
Tipo di corso: 
Laurea triennale
Classe di laurea MIUR: 
L-18 - Classe delle lauree in Scienze dell'economia e della gestione aziendale
Codice del corso di studio: 
87-270
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Lingua dell'ordinamento didattico: 
Italiano
Obbligo di frequenza: 
No
Modalità di erogazione: 
Convenzionale
Verifica conoscenze richieste per l'accesso: 
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero
Area di appartenenza del corso: 
Area scienze economiche e statistiche
Il Corso di Studio in breve

Il corso di studio in Economia aziendale mira a formare laureati in grado di comprendere, analizzare e gestire problematiche relative ad aziende e imprese nei diversi contesti. Ciò presuppone la costruzione di una solida base interdisciplinare che comprenda anche competenze economiche, quantitative e giuridiche, e che definisca un insieme di conoscenze che pongano il laureato in grado di relazionarsi con un ambiente mutevole e complesso.
In considerazione della vastità delle tematiche interessate il corso di studio presenta tre curricula che consentono di fornire le conoscenze richieste dalle diverse tipologie di aziende (pubbliche/private, industriali/bancarie/commerciali etc, profit e non profit), nelle diverse funzioni aziendali e nei vari mercati di riferimento.

La base comune interdisciplinare si rafforza pertanto con competenze più specifiche secondo i potenziali sbocchi occupazionali.
I curricula attivati sono:
- Amministrazione, contabilità e controllo delle aziende
- Direzione d'impresa
- Commercio estero e Mercati finanziari

Il percorso prevede l'obbligatorietà del tirocinio come esperienza formativa sul campo particolarmente significativa, con possibilità anche di tirocini all'estero.

Il Corso di laurea e i relativi contenuti sono conformi all'accordo siglato nel 2015 tra l'Università degli Studi di Bergamo e l’Ordine dei Dottori commercialisti ed esperti contabili di Bergamo nel rispetto delle previsioni contenute nella convenzione quadro siglata dal Consiglio Nazionale e dal MIUR nel mese di ottobre 2014.
L’accordo prevede:
- l'inserimento di materie specifiche nel corso di laurea, consentendo ai laureati triennali di essere esonerati dalla prima prova scritta nell'esame di Stato per l'accesso alla sezione B dell'Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili.
- la possibilità di svolgere il tirocinio professionale per sei mesi in concomitanza con l’ultimo anno del corso di laurea in Economia aziendale.

Gli sbocchi occupazionali e le attività professionali connessi alla laurea in Economia aziendale sono nelle aziende, dove i laureati potranno svolgere funzioni di responsabilità direzionali, imprenditoriali o di consulenza, nei settori industriali, commerciali, dei servizi (in particolare i servizi finanziari), nelle pubbliche amministrazioni e nel non profit, nonché nelle libere professioni dell'area economico-aziendale.

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Profilo generico
Funzione in un contesto di lavoro:
Il laureato in Economia aziendale può svolgere funzioni di esecutività qualificata ma anche di responsabilità direzionali, imprenditoriali o di consulenza, nei settori industriali, commerciali, dei servizi (in particolare i servizi finanziari), nelle pubbliche amministrazioni e nelle libere professioni dell’ area economico-aziendale.
Nel contesto lavorativo il laureato deve esprimere una capacità di comprensione e analisi dei problemi ma al contempo di sintesi nell’individuare soluzioni operative. Il laureato deve essere in grado di trasferire le competenze tecniche ,e soprattutto, le logiche acquisite durante il corso di studi su problemi concreti di natura aziendale. Ciò implica una solida base di formazione, acquisita attraverso gli insegnamenti seguiti, ma anche una spiccata flessibilità nel rielaborare e adattare quanto appreso, portando innovazioni coerenti con l’azienda di riferimento.
Competenze associate alla funzione:
In generale i laureati delle laurea di Economia aziendale possono svolgere le seguenti attività:
- attività direzionali in aziende private e pubbliche con riferimento all’area amministrativa, all’area contabile e alla redazione dei bilanci aziendali
- attività di controller
- attività di auditor interno
- attività di libero professionista come esperto contabile e revisore dei conti
- attività manageriali nelle varie funzioni (marketing, finanza, personale, amministrazione etc.) della generalità delle aziende (private, pubbliche)
- attività di consulenza e attività professionale
- attività imprenditoriale (in proprio o nelle aziende di famiglia)
- attività manageriali nelle aziende che operano con i mercati internazionali nelle aree export, approvvigionamento, marketing e finanza
- attività presso banche e altri intermediari finanziari
- attività di analista finanziario junior.
Sbocchi professionali:
Gli sbocchi occupazionali e le attività professionali connessi alla presente laurea sono nelle aziende, dove i laureati potranno svolgere le attività sopradescritte. Pertanto la collocazione naturale dei laureati è all’interno di:
- imprese industriali, commerciali, di servizi
- imprese bancarie e finanziarie
- società di consulenza e studi professionali
- pubblica amministrazione e settore pubblico in generale
- aziende del non profit
- istituti di ricerca
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
  • Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali - 3.3.1.1.1
  • Contabili - 3.3.1.2.1
  • Economi e tesorieri - 3.3.1.2.2
  • Amministratore di stabili e condomini - 3.3.1.2.3
  • Tecnici dell'organizzazione e della gestione dei fattori produttivi - 3.3.1.5.0
  • Tecnici della gestione finanziaria - 3.3.2.1.0
  • Tecnici del lavoro bancario - 3.3.2.2.0
  • Agenti assicurativi - 3.3.2.3.0
  • Periti, valutatori di rischio e liquidatori - 3.3.2.4.0
  • Agenti di borsa e cambio, tecnici dell’intermediazione titoli e professioni assimilate - 3.3.2.5.0
  • Tecnici dei contratti di scambio, a premi e del recupero crediti - 3.3.2.6.1
  • Tecnici della locazione finanziaria - 3.3.2.6.2
  • Approvvigionatori e responsabili acquisti - 3.3.3.1.0
  • Responsabili di magazzino e della distribuzione interna - 3.3.3.2.0
  • Commissari e aggiudicatori d'asta - 3.3.3.3.1
  • Periti commerciali - 3.3.3.3.2
  • Tecnici della vendita e della distribuzione - 3.3.3.4.0
  • Tecnici del marketing - 3.3.3.5.0
  • Tecnici della pubblicità - 3.3.3.6.1
  • Tecnici delle pubbliche relazioni - 3.3.3.6.2
  • Spedizionieri e tecnici dell'organizzazione commerciale - 3.3.4.1.0
  • Agenti di commercio - 3.3.4.2.0
  • Agenti concessionari - 3.3.4.3.0
  • Agenti di pubblicità - 3.3.4.4.0
  • Agenti e periti immobiliari - 3.3.4.5.0
  • Rappresentanti di commercio - 3.3.4.6.0
  • Controllori fiscali - 3.4.6.5.0
  • Tecnici dei servizi pubblici di concessioni licenze - 3.4.6.6.1
Requisiti di ammissione

