Corso (nome in italiano): 
INGEGNERIA DELLE COSTRUZIONI EDILI
Corso (nome in inglese): 
BUILDING ENGINEERING
Sede didattica: 
DALMINE
Dipartimento: 
Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate

Informazioni generali sul corso

Anno accademico: 
2017/2018
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea MIUR: 
LM-24 - Classe delle lauree magistrali in Ingegneria dei sistemi edilizi
Codice del corso di studio: 
60-270-CE
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Lingua dell'ordinamento didattico: 
Italiano
Obbligo di frequenza: 
No
Modalità di erogazione: 
Convenzionale
Verifica conoscenze richieste per l'accesso: 
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero
Area di appartenenza del corso: 
Area ingegneria civile ed architettura
Il Corso di Studio in breve

Il corso di studio è incentrato sullo studio delle costruzioni, nuove ed esistenti, e del loro rapporto con l'ambiente naturale ed urbano.
Si caratterizza infatti per un'offerta formativa che affronta i temi della progettazione architettonica, dell'inserimento urbanistico e territoriale e della progettazione strutturale, ma anche quelli legati al restauro, recupero e conservazione del costruito, agli aspetti energetici (con particolare attenzione al contenimento dei consumi e alla messa in efficienza) e alla gestione del processo produttivo e costruttivo e del patrimonio edilizio, puntanso al controllo di qualità e all'innovazione, con l'obiettivo di preparare una figura professionale in grado di rispondere alle nuove sfide del mercato dell'edilizia anche in ambito internazionale.
Grazie ad una solida preparazione interdisciplinare, i laureati Magistrali dovranno essere in grado di progettare e dirigere, con gli strumenti propri dell'architettura e dell'ingegneria delle costruzioni, le operazioni relative sia alla nuova costruzione sia all'intervento sul costruito in relazione al contesto ambientale, con piena conoscenza degli aspetti legati al rilievo ed alla rappresentazione, nonché di quelli distributivi, funzionali, strutturali, tecnico-costruttivi, impiantistici, legislativi, gestionali ed economici, anche coordinando, a tal fine, specialisti ed operatori nei diversi campi dell'architettura, dell'ingegneria civile e strutturale, dell'urbanistica.

La Laurea vuole offrire possibilità di iscrizione e di accesso anche agli studenti che provengono da corsi di laurea diversi da Ingegneria delle Tecnologie per l'Edilzia o da altre Sedi universitarie.

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Profilo Generico
Funzione in un contesto di lavoro:
Obiettivo del corso di studi è la formazione di una figura professionale in grado sia di sviluppare la progettazione esecutiva sia di coordinare le molteplici attività legate al settore delle costruzioni, svolgendo i nuovi ruoli che le trasformazioni del settore richiedono.
Il laureato magistrale conoscerà approfonditamente gli aspetti teorico-scientifici delle discipline operanti nel campo delle costruzioni, nonché le strumentazioni tecniche e le metodiche operative che consentono di integrare i diversi aspetti architettonici, tecnologici, strutturali, impiantistici ed economici, senza dimenticare il contesto territoriale; avrà acquisito perciò le competenze necessarie per le attività connesse alla progettazione delle opere edili, agli interventi di rilievo, recupero e conservazione del costruito e a tutte le problematiche inerenti. Tutto questo al fine di assolvere ai compiti di una progettazione integrata che sappia rispondere ai nuovi orientamenti della produzione edilizia e alle esigenze di manutenzione programmata del costruito.
Competenze associate alla funzione:
Il percorso didattico prevede l'acquisizione delle seguenti capacità/conoscenze:
1) conoscenze approfondite degli aspetti legati alla storia delle tecniche costruttive, al rilievo e alla rappresentazione, al recupero, alla riqualificazione, alla manutenzione e alla gestione dell'esistente, con riferimento sia alle problematiche di base, sia agli elementi di progettazione e di gestione dei processi tecnologici e produttivi, con riferimento alla dimensione territoriale analizzata alle sue diverse scale;
2) conoscenze approfondite nell'area della progettazione edilizia degli organismi complessi, in particolare per la parte strutturale, con riferimento anche alla risposta dinamica delle strutture ed alla progettazione sismica; con particolare attenzione alle problematiche di risparmio energetico e di innovazione tecnologica e impiantistica. Il laureato magistrale saprà affrontare le problematiche attuali del settore delle costruzioni, da un punto di vista sia progettuale che esecutivo, con una visione integrata degli aspetti architettonici, urbanistici, strutturali, impiantistici e dell’ingegneria dei materiali, con riferimento ai temi della durabilità e del recupero del costruito;
3) conoscenze approfondite sullo sviluppo del processo edilizio nei suoi aspetti operativi, economici e gestionali attraverso un percorso formativo specifico finalizzato al sostegno del sistema impresa nel comparto dell'edilizia. Il laureato dovrà acquisire tecniche e strumenti legati alla conduzione del cantiere, alla gestione dell'impresa edile, ai metodi di analisi del mercato immobiliare, alle tecniche di finanziamento dei progetti ed alla gestione del rischio.
Sbocchi professionali:
La laurea magistrale in Ingegneria delle Costruzioni Edili ha lo scopo di formare una figura professionale che, attraverso un'adeguata e approfondita preparazione tecnica interdisciplinare, sia in grado di operare in qualità di progettista, direttore di produzione o dei lavori, collaudatore, responsabile di gestione, nel settore delle costruzioni.
I principali sbocchi occupazionali previsti dai corsi di Laurea Magistrale della classe sono:
- la progettazione e la conduzione, attraverso la padronanza degli strumenti propri dell'ingegneria dei sistemi edilizi, delle operazioni di costruzione, trasformazione e modificazione dell'ambiente naturale e dell'ambiente costruito, con piena conoscenza degli aspetti distributivi, funzionali, strutturali, tecnico-costruttivi, gestionali, economici e ambientali e con attenzione critica ai mutamenti culturali e ai bisogni espressi dalla società contemporanea;
- la predisposizione esecutiva di progetti di opere edilizie e la relativa realizzazione nonché il coordinamento a tali fini, ove necessario, di altri operatori del settore;
- la gestione e la manutenzione del patrimonio edilizio esistente di proprietà di enti pubblici o privati;
- il controllo di gestione e la pianificazione delle attività di imprese operanti nel settore edile.
I laureati magistrali potranno svolgere, oltre alla libera professione, funzioni di elevata responsabilità in istituzioni ed enti pubblici e privati (uffici tecnici di Enti istituzionali territoriali, aziende pubbliche e imprese private, studi professionali e società di progettazione), operanti nei campi della costruzione e trasformazione delle città e del territorio.
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
  • Ingegneri edili e ambientali - 2.2.1.6.1
Requisiti di ammissione