Coloro che intendono iscriversi al corso di laurea in Economia aziendale devono possedere il Diploma di scuola media superiore di durata quinquennale o altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, nonché di Diploma di scuola media superiore di durata quadriennale e del relativo anno integrativo o, ove non più attivo, del debito formativo assegnato.
Per l'accesso al corsi di laurea in Economia aziendale è necessario il possesso di un bagaglio minimo di attitudini e competenze per affrontare con successo il percorso di studi prescelto. Tali conoscenze riguardano:
- lingua inglese (livello B1)
- matematica
- lingua italiana (per gli studenti stranieri).

E' prevista la verifica di tali conoscenze attraverso test di verifica iniziale (TVI) obbligatori, da svolgersi in modalità on-line presso i laboratori informatici della sede del Dipartimento di Scienze Aziendali, Economiche e Metodi Quantitativi.

In caso di mancato superamento dei TVI, si prevede la frequenza obbligatoria di corsi propedeutici/di recupero per coloro ai quali è assegnato l'obbligo formativo aggiuntivo (OFA). Al termine del corso il docente certificherà la proficua presenza dello studente al corso e l'OFA si riterrà assolto.

Gli studenti in possesso di certificazioni/attestati riconosciuti di livello adeguato (per la richiesta di esonero dai test è necessario trasmettere alla Segreteria studenti l'apposito modulo a mezzo mail o fax entro le scadenze in esso indicate) non è richiesta la partecipazione ai TVI.

Per maggiori dettagli consultare il link:
http://www.unibg.it/struttura/struttura.asp?cerca=eco_propedeutici

Orientamento
Orientamento in ingresso

L'attività di orientamento è gestita in forma coordinata da un docente referente (prof.ssa Giovanna Galizzi) del corso di studi ed il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo.
L'attività è progettata e verificata con cadenza bimestrale tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.
Le attività di orientamento in ingresso si dividono in attività informative ed attività formative.

Nel primo gruppo si inseriscono i momenti in cui il personale dell'Università degli studi di Bergamo (operatori del Servizio Orientamento, un docente del Corso di studi) incontra gli studenti delle scuole secondarie superiori per presentare l'offerta formativa, la strutturazione dei percorsi di studio e gli sbocchi professionali ed occupazionali collegati. Momenti tipici di questa attività sono le presentazioni all'interno delle scuole secondarie del territorio Lombardo (37 nell'a.a. 2014/2015), la partecipazione ai saloni dell'Orientamento (19, di cui 1 all'estero nell'a.a. 2014/2015) e la giornata dell'Open Day di Ateneo. Gli studenti presenti all'Open day 2015 in via dei Caniana a Bergamo sono stati 1933, che talvolta hanno assistito a più di una presentazione per un totale di 2878 iscrizioni alle presentazioni.
Inoltre, nel periodo delle immatricolazioni e dell'inizio delle lezioni, è attivo uno sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole) dove i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'università ed avere un supporto nell'inserimento nell'ambiente universitario.
Nell'ambito delle attività formative o di orientamento più specifiche, l'Università degli Studi Bergamo propone momenti di counseling individuale o di gruppo e progetti ponte.
Il monitoraggio dell'efficacia di queste azioni è consentito tramite la raccolta dei codici fiscali, che permette di verificare quanti ragazzi, che hanno partecipato a queste iniziative, poi si immatricolino presso l'Ateneo. Questi dati, uniti ai feedback raccolti direttamente dai partecipanti, costituiscono uno degli elementi di base per la progettazione annuale delle attività.

Attività specifiche del corso di laurea:
- continuano gli incontri di presentazione nelle scuole svolte dal docente referente o da docenti che si rendano disponibili.
- dal 2013 è stato attivato a livello di Dipartimento un ciclo di incontri presso la sede universitaria (Unibg student for a day) rivolto agli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori, al fine di far conoscere le aree di studio e le possibili potenzialità del corso di laurea. Nel 2015 nell'ambito dell'Unibg student for a day si sono svolti 4 incontri con contenuti relativi alle aree matematica, internazionale, amministrativa e finanza, con il coinvolgimento di 265 studenti.
Il Consiglio di Corso di Studio definisce azioni specifiche da attivarsi a supporto delle matricole. Nell'a.a. corrente sono stati attivati i seguenti progetti:
Progetto “Buddy”: organizzazione di incontri con studenti-tutor appositamente individuati per aiutare gli studenti del primo anno ad orientarsi nel funzionamento dell'università (orari, piani studio, iscrizioni esami, etc.) . I tutor hanno svolto un prezioso ruolo di mediatore con i docenti nel favorire la diffusione delle informazioni e nel segnalare criticità e problemi.
Progetto “Studio Smart”: rivolto agli studenti con difficoltà nel superamento delle prove intermedie e/o esami con un ciclo di incontri sul metodo di studio e sull'organizzazione del tempo.
Progetto “Pillole di Rinforzo dell'Apprendimento” : mini-lezioni in formato digitale della durata di massimo 15/20 minuti in cui si affrontano tramite esercizi alcuni argomenti ritenuti maggiormente critici.

Orientamento e tutorato in itinere

L'attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata da due docenti referenti (prof. Giovanna Galizzi e Gianpaolo Baronchelli) del corso di studi ed il Servizio Orientamento, Stage e Placement, struttura centrale di Ateneo.
L'attività è progettata e verificata con cadenza bimestrale tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.
Le attività di orientamento si dividono in:
- Attività informative:
- Open Day delle Lauree magistrali
- sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole, dove gli studenti indecisi e i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'università ed avere un supporto nell'inserimento nell'ambiente universitario)
- Attività formative o di orientamento più specifiche:
- Incontri di counseling individuale
- Effettuazione di una rilevazione presso tutti gli studenti che non abbiano conseguito CFU nella prima sessione

Accompagnamento al lavoro

L’attività di accompagnamento al lavoro è gestita in forma coordinata dal prof. Gianpaolo Baronchelli docente referente del corso di studi e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo (http://www.unibg.it/node/272).
L’attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all’Orientamento Universitario di Ateneo.

Grazie ad un’intensa attività di networking, l’Ateneo di Bergamo può contare sull’ospitalità di circa 5.000 enti pubblici e privati (in Italia e all’estero) convenzionati per stage e tirocini che spesso divengono anche i datori di lavoro dei nostri laureati.
Inoltre, nella ricerca di offerte altamente qualificate e qualificanti per gli studenti e laureati, sono stati siglati specifici accordi con i seguenti soggetti:
- Presidenza del Consiglio dei Ministri

Oltre al servizio di supporto nell’attivazione di tirocini e stage (di cui al punto B5.3), l’Ateneo di Bergamo offre numerose attività di preparazione all’ingresso nel mercato del lavoro. Tra queste si ricorda, in particolare, il counseling professionale individualizzato (http://www.unibg.it/node/273): una risorsa dello staff OSP dedicata supporta lo studente/laureato nella redazione del curriculum vitae, nella ricerca attiva di opportunità di lavoro e nella simulazione di un colloquio (in lingua italiana o in inglese). Il servizio è stato fruito da 93 persone nel 2014/2015.

Per promuovere l’incontro tra laureati e mondo del lavoro, l’Università di Bergamo propone eventi quali il Career Day, nella sua duplice edizione dedicata ai laureati, rispettivamente, del polo Economico-Giuridico-umanistico (edizione primaverile) e a quelli del polo Scientifico-Ingegneristico (edizione invernale). Il career day del polo economico ha visto la partecipazione di 768 studenti/laureati, di cui 380 del Dipartimento DSAEMQ (circa 50% partecipanti). In occasione di entrambi i Career Day, il Servizio OSP propone “Scurricula”, un’attività formativa interattiva, finalizzata a dare indicazioni agli studenti/laureati su come proporsi durante il colloquio in azienda.

Inoltre, ai fini di garantire ai propri studenti e laureati un servizio di placement sempre allineato agli standard richiesti a livello nazionale, l’Ateneo di Bergamo aderisce (fin dal 2006) ai bandi del progetto FIxO (promossi da Italia Lavoro, agenzia tecnica del Ministero del Lavoro), volti ad implementare l’occupazione giovanile. Nel 2015, le attività di FIxO sono state rivolte al sostegno dei percorsi in alto apprendistato e alla promozione del piano Garanzia Giovani.

Proprio tramite Garanzia Giovani, nell’anno 2015, 97 giovani hanno aderito al programma indicando come ente di presa in carico il nostro Ateneo. A seguito dell’analisi della domanda, 37 sono risultati essere privi dei requisiti previsti dal bando (laurea conseguita presso Unibg da non più di 4 mesi, condizione di inoccupazione/disoccupazione e di non studenti).
Sono stati presi in carico 42 laureati, per 37 dei quali è stato possibile staccare una dote in quanto il percorso orientativo si è concluso con l’attivazione di un tirocinio extracurriculare o un contratto di lavoro.