Lo studente deve disporre delle conoscenze adeguate relative alle materie di base dell'Ingegneria (Matematica, Fisica, Chimica). L'ammissione al corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Costruzioni Edili è subordinata alla verifica della preparazione personale e della coerenza del percorso formativo seguito da parte di una Commissione di Valutazione, in conformità al regolamento didattico di Ateneo. Normalmente è diretta se lo studente è in possesso di un diploma di Laurea Triennale nella classe di laurea L23 - Scienze e Tecniche dell'Edilizia. L'ammissione di studenti in possesso di diploma di laurea diverso è possibile purché siano stati ottenuti almeno 36 CFU nelle materie di formazione di base scientifica (CHIM/07, FIS/01, MAT/03 Geometria, MAT/05 Analisi matematica) e nella Storia e Rappresentazione (ICAR/17 Disegno, ICAR/18 Storia dell'architettura) nonché 45 CFU nelle materie caratterizzanti (ICAR/06 Topografia e cartografia, ICAR/07 Geotecnica, ICAR/08 Scienza delle costruzioni, ICAR/09 Tecnica delle costruzioni, ICAR/10 Architettura tecnica, ICAR/11 Produzione edilizia, ICAR/12 Tecnologia dell'architettura, ICAR/14 Composizione architettonica e urbana, ICAR/19 Restauro, ICAR/20 Tecnica e pianificazione urbanistica, ICAR/21 Urbanistica, ING-IND/10 Fisica tecnica industriale, ING-IND/11 Fisica tecnica ambientale, ING-IND/22 Scienza e tecnologia dei materiali, ING-IND/31 Elettrotecnica, ING-IND/35 Ingegneria economico- gestionale, ING-IND/33 Sistemi elettrici per l'energia) degli ambiti previsti dalla classe L23.
E' considerato prerequisito indispensabile alla iscrizione la conoscenza della lingua inglese, attestabile con l'esibizione di idoneo certificato di livello B2 o equivalente.

Orientamento
Orientamento in ingresso

L'attività di orientamento è gestita in forma coordinata da un docente referente del corso di studi, dal preside della Scuola di Ingegneria, prof. Claudio Giardini, e dal Servizio Orientamento, Stage e Placement, struttura centrale di Ateneo. Per il corso di studi di Ingegneria Edile il docente referente è la prof.ssa Alessandra Marini.
L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Le attività di orientamento in ingresso si dividono in attività informative ed attività formative; nel primo gruppo si inseriscono i momenti in cui il personale dell'Università di Bergamo (operatori del Servizio Orientamento, un docente del Corso di studi) incontra gli studenti delle scuole secondarie superiori per presentare l'offerta formativa, la strutturazione dei percorsi di studio e gli sbocchi professionali ed occupazionali collegati. Momenti tipici di questa attività sono le presentazioni all'interno delle scuole secondarie del territorio Lombardo, la partecipazione ai saloni dell'Orientamento e la giornata dell'Open Day di Ateneo (nella sede di Via dei Caniana, a Bergamo) e quello della Scuola di Ingegneria.

Gli Open Day per la presentazione di tutti Corsi di Laurea sono realizzati a livello di Ateneo. Da vari anni viene organizzata una ulteriore giornata di presentazione dei Corsi di Laurea in Ingegneria presso la sede di Dalmine in occasione della quale è anche possibile visitare i laboratori e ricevere informazioni in merito agli insegnamenti impartiti ed alle attività di ricerca e di tesi realizzate presso la Scuola di Ingegneria.
I numeri mostrano come l’interesse per gli Open Day sia incrementato insieme ai risultati ottenuti in termini di studenti iscritti passando dai 277 partecipanti totali nel 2009, ai 426 (161 Open Day Ateneo + 265 Open Day Dalmine) del 2014. Di questi ultimi risultano essersi iscritti 70 dei 161 (43,4%) e ulteriori 167 dei 265 (63,2%) per un totale di 237 su 551 immatricolati al 31 dicembre 2014. Particolare successo ha avuto la ripetizione dell’Open Day in Dalmine che ha visto passare la partecipazione di 87 persone nel 2011 a 265 persone nel 2014. I dati per il 2015 hanno visto oltre 330 presenze all’Open Day di Dalmine.
Anche per le Lauree Magistrali sono previste delle presentazioni e degli incontri con gli studenti, sia per quelli già iscritti a qualche Corso di Laurea in Ingegneria presso l’Ateneo di Bergamo, sia per gli iscritti ad altri Atenei. In particolare in occasione dell’Open Day Magistrali tenuto il 6 maggio 2014 si sono avuti 37 partecipanti.

Nel periodo delle immatricolazioni è attivo uno sportello SOAM (Sportello Orientamento e Accoglienza Matricole) dove i neo immatricolati possono rivolgersi per avere informazioni specifiche rispetto ai servizi dell'università ed avere un supporto nell'inserimento nell'ambiente universitario.

Orientamento e tutorato in itinere

L'attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata da un docente referente del corso di studi e dal Servizio Orientamento, Stage e Placement, struttura centrale di Ateneo. Il docente referente del Corso di Studi in Ingegneria Edile è la prof.ssa Alessandra Marini.

L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Le attività di orientamento in itinere si dividono in attività informative ed attività formative; nel primo gruppo si inseriscono i momenti in cui il personale dell'Università di Bergamo (operatori del Servizio Orientamento, un docente del Corso di studi) incontra gli studenti dei corsi di laurea triennale per presentare l'offerta formativa, la strutturazione dei percorsi di studio e gli sbocchi professionali ed occupazionali collegati. Momento tipico di questa attività è l'Open Day delle Lauree Magistrali (6/5/2014, con un'affluenza di circa 40 studenti).

Nell'ambito delle attività formative o di orientamento più specifiche, l'Università di Bergamo propone momenti di counseling individuale, volti a indagare le cause di ritardo nel percorso di studi (primo potenziale indice di abbandono) e ad elaborare la strategia più adatta per fronteggiarle (supporto didattico).

Dall'a.a. 2012-2013 è stata avviata una rilevazione rivolta a tutti gli studenti che non hanno conseguito CFU nella prima sessione d'esame (circa 1300 questionari inviati nel 2014 per tutto l'ateneo). L'analisi dei dati così raccolti permetterà di individuare gli ostacoli che gli studenti incontrano nel Corso di studi e di proporre adeguati correttivi.

Accompagnamento al lavoro

L'attività di accompagnamento al lavoro è gestita in forma coordinata da un docente referente del corso di studi e dal Servizio Orientamento, Stage e Placement (di seguito OSP), struttura centrale di Ateneo. Per il corso di studi in Ingegneria Edile il docente referente è la prof.ssa Alessandra Marini.
L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presiedute dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Grazie ad un'intensa attività di networking, l'Ateneo di Bergamo può contare sull'ospitalità di 2491 enti pubblici e privati (in Italia e all'estero) convenzionati per stage e tirocini che spesso divengono anche i datori di lavoro dei nostri laureati.
Inoltre, nella ricerca di offerte altamente qualificate e qualificanti per gli studenti e laureati, sono stati siglati specifici accordi con i seguenti soggetti:
- Presidenza del Consiglio dei Ministri
- Sesaab SpA per la realizzazione del progetto “EcoLab”
- Camera di Commercio di Bergamo (Bergamo Sviluppo) per il progetto “Sviluppo competitivo veloce delle PMI”.

Oltre al servizio di supporto nell'attivazione di tirocini e stage (di cui al punto B5.3), l'Ateneo di Bergamo offre numerose attività di preparazione all'ingresso nel mercato del lavoro. Tra queste si ricorda, in particolare, il counseling professionale individualizzato: una risorsa dello staff OSP dedicata supporta lo studente/laureato nella redazione del curriculum vitae, nella ricerca attiva di opportunità di lavoro e nella simulazione di un colloquio (in lingua italiana o in inglese). Nell'anno solare 2012 il 16% dei laureati in Ingegneria ha richiesto counseling contro un 14% dell'anno precedente.