Un’ultima azione molto importante a sostegno dell’occupabilità dei laureati è il bando Euromondo, che permette di finanziare la mobilità all’estero dei laureati per esperienze di tirocinio.
Nello specifico, nel 2015 sono state assegnate 4 borse a studenti del CdL in Economia aziendale.

Obiettivi formativi e competenze attese
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo (A4.a)

Il corso di studio in Economia aziendale mira a formare laureati in grado di comprendere, analizzare e gestire problematiche relative ad aziende e imprese nei diversi contesti. Obiettivo principale del corso di Laurea in Economia Aziendale è di fornire la conoscenza di metodologie di analisi e di interpretazione delle dinamiche aziendali per le imprese private nazionali e internazionali, per le pubbliche amministrazioni e per le organizzazioni non profit.
Nell'ambito del corso di laurea, gli studenti hanno la possibilità di scegliere percorsi formativi maggiormente orientati per tenere conto della domanda del territorio, quali ad esempio la definizione di contenuti coerenti con la convenzione con l'Ordine dei dottori commercialisti, la presenza di una variegata tipologia di aziende, la vocazione all'internazionalizzazione delle imprese e infine la presenza di istituzioni finanziarie di livello nazionale.
Tali percorsi sono definiti nei seguenti curricula con propri fini formativi specifici, pur nell'ambito dell'obiettivo comune delineato e coerente con una laurea in Economia aziendale:
- Amministrazione contabilità e controllo: fornire competenze nell'area amministrativa, contabile, di audit e del controllo di gestione, nel quadro della generale amministrazione delle aziende private, pubbliche e del terzo settore
- Direzione d'impresa: sviluppare le capacità di base di analisi dei fenomeni aziendali e d'ambiente, di decisione in contesti economici e sociali complessi, di gestione nelle diverse aree funzionali d'impresa e nei diversi settori di attività.
- Commercio Estero e Mercati Finanziari: fornire competenze per comprendere la globalizzazione dei mercati, la gestione dei processi di internazionalizzazione delle aziende e i meccanismi delle transazioni finanziarie sia dei mercati, sia degli intermediari finanziari.

L'esistenza di 12 cfu di scelte libere consente di potenziare aree consone alle attitudini e inclinazioni del singolo laureato, meglio delineando il proprio sbocco professionale di riferimento.

L'obbligatorietà del tirocinio dà allo studente l'opportunità di approcciare una prima esperienza aziendale, sia riscontrando operativamente quanto appreso nel corso di studio, sia acquisendo ulteriori competenze tecniche e relazionali. La possibilità di svolgere il tirocinio presso aziende all'estero accresce ulteriormente la valenza formativa dello stesso.

L'impostazione del percorso di apprendimento è pertanto coerente con le istanze espresse dal territorio (quadro A1) e i profili professionali conseguenti già individuati nel quadro A2.a e A2.b

Il corso di studio vede prevalere l'apprendimento nell'ambito economico aziendale ma individua altresì alcune altre aree di apprendimento necessarie per il raggiungimento degli obiettivi formativi generali sopra delineati.

Area di apprendimento economico-aziendale: nell'ambito di quest'area il laureato deve comprendere a fondo che cosa sia un'azienda, quali siano i suoi meccanismi di funzionamento e quali siano gli strumenti fondamentali per cogliere la dimensione sistemica dell'azienda e il suo interfacciarsi con i mercati nazionali e internazionali. Il laureato deve pertanto sviluppare competenze che spaziano dall'economia aziendale alla gestione d'impresa, dall'organizzazione alla finanza, dagli strumenti finanziari agli scambi internazionali, dalla contabilità ai fondamenti del controllo di gestione. Nei diversi curricula sono poi, coerentemente con gli sbocchi coerenti, potenziate le competenze di tipo amministrativo-contabile, di gestione delle diverse funzioni, di gestione dei processi di internazionalizzazione delle imprese, di economia degli intermediari finanziari e degli strumenti finanziari.

Area di apprendimento economica: nell'ambito di quest'area il laureato deve comprendere i meccanismi di funzionamento dei sistemi economici sia a livello micro che macro, potenziando poi a seconda del curriculum scelto la dimensione internazionale piuttosto che quelle di contesto in cui operano le imprese.

Area di apprendimento dei metodi quantitativi: nell'ambito di quest'area il laureato deve acquisire le competenze di base che consentono di comprendere la gestione aziendale attraverso lo strumento matematico-statistico e i fondamenti su cui poggiano alcuni strumenti di analisi gestionale (es per l'area marketing, finanza aziendale, gestione assicurativa, e strumenti dei mercati finanziari etc.).Il laureato deve possedere infine le competenze per l'utilizzo appropriato degli strumenti informatici più comunemente usati e richiesti dalle aziende. Inoltre, attingendo anche da altri corsi dell'ateneo, il laureato può mediante le scelte libere potenziare le conoscenze in quest'area, coerentemente con le sue attitudini o con sbocchi professionali più focalizzati.

Area di apprendimento giuridica: nell'ambito di quest'area il laureato deve acquisire i fondamenti giuridici che regolano il contesto in cui operano i soggetti e che governano il funzionamento delle aziende. In relazione ai curricula e agli sbocchi professionali il laureato rafforzerà le proprie competenze giuridiche nell'ambito tributario, dell'Unione europea e, mediante le scelte libere attingendo ad altri corsi dell'ateneo può potenziare le competenze ad esempio nel diritto del lavoro o di altri ambiti giuridici connessi con la gestione d'impresa.