Per promuovere l'incontro tra laureati e mondo del lavoro, l'Università di Bergamo propone eventi quali il Career Day, nella sua duplice edizione dedicata ai laureati, rispettivamente, del polo Economico-Giuridico-umanistico (edizione primaverile) e a quelli del polo Scientifico-Ingegneristico (edizione invernale).

In occasione di entrambi i Career Day, il Servizio OSP propone “Scurricula”, un'attività formativa interattiva, finalizzata a dare indicazioni agli studenti/laureati su come proporsi durante il colloquio in azienda.

Ai fini di garantire ai propri studenti e laureati un servizio di placement sempre allineato agli standard richiesti a livello nazionale, l'Ateneo di Bergamo aderisce (fin dal 2006) ai bandi del progetto FIxO (promossi da Italia Lavoro, agenzia tecnica del Ministero del Lavoro), volti ad implementare l'occupazione giovanile. In particolare, per il bando 2012/2013, l'Università di Bergamo ha progettato dei percorsi di supporto ai contratti di apprendistato e alla ricerca di opportunità all'estero.

Per incentivare l'inserimento in aziende dei giovani laureati, l'Università di Bergamo, dietro finanziamento del Bacino Imbifero Montano Oglio, per l'anno 2013 ha bandito 14 borse di studio del valore di circa 4000€ destinate ad altrettanti laureati che effettueranno un'esperienza di stage di 6 mesi presso un'azienda localizzata in uno dei 51 comuni aderenti al BIM.

Obiettivi formativi e competenze attese
Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo (A4.a)

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Costruzioni Edili ha lo scopo di formare una figura professionale che, attraverso un'adeguata e approfondita preparazione tecnica interdisciplinare, sia in grado di operare nel settore delle costruzioni edili in qualità di progettista, direttore di produzione o dei lavori, responsabile di ufficio tecnico o infine collaudatore.
Il Corso di Laurea Magistrale infatti ha come obiettivo la formazione di una figura professionale di alto livello ed elevata professionalità che, grazie ad una preparazione interdisciplinare, possa essere in grado di predisporre progetti di opere sia per l'intervento sul costruito sia per la realizzazione del nuovo, coordinando, a tal fine, specialisti ed operatori nei campi dell'architettura, dell'ingegneria edile e civile, dell'urbanistica, del rilievo e del recupero architettonico.
I laureati magistrali in Ingegneria delle Costruzioni Edili dovranno essere in grado di progettare e dirigere, con gli strumenti propri dell'architettura e dell'ingegneria edile, le operazioni relative alla nuova costruzione e all'intervento sul costruito, con piena conoscenza degli aspetti legati al rilievo ed alla rappresentazione, nonché di quelli territoriali, distributivi, funzionali, strutturali, tecnico-costruttivi, legislativi, gestionali, economici e ambientali.
Il corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Costruzioni Edili si propone di completare la preparazione del laureato di primo livello fornendo le competenze utili all'inserimento nel mondo del lavoro ed alla professione, ma anche gli strumenti necessari per una ulteriore specializzazione in settori specifici o scientificamente avanzati, nonché per la prosecuzione degli studi in livelli di formazione superiore quali Master e Dottorato di Ricerca.

Il percorso formativo si articola nelle seguenti aree disciplinari:

AREA ARCHITETTONICA E URBANISTICA indirizzata a fornire le competenze per elaborare e articolare un progetto alle diverse scale del costruito: architettonica, edilizia, urbana e territoriale, con attenzione anche al patrimonio edilizio esistente.

AREA STRUTTURALE indirizzata a fornire le competenze per elaborare e controllare il progetto strutturale di un'opera edilizia anche per le situazioni più complesse, con particolare attenzione al calcolo sismico delle strutture e all'adeguamento delle costruzioni esistenti.

AREA IMPIANTISTICA indirizzata a fornire le conoscenze necessarie per tenere conto anche delle problematiche energetiche nel progetto dell'organismo architettonico e impegnarsi a elaborare soluzioni "intelligenti" che integrino l'aspetto edilizio e quello energetico..

AREA DELLA GESTIONE D'IMPRESA indirizzata a preparare una figura in grado di associare capacità manageriali e di gestione economico-finanziaria alle competenze tradizionali dell'ingegnere edile.

AREA DELLE COMPETENZE COMPLEMENTARI che prepara ad affrontare i temi legati alla durabilità e all'efficienza energetica dei manufatti edilizi, al controllo delle strutture, ai sistemi informativi territoriali, a corredo di una preparazione fortemente caratterizzata.

Risultati di apprendimento attesi / Conoscenza e comprensione / Capacità di applicare conoscenza e comprensione (A4.b)
AREA STRUTTURALE
Conoscenze e comprensione:
Conoscenza e comprensione dei principi della Scienza delle costruzioni, comprensione della risposta delle strutture anche in condizioni dinamiche, conoscenza dei fenomeni di instabilità e comprensione dei regimi anelastici (ICAR/08);
conoscenza e comprensione della Meccanica computazionale dei solidi e delle strutture (ICAR/08)
conoscenza e comprensione dei principi della Tecnica delle costruzioni, dei modelli di calcolo degli elementi strutturali in ca e cap, delle costruzioni in acciaio (ICAR/09);
conoscenza approfondita delle costruzioni in zona sismica (ICAR/09);
conoscenza e comprensione della geotecnica e della tecnica delle fondazioni (ICAR/07);
conoscenza delle applicazioni dei sistemi informativi territoriali e del monitoraggio delle costruzioni (ICAR/06).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Capacità di applicare le conoscenze proprie della Scienza e della Tecnica delle costruzioni per elaborare e controllare il progetto strutturale di un organismo architettonico o di un manufatto infrastrutturale, anche in relazione ai tipi di materiali impiegati e alle caratteristiche dei terreni su cui vanno a collocarsi;
capacità di sviluppare calcoli di strutture in zona sismica;
capacità di progettare semplici strutture di fondazione.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA ARCHITETTONICA E URBANISTICA
Conoscenze e comprensione:
Conoscenza e comprensione delle ragioni e degli esiti operativi della Composizione architettonica (ICAR/14);
conoscenza approfondita dei problemi e delle tecniche del Recupero e della conservazione degli edifici (ICAR/11)
conoscenza approfondita delle Tecniche di rilievo e Restauro dell'architettura (ICAR/17 e ICAR/19);
conoscenza approfondita dell'Ingegneria del territorio (ICAR/20);
conoscenza e comprensione dell'uso dei sistemi informativi per lo studio del territorio (ICAR/06);
conoscenza delle problematiche e delle soluzioni legate al social housing (ICAR/14).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Capacità di elaborare un progetto architettonico, comprendendone i presupposti;
capacità di interagire con gli strumenti di gestione e controllo del territorio e partecipare alla loro definizione;
capacità di lavorare sull'esistente, governando in particolare gli aspetti legati al rilievo e al restauro dell'architettura e al recupero e alla conservazione degli edifici;
capacità di comprendere il fenomeno dell'edilizia sociale e acquisire competenze per portare un contributo a migliorarne la qualità.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA IMPIANTISTICA
Conoscenze e comprensione:
Conoscenza approfondita delle tecniche di risparmio energetico negli edifici (ING-IND/10);
conoscenza approfondita dei sistemi per l'energia in edilizia (ING-IND/09);
comprensione e conoscenza delle soluzioni che rendono smart l'abitare (ING-IND/33)
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Capacità di indirizzare la conoscenza e la comprensione della fisica dell'edificio verso soluzioni smart che riducono il fabbisogno energetico, contribuiscono a contenere gli impatti del costruito sull'ambiente e avvalendosi della domotica migliorano la qualità dell'abitare.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA DELLA GESTIONE D'IMPRESA
Conoscenze e comprensione:
Conoscenza e comprensione dell'economia applicata al mercato immobiliare e del Finanziamento dei progetti (SECS-P/01 e ING-IND/35);
conoscenza approfondita dell'analisi dei sistemi finanziari e della Finanza d'impresa (ING-IND/35);
conoscenza approfondita della gestione dei progetti (ING-IND/35).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Capacità di applicare la conoscenza e la comprensione delle discipline economiche al settore immobiliare per gestire al meglio i progetti e sviluppare competenze di elevato livello nella conduzione dell'impresa.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
AREA DELLE COMPETENZE COMPLEMENTARI
Conoscenze e comprensione:
conoscenza e comprensione dei fenomeni di corrosione e protezione dei materiali e dei materiali per il restauro delle strutture (ING-IND/22);
conoscenza approfondita dei metodi del calcolo numerico (MAT/08).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
capacità di affrontare i temi legati alla durabilità dei manufatti edilizi, come quelli della corrosione e della protezione dei materiali e di acquisire dimestichezza nella scelta dei materiali per il restauro delle strutture;
capacità di applicare la conoscenza dei metodi del calcolo numerico alla soluzione di problematiche legate alla simulazione del comportamento degli edifici.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
informazione attualmente non disponibile
Autonomia di giudizio (making judgements)

Didatticamente, l'autonomia di giudizio è creata negli studenti attraverso attività formative sollecitanti l'approfondimento, attraverso attività basate sul confronto di testi (articoli, volumi, atti di conferenze) di autori diversi, offrendo all'interno dei singoli insegnamenti, seminari e conferenze tenute da docenti di altre facoltà e professionisti esterni al mondo universitario. Ciò al fine di favorire il confronto con approcci di ricerca diversi e stimolare una autonoma di valutazione dei temi affrontati.

Il laureato magistrale dovrà essere in grado di valutare e giudicare la qualità di un progetto in maniera autonoma, riflettendo sulle responsabilità collegate all'applicazione delle sue decisioni; autonomia e capacità di giudizio dovranno essere fondate sulla specificità delle proprie conoscenze tecniche, al fine di proporre soluzioni utili alla risoluzione dei problemi (anche non standard).