Area di apprendimento linguistica: nell'ambito di quest'area il laureato deve acquisire una adeguata conoscenza della lingua inglese (livello B2), anche con le specificità del Business English. E' prevista la possibilità, particolarmente coerente in particolare con il curriculum Commercio estero e Mercati finanziari, di acquisire conoscenze di una seconda lingua straniera.

Gli obiettivi formativi specifici sono riconducibili a cinque aree di apprendimento:
- Area economico-aziendale
- Area economica
- Area dei metodi quantitativi
- Area giuridica
- Area linguistica

Con riferimento alle suddette aree, si individuano i seguenti risultati di apprendimento (quadro A4.b):

Risultati di apprendimento attesi / Conoscenza e comprensione / Capacità di applicare conoscenza e comprensione (A4.b)
AREA ECONOMICO-AZIENDALE
Conoscenze e comprensione:
Il laureato del corso di Studio in Economia aziendale deve conoscere e sapere utilizzare i concetti base e il linguaggio scientifico proprio delle discipline economico-aziendali; deve comprendere la natura, il ruolo e le caratteristiche principali dell'azienda (SECS P/07), i meccanismi generali di gestione dell'impresa, nella prospettiva funzionale e nelle declinazioni settoriali (SECS P/08), i principali concetti e schemi di analisi delle strutture organizzative (SECS P /10), gli strumenti di base della rilevazione e sintesi contabile (SECS P/07), gli strumenti di scambio internazionale (SECS P/08), i principali strumenti finanziari e assicurativi (SECS P/11), i fondamenti di Finanza aziendale (SECS P/09) e del Controllo di gestione (SECS P/07).
Il Summer Business Program con l'Università del Missouri permette nell'ambito della scelta libera di inserire insegnamenti in lingua inglese, tenuti da docenti dell'Università di Bergamo e dell'Università del Missouri.
I tre diversi curricula prevedono poi approfondimenti al fine di potenziare le competenze specifiche legate ai diversi sbocchi professionali:

Curriculum Amministrazione, contabilità e controllo delle aziende: il laureato approfondisce le competenze nell'area amministrativa, contabile, di audit e del controllo di gestione, nel quadro della generale amministrazione delle aziende private, pubbliche e del terzo settore (SECS P/07). Sono pertanto insegnamenti caratterizzanti del percorso: Audit e Governance, Programmazione e controllo, Strategia e politiche aziendali, Bilancio e analisi economico-finanziarie, Amministrazione delle aziende pubbliche, Operazioni e bilanci straordinari (SECS P/07).

Curriculum Direzione d'impresa: il laureato sviluppare le capacità di base di analisi dei fenomeni aziendali e d'ambiente, di decisione in contesti economici e sociali complessi, di gestione nelle diverse aree funzionali d'impresa e nei diversi settori di attività. Sono pertanto insegnamenti caratterizzanti del percorso: Marketing, Gestione dei servizi pubblici, Economia e gestione delle imprese industriali, Supply chain e logistica (SECS P/08).

Curriculum Commercio Estero e Mercati Finanziari: il laureato potenzia l’orientamento internazionale e ai mercati finanziari e deve pertanto comprendere il funzionamento dei mercati non domestici da un punto di vista economico, commerciale e produttivo, la gestione dei processi di internazionalizzazione delle aziende, (SECS P/08) e la struttura finanziaria delle aziende, le modalità di acquisizione e investimento delle risorse finanziarie, nonché la struttura e il funzionamento del sistema finanziario e del mercato dei capitali, degli intermediari. Sono pertanto insegnamenti caratterizzanti del percorso Economia e gestione delle imprese internazionali, Marketing internazionale (SECS P/08), Economia degli intermediari finanziari, Economia del mercato mobiliare, Finanziamenti d'aziende (SECS P/11).

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Al termine del percorso di studio il laureato deve essere in grado di
- vedere l’azienda come un tutto unitario, osservando e comprendendone gli aspetti reddituali, finanziari e patrimoniali
- conoscere e applicare le metodologie contabili generali e gli strumenti di programmazione e controllo
- conoscere i processi che sottostanno alle funzioni aziendali chiave ed essere in grado di comprendere gli elementi di
gestione delle varie funzioni aziendali nelle loro caratteristiche generali
- conoscere i tratti essenziali delle prospettive aziendali settoriali (con approfondimenti riguardanti il settore finanziario e internazionale) e cogliere le connessioni sistemiche tra i settori
- essere in grado di lavorare e ragionare in team.

Le conoscenze e le capacità di comprensione sopraelencate, sviluppate nei diversi indirizzi di studio, sono conseguite tramite lezioni frontali, attività di laboratorio, esercitazioni, studio individuale, tutorato collettivo e individuale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove di esame che si svolgono in forma scritta e orale, e nell’ambito della presentazione della prova finale.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA ECONOMICA
Conoscenze e comprensione:
Nell'ambito di quest'area il laureato deve acquisire le basi della micro e macroeconomia che consentano di prendere adeguate decisioni aziendali, comprendendo le caratteristiche essenziali del funzionamento di un’ economia moderna (SECS P/01). Nell'area economica sono poi potenziate (SECS P/01) a seconda del curriculum scelto la dimensione internazionale (Economia delle grandi aree geografiche, Economia internazionale) piuttosto che quelle di contesto in cui operano le imprese (Economia monetaria).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Al termine del percorso di studio il laureato deve essere in grado di inserire le problematiche aziendali all’interno di una lettura del contesto macro e microeconomico e sappia pertanto valutare le implicazioni che le scelte di “sistema” hanno sulla gestione dell’azienda.