Il laureato magistrale dovrà avere la capacità di identificare, localizzare e ottenere i dati richiesti, di progettare e condurre indagini analitiche per mezzo di modelli sperimentali, valutare criticamente i dati e trarre conclusioni significative, impiegando ove utile anche tecnologie nuove ed emergenti, giudicare le esigenze di sicurezza delle costruzioni nonché le prescrizioni adottate durante le fasi di costruzione dell'edificio.

Il corso di laurea magistrale vuole sviluppare autonomia di giudizio negli studenti mediante attività che richiedono riflessioni ed autoesame, come la produzione di elaborati progettuale autonomi (sia nei singoli corsi che nella prova finale), per sviluppare la capacità di selezionare le informazioni rilevanti, di definire la strategia progettuale, di giustificare le scelte effettuate e le implicazioni delle azioni intraprese.

I laureati magistrali dovranno inoltre dimostrare capacità di riflessione su temi sociali, scientifici o etici connessi al settore dell'edilizia e alle scelte progettuali che andranno a compiere; gli insegnamenti di carattere gestionale avranno il compito di sviluppare capacità di elaborazione ed interpretazione di dati per l'analisi imprenditoriale; la capacità di lettura critica, sia negli aspetti quantitativi che qualitativi, stimolare scelte basate sulla propria professionalità e sulle metodologie ingegneristiche (al di là della comune prassi e il semplice rispetto delle norme e della manualistica) partecipando attivamente e liberamente, senza pregiudizi, al processo decisionale in contesti anche interdisciplinari.

Abilità comunicative (communication skills)

Il laureato magistrale deve saper comunicare con tecnici ed esperti con proprietà di linguaggio. La conoscenza della lingua
inglese è prerequisito indispensabile per il conseguimento della laurea per cui il laureato deve essere in grado di comunicare anche in inglese su problematiche di carattere tecnico; deve essere altresì in grado di comprendere ed elaborare testi in lingua inglese di media difficoltà.
A tale scopo i laureati acquisiranno adeguate competenze e strumenti per la comunicazione personale con riferimento a:
- comunicazione in lingua italiana e inglese, scritta e orale;
- abilità informatiche, elaborazione e presentazione dati;
- capacità di lavorare in gruppo;
- trasmissione e divulgazione dell' informazione all'interno di una organizzazione.
Le attività di tutorato, che vengono svolte dai docenti durante i corsi, stimolano l'allievo ad interagire con essi e con i suoi colleghi; la prova d'esame, che generalmente prevede anche la modalità del colloquio orale, consente di verificare le abilità comunicative maturate dall'allievo.
Inoltre in alcuni insegnamenti caratterizzanti il corso di studi, sono previste attività seminariali svolte da gruppi di studenti su argomenti specifici di ciascun insegnamento

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il corso di laurea fornirà le capacità necessarie per lo sviluppo e l'approfondimento di ulteriori competenze, con riferimento a:
- consultazione di materiale bibliografico;
- consultazione di banche dati e altre informazioni in rete;
- impostazione di una corretta indagine mirata alla raccolta di informazioni.

La suddivisione delle ore di lavoro complessive previste per lo studente ne attribuisce una quota significativa a quelle dedicate al lavoro personale, per metterlo in grado di verificare e migliorare la propria capacità di apprendimento.
Analogo obiettivo persegue l'impostazione di rigore metodologico degli insegnamenti, che dovrebbe portare lo studente a sviluppare un ragionamento logico che, a seguito di precisi elementi di indagine raccolti e ipotesi elaborate, sia in grado di condurlo ad acquisire la capacità di sostenere con successo una tesi.

Prova finale

La prova finale consiste nella presentazione di una relazione scritta individuale o a due nomi sull'attività svolta, discussa in seduta pubblica davanti ad una commissione di docenti, che esprimerà in cento/decimi la valutazione complessiva.
Le attività relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento della laurea saranno svolte dallo studente, sotto la supervisione di un docente-tutore, con modalità quali l'osservazione, la ricerca, interventi sperimentali in situazioni di laboratorio o sul campo.
E' possibile redigere e discutere la prova finale in lingua inglese, previo accordo con il docente preposto.
In generale, il corso di laurea seguirà nella gestione dell'esame di laurea l'impostazione definita nel regolamento didattico di Dipartimento e comune a tutti i corsi di laurea magistrale di Ingegneria.