Le conoscenze e le capacità di comprensione sopraelencate, sviluppate nei diversi indirizzi di studio, sono conseguite tramite lezioni frontali, attività di laboratorio, esercitazioni, studio individuale, tutorato collettivo e individuale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove di esame che si svolgono in forma scritta e orale, e nell’ambito della presentazione della prova finale.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA DEI METODI QUANTITATIVI
Conoscenze e comprensione:
Nell’ambito di quest’area il laureato deve acquisire gli strumenti matematici (SECS S/06) e statistici (SECS S/01) di base per la rilevazione, la misura e l’analisi quantitativa dei fenomeni gestionali. Il laureato deve possedere infine le competenze per l’utilizzo appropriato degli strumenti informatici più comunemente usati e richiesti dalle aziende. Inoltre, attingendo anche da altri corsi dell’ateneo, il laureato può mediante le opzioni (in particolare S/03 e MAT/09) e le scelte libere potenziare le conoscenze in quest’area, coerentemente con le sue attitudini o con sbocchi professionali più focalizzati.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Al termine del percorso di studio il laureato deve essere in grado di utilizzare gli strumenti quantitativi come supporto per le decisioni aziendali, avendo compreso i fondamenti matematico – quantitativi alla base di strumenti di gestione aziendale. L’utilizzo appropriato dello strumento informatico deve essere collegato al suo impiego in ambito aziendale.

Le conoscenze e le capacità di comprensione sopraelencate, sviluppate nei diversi indirizzi di studio, sono conseguite tramite lezioni frontali, attività di laboratorio, esercitazioni, studio individuale, tutorato collettivo e individuale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove di esame che si svolgono in forma scritta e orale, e nell’ambito della presentazione della prova finale.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA GIURIDICA
Conoscenze e comprensione:
nell’ambito di quest’area il laureato deve acquisire i fondamenti della legislazione che riguarda le aziende e i vari tipi di contratti e società che le riguardano (IUS /01 e IUS/04. In relazione ai curricula e agli sbocchi professionali il laureato rafforzerà le proprie competenze giuridiche nell’ambito tributario (IUS/12) , dell’Unione europea (IUS/14) e, mediante le scelte libere attingendo ad altri corsi dell’ateneo può potenziare le competenze ad esempio nel diritto del lavoro o di altri ambiti giuridici connessi con la gestione d’impresa.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Al termine del percorso di studio il laureato deve avere compreso i fondamenti legislativi e deve avere acquisito la capacità di individuare le norme pertinenti nei diversi contesti operativi e di valutare come esse impattano sui comportamenti e sulle decisioni aziendali.

Le conoscenze e le capacità di comprensione sopraelencate, sviluppate nei diversi indirizzi di studio, sono conseguite tramite lezioni frontali, attività di laboratorio, esercitazioni, studio individuale, tutorato collettivo e individuale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove di esame che si svolgono in forma scritta e orale, e nell’ambito della presentazione della prova finale.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA LINGUISTICA
Conoscenze e comprensione:
Nell’ambito di quest’area il laureato deve acquisire un’adeguata conoscenza della lingua inglese (livello B2), anche con le specificità del Business English. E’ prevista la possibilità, particolarmente coerente in particolare con il curriculum Commercio estero , di acquisire conoscenze di una seconda lingua straniera.
Si segnala che, nell’ambito delle scelte libere del corso di studio, è possibile partecipare al già citato Summer program con l’Università del Missouri che accresce anche le competenze linguistiche e relazionali.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Al termine del percorso di studio il laureato deve avere raggiunto il livello B2 e deve quindi utilizzare le competenze linguistiche per relazionarsi sia in forma scritta che orale in un contesto aziendale e commerciale.

Le conoscenze e le capacità di comprensione sopraelencate, sono conseguite tramite lezioni frontali, attività di laboratorio, esercitazioni, studio individuale, tutorato collettivo e individuale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove di esame che si svolgono in forma scritta e orale.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Autonomia di giudizio (making judgements)

Il laureato deve, al termine del proprio percorso:

- essere in grado di raccogliere, elaborare autonomamente e di trarre indicazioni gestionali dai dati economico-aziendali e macroeconomici, anche di carattere finanziario
- sapere approcciare i problemi aziendali in un’ottica sistemica, utilizzando gli strumenti in modo interdisciplinare e valutando gli impatti delle singole decisioni sul complesso aziendale
- essere in grado di valutare il funzionamento dei sistemi aziendali e dei vari sistemi con cui questi, anche a livello internazionale, interagiscono
- sapere utilizzare gli elementi di base delle metodologie statistico-economiche per capire meglio i problemi gestionali di ogni tipo di impresa
- sapere comprendere le caratteristiche dell'attività imprenditoriale ed i suoi legami con la pubblica autorità e le sue regole
- sapere individuare, nell'ambito dell'analisi aziendale, le criticità che determinano i risultati d'impresa.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata attraverso uno studio critico di testi e documenti e nella preparazione della prova finale. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in forma scritta ed orale, nell'ambito della preparazione della prova finale e nello svolgimento delle eventuali presentazioni d'aula durante il corso.