Tirocini

A livello di Ateneo il servizio di supporto ai tirocini funziona nel seguente modo:
1) Sportello informativo negli orari di apertura al pubblico:
- S. Bernardino (9 ore settimanali)
- S. Agostino (2 ore settimanali) fino ad aprile 2014
2) Gestione della casella e-mail tirocini@unibg.it
- Nell'anno solare 2014 sono state gestite circa 9.600 mail (una media di 800 email mensili)
3) Gestione del portale d'informatizzazione della modulistica per i tirocini: mps.unibg.it
4) Gestione del portale d'informatizzazione della modulistica per i tirocini del nuovo portale Esse3 a partire dal 28.07.2014

Nell'anno 2014 il numero totale di convenzioni per tirocini avviate a livello di Ateno è stato di 1.283 con un incremento del 54,76% rispetto all'anno precedente.
Per i Corsi di Laurea e di Laurea Magistrale di Ingegneria i tirocini del 2014 sono stati 102 (rispetto ai 93 dell'anno precedente) di cui 18 per i corsi triennali e 84 per quelli magistrali.
In particolare i numeri per i differenti Corsi di Studio riferiti all'anno 2014 sono i seguenti:

Corso di Laurea Livello CFU Numero di tirocini
Ingegneria Edile I 10 4
Ingegneria Gestionale I 10 3
Ingegneria Informatica I 10 7
Ingegneria Meccanica I 10 4
Ingegneria Edile II 10 5
Ingegneria Gestionale II 10 40
Ingegneria Informatica II 10 5
Management Engineering II 12 18
Ingegneria Meccanica II 10 16

Il corrispondente numero di docenti impegnati per i Corsi di Laurea in Ingegneria è stato pari a 31.
A livello del corso di Laurea, l'attività di assistenza per lo svolgimento di periodi di tirocinio e stage è gestita in forma coordinata dal Preside della Scuola prof. Claudio Giardini, dal docente referente del corso di studi, prof. Luigi Colombo, e dall'Ufficio Orientamento, Stage & Placement, struttura centrale di Ateneo.
L'attività è progettata e verificata con cadenza mensile tramite riunioni della Commissione Orientamento, Tirocini e Placement, presieduti dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo (prof.ssa Piera Molinelli).

Per permettere un più efficace incontro tra aziende e studenti/laureati, l'Ateneo di Bergamo ha totalmente informatizzato le procedure amministrative necessarie per l'attivazione dei tirocini e degli stage; inoltre, ha realizzato un'apposita bacheca di incontro domanda-offerta, totalmente gratuita ed accessibile alle aziende di tutto il territorio italiano, che conta circa 60.000 accessi annui (tra studenti/laureati e aziende).

Due portali dell'Ateneo di Bergamo consentono un incontro efficace tra aziende e studenti/laureati:
– MPS, per le procedure amministrative necessarie per l'attivazione di tirocini o stage
(http://stage.unibg.it/);
– Marketplace degli stage, bacheca gratuita di incontro domanda-offerta di tirocinio o di lavoro
(http://mps.unibg.it/).
Questi strumenti hanno generato un crescente numero dei tirocini curriculari ed extracurriculari

A supporto della mobilità all'estero di studenti e laureati, anche nei casi in cui il piano degli studi non preveda tirocini o stage, il Servizio Orientamento e Programmi Internazionali ricerca opportunità di formazione on the job all'estero e propone i seguenti progetti:
– Erasmus Placement (tirocini in Europa per studenti)
http://www.unibg.it/struttura/struttura.asp?cerca=introsocrates
– Leonardo da Vinci (tirocini in Europa per laureati)
http://www.unibg.it/struttura/struttura.asp?cerca=orienta_leonardo_intro
– Sprint e Prime (tirocini negli USA per studenti)
http://www.unibg.it/struttura/struttura.asp?cerca=ufficiotirocini
– Euromondo (tirocini in tutto il mondo per laureati).
http://www.euromondo-bergamo.eu/index.asp

Dall'anno 2011 è attivo il portale Euromondo-Bergamo.Eu, realizzato dall'Università degli Studi di Bergamo, in collaborazione con Comune di Bergamo, Provincia, Camera di Commercio e finanziato dal gruppo Ubi, finalizzato a facilitare l'incontro domanda offerta (di lavoro e formazione) all'estero. Rivolto a tutti i cittadini bergamaschi maggiorenni e a tutti gli iscritti e laureati dell'università di Bergamo, nel corso del 2012 il portale ha contato 1.631 accessi (di cui 1.378 di studenti Unibg) e 474 iscritti (di cui 460 studenti). Inoltre, sono state pubblicate sul portale 196 offerte di stage o lavoro.

Il Servizio OSP ha dedicato due risorse alla gestione del portale (inserimento e monitoraggio delle offerte) e al supporto agli studenti che intendano affrontare un'esperienza all'estero, dalla redazione del curriculum vitae in lingua straniera alla ricerca attiva delle esperienze più adatte al proprio profilo.

Nei primi mesi del 2013, l'afflusso al portale è ulteriormente aumentato grazie alla pubblicazione di un bando di 30 borse per stage extracurriculari all'estero, dedicate a 30 neolaureati dell'Università di Bergamo che potranno effettuare un'esperienza di 6 mesi in un'azienda privata, contando su una dote lavoro di 5.000€ veicolata dalla Provincia di Bergamo.

Mobilità internazionale
Assistenza e accordi per la mobilita' internazionale degli studenti

L'Ufficio Programmi Internazionali d'Ateneo, coordinato dal Prorettore delegato alle Relazioni internazionali prof. Dorothee Heller, si occupa della diffusione e supporto delle opportunità di mobilità internazionale per gli studenti, nonché della promozione dei percorsi di studio in lingua inglese (http://www.unibg.it/relint).

In particolare per la mobilità degli studenti in uscita, per ciascun dipartimento, l'ufficio è responsabile del supporto amministrativo per la stipula e il rinnovo degli accordi di mobilità con università, sia europee che extra europee, della pubblicizzazione e diffusione tra gli studenti delle opportunità per la mobilità e dei relativi bandi, della gestione delle procedure di selezione dei candidati e del riconoscimento accademico delle attività svolte dallo studente durante il proprio periodo di mobilità. L'ufficio gestisce inoltre, il calcolo dei contributi o delle borse di studio finalizzate ad incentivare la mobilità, e l'erogazione di tali contributi agli aventi diritto.

Agli studenti di ciascun corso di laurea viene proposta l'opportunità di partecipare al principale programma di mobilità in Europa, ossia Erasmus+, il nuovo programma dell'UE per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport per il periodo 2014/2020, che consente di svolgere un periodo di studio presso un'altra istituzione europea con la quale è attivo un accordo di scambio; attualmente sono disponibili circa 150 destinazioni di mobilità degli studenti in Europa.

Sono disponibili anche programmi di mobilità verso paesi Extra UE, destinati a studenti di altri dipartimenti, in particolare istituzioni negli Stati Uniti, in Australia, Messico e Cina.

Il coordinatore per gli scambi con l'estero della Scuola di Ingegneria è la prof. Maria Sole Brioschi.

Gli studenti dell'Università degli studi di Bergamo dispongono delle seguenti opportunità di mobilità internazionale:

1) circa 150 destinazioni per periodi di studio presso Università europee nell'ambito del programma LLP/Erasmus: (http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/erasmus/outgo...);

2) programmi di mobilità verso le seguenti Università di paesi extra Unione Europea:
- FDU Fairleigh Dickinson University - Madison NJ (USA)
- University of Missouri-Columbia (USA)
- Colorado State University Pueblo (USA)
- UTS - University of Technology Sydney (AUS)
- CETYS (MEX)
(http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/programmi-di-...)

Eventuali altre iniziative

Servizi agli studenti disabili e portatori di DSA

Gli studenti diversamente abili che frequentano il Corso di studio possono usufruire di supporti loro dedicati dai Servizi agli studenti Disabili e portatori di DSA. Il referente dipartimentale del servizio è il prof. Bruno Zappa con il quale studenti e/o familiari possono prendere contatti per concordare sia le attività formative dell'anno in corso sia gli interventi da realizzare. Il Referente ha il compito di segnalare agli altri docenti eventuali elementi di difficoltà, di comunicare alla Commissione eventuali problemi da affrontare coinvolgendo gli uffici competenti, di fornire un contributo personale di assistenza allo studente in modo da rendere più agevole il percorso di studio.

I principali servizi offerti comprendono:
- Servizio di tutorato alla pari, per un massimo di 100 ore per anno accademico., finalizzato al superamento delle barriere didattiche ed architettoniche. Il servizio di tutorato consiste nell'organizzazione dell'accompagnamento a lezione all'interno delle sedi universitarie, nella redazione degli appunti, nell'intermediazione con i docenti, nel disbrigo di pratiche amministrative e di segreteria, come l'iscrizione agli esami, nella compilazione del piano di studi ed altro.
- Servizio di consulenza psicopedagogica.
- Pianificazione mirata di aule ed orari di lezione.
- Conferimento d'incarichi professionali ad interpreti L.I.S. (Lingua dei Segni Italiana).
- Predisposizione di prove equipollenti su richiesta e previo accordo con i docenti con l'ausilio di specifici mezzi tecnici.
- Fornitura di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici (PC attrezzati, registratori, ecc.).
- Organizzazione di seminari dedicati.
- Possibilità di richiedere l'acquisto di attrezzature tecniche e sussidi didattici specifici, concessi in uso per tutta la durata del corso di studi.

Fra le attrezzature disponibili:
• Pc portatili
• Registratori audio SONY digitali con software Dragon
• Monitor Touchscreen HP da 23"
• Software per pc per ipo- e non vedenti: Zoomtext
• Software JAWS per Windows, 5 licenze: Sintetizzatore vocale
• Software MAGIC per Windows, 5 licenze: Ingranditore di applicazioni su schermo
• SAPPHIRE: Videoingranditore portatile
• RUBY: Videoingranditore portatile
• TOPAZ Postazione LCD: Videoingranditore da tavolo
• SCANNER OPTICBOOK 3600: Scanner A4, bordo e lampada progettati per il posizionamento del libro ad angolo
• Kurzweil 1000TM: Software OCR di riconoscimento ottico e sintesi vocale Loquendo
• MAESTRO Macchina