Abilità comunicative (communication skills)

Il laureato, deve :
- essere in grado di redigere relazioni scritte e rapporti di lavoro sulle analisi effettuate, compresi i temi di interesse proprio ad esempio per la stesura della tesi di laurea, utilizzando i vari ed opportuni strumenti di comunicazione
- sapere relazionarsi con interlocutori interni ed esterni all'azienda (abilità che si rafforza attraverso l'attività di tirocinio)
- possedere una conoscenza della lingua inglese e, preferibilmente, di una seconda lingua straniera, in forma parlata e scritta, adeguata al proprio ambito di competenze, in particolare per quanto riguarda i concetti economici ed economico-aziendali; la lingua inglese è finalizzata all'utilizzo nell'ambiente lavorativo dei settori economico-aziendali e pertanto ne vengono evidenziate e studiate le specificità in termini di lessico e di situazioni.

Le abilità comunicative scritte ed orali sono sviluppate nell'ambito delle lezioni e degli esami, della prova finale e della discussione della medesima, dello stage, dei lavori di gruppo. La lingua inglese e un'eventuale seconda lingua a scelta dello studente vengono apprese e verificate tramite specifici insegnamenti e le relative prove di verifica. L'abilità comunicativa in lingua straniera, in particolare, può essere potenziata anche attraverso la frequenza di insegnamenti del piano di studi offerti in lingua inglese. Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame che si svolgono in forma scritta ed orale, e nell'ambito della preparazione della prova finale.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il laureato deve, al termine del suo percorso:
- sapere individuare autonomamente gli strumenti per aggiornare e ampliare la propria conoscenza e le proprie competenze
- sapere impostare una ricerca bibliografica, anche se su un tema sufficientemente circoscritto e deve sapere selezionare i testi di riferimento e i contenuti pertinenti
- essere consapevole del metodo che porta alla costruzione del ragionamento economico-aziendale strutturato coerente e finalizzato ad obiettivi specifici
- essere in grado di applicare le conoscenze e le abilità acquisite anche in sede di autoaggiornamento e di aggiornamento professionale o di prosecuzione degli studi verso la laurea magistrale

Le capacità di ulteriore autonomo apprendimento, infatti, consentono agli studenti dotati di intraprendere studi di livello superiore (laurea magistrale, master di primo livello). Il raggiungimento di tali abilità è comprovato dal superamento delle prove d'esame, che si svolgono in forma scritta ed orale e, soprattutto, nell'ambito della preparazione della prova finale.

Prova finale

La prova finale consiste nella stesura di una breve relazione scritta.
La prova dovrà consentire di valutare l'acquisita padronanza degli strumenti metodologici, teorici e delle loro applicazioni, appresi durante il corso di laurea, nonché la capacità di effettuare una ricerca bibliografica e di individuare correttamente le fonti per l'accesso a dati empirici.

Tirocini

L’attività di assistenza per lo svolgimento di periodi di tirocini e stage è gestita in forma coordinata dal prof. Gianpaolo Barochelli, docente referente del corso di studi e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo.

L’attività è progettata e verificata con cadenza bimestrale tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all’Orientamento Universitario di Ateneo.

Per permettere un più efficace incontro tra aziende e studenti/laureati, l’Ateneo di Bergamo mette a disposizione due portali:
- ESSE3 (sistema gestionale adottato dall’Ateneo anche per altri processi) per le procedure amministrative necessarie per il convenzionamento, l’attivazione di un tirocinio o uno stage e per la pubblicazione gratuita di offerte di tirocinio o di lavoro (http://sportello.unibg.it/esse3/Home.do)
- MPS per l’acquisizione gratuita delle liste dei propri laureati (http://mps.unibg.it/);

L’Ateneo di Bergamo incentiva la mobilità all’estero, anche laddove il tirocinio non sia previsto nel piano di studi. In supporto alla mobilità, il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali propone ai propri studenti e laureati la partecipazione ai seguenti progetti:
- Erasmus Plus traineeships (tirocini in Europa per studenti)
- Leonardo da Vinci (tirocini in Europa per laureati) conclusosi a maggio 2015
- Sprint e Prime (tirocini negli USA per studenti)
- Euromondo (tirocini in tutto il mondo per laureati)

I tirocini curriculari ed extracurriculari attivati da studenti del Corso di studio nell’anno accademico 2014/15 sono 415 (curriculari) e 47 extracurriculari.

Oltre a ciò, sia i docenti referenti per il corso di laurea che il personale del servizio si attivano per ricercare possibili opportunità di formazione on the job all’estero e questo ha permesso a 2 studenti e un laureato del corso di studio di partecipare al programma Sprint. Infine 4 studenti del corso di laurea hanno svolto tirocinio extracurriculare all’estero nell’ambito del progetto Euromondo.

Il corso di laurea ha attivato anche un Progetto di tirocini continuativi con un tutor dedicato. Dopo una prima esperienza esplorativa nel 2013, il progetto si è consolidato con un affinamento delle modalità di implementazione.

Mobilità internazionale
Assistenza e accordi per la mobilita' internazionale degli studenti

Gli studenti del corso di laurea hanno l'opportunità di partecipare al principale programma di mobilità in Europa, ossia Erasmus+, che consente di svolgere un periodo di studio presso un'altra istituzione europea con la quale è attivo un accordo di scambio (http://www.unibg.it/node/343); attualmente sono disponibili circa 150 destinazioni di mobilità degli studenti in Europa.
In elenco sono indicate quelle più significative per il corso di studio.

Per tutti gli studenti dell'Ateneo sono inoltre disponibili programmi di mobilità verso paesi Extra UE:
- FDU Fairleigh Dickinson University - Madison NJ (USA)
- University of Missouri-Columbia (USA)
- Colorado State University Pueblo (USA)
- UTS - University of Technology Sydney (AUS)
- CETYS (MEX)

Nello specifico il corso di laurea ha una buona intensità degli scambi Erasmus e la presenza consolidata del Summer Business Program, in collaborazione con l'Università del Missouri-Columbia (USA).
Queste iniziative e fattori danno al corso di laurea un respiro internazionale che accresce le opportunità di scambio culturale tra gli studenti e coinvolge vari docenti sui programmi Erasmus e sul programma Missouri.

Il coordinatore del Dipartimento SAEMQ per gli scambi con l'estero è il Prof. Edoardo Della Torre.

Eventuali altre iniziative

Servizi per le disabilità e i DSA (www.unibg.it/disabili)

Per facilitare il contatto con gli studenti diversamente abili e/o con DSA, oltre ad un Prorettore di Ateneo, il Dipartimento ha nominato il Prof. Stefano Lucarelli quale referente con il quale lo studente e/o i familiari possono prendere contatti per concordare sia le attività formative dell’anno in corso, sia gli interventi da realizzare. Il Referente ha il compito di segnalare agli altri docenti eventuali elementi di difficoltà, di comunicare alla Commissione eventuali problemi da affrontare coinvolgendo gli uffici competenti e di fornire un contributo personale di assistenza allo studente per rendere più agevole il percorso di studio.
Servizi agli studenti Disabili e portatori di DSA
Di seguito, i principali servizi offerti (http://www.unibg.it/node/301):
- Servizio di tutorato alla pari, per un massimo di 100 ore per anno accademico, finalizzato al superamento delle barriere didattiche ed architettoniche. Il servizio di tutorato consiste nell’organizzazione dell’accompagnamento a lezione all’interno delle sedi universitarie, nel recupero degli appunti, nell’intermediazione con i docenti, nel disbrigo di pratiche amministrative e di segreteria, come l’iscrizione agli esami, nella compilazione del piano di studi ed altro.
- Servizio di consulenza psicopedagogica;
- Pianificazione mirata di aule ed orari di lezione;
- Conferimento d’incarichi professionali ad interpreti L.I.S. (Lingua dei Segni Italiana);
- Predisposizione di prove equipollenti su richiesta e previo accordo con i docenti con l’ausilio di specifici mezzi tecnici;
- Fornitura di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici (PC attrezzati, registratori, ecc.), concessi in uso per tutta la durata del corso di studi;
- Organizzazione di seminari dedicati;
- Possibilità di richiedere l'acquisto di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici.

Descrizione del percorso di formazione e dei metodi di accertamento
Descrizione dei metodi di accertamento

La valutazione delle conoscenze e competenze acquisite dallo studente avviene attraverso il superamento delle prove di accertamento (esami).
La modalità della prova di accertamento può essere scritta, orale o scritta e orale insieme in relazione alle specificità degli insegnamenti e alle modalità di apprendimento sviluppate nel corso.
In linea generale le verifiche di apprendimento dell'area quantitativa comportano sia la capacità di applicazione delle regole apprese (esame scritto con esercizi) che la capacità di descrivere le regole stesse in modo rigoroso, con simbologia e terminologia appropriate (esame scritto e/o orale con dimostrazione teoremi). La verifica dell'apprendimento degli strumenti informatici può avvenire con prove pratiche in laboratorio.
La valutazione delle conoscenze in ambito giuridico viene effettuata in genere con una modalità orale, talora previo superamento di un test a risposte multiple.
L'accertamento delle competenze nell'area economica e nell'area economico-aziendale avvengono prevalentemente in forma scritta, con possibilità di un'integrazione anche orale, La tipologia delle prove, siano esse scritte o orali, prevede una valutazione sia delle conoscenze teoriche (verificabili tramite domande aperte e/o test a risposta multipli) sia delle conoscenze pratiche (verificabili tramiti esercizi numerico e/o matematici/quantitativi).
In relazione alla specificità dei singoli insegnamenti è prevalente l'accertamento della capacità di applicare operativamente quanto appreso rispetto alla verifica delle elaborazioni teoriche ma sono sempre presenti entrambi.
Le prove di accertamento delle conoscenze hanno altresì la finalità di valutare la capacità ragionamento ed elaborazione critica e sono pertanto sempre condotte in modo da accertare che la preparazione sia il meno possibile nozionistico-mnemonica e da valutare il grado di autonomia di giudizio del candidato.

Ogni "scheda insegnamento", in collegamento informatico al Quadro A4-b, indica, oltre al programma dell'insegnamento, anche il modo cui viene accertata l'effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento da parte dello studente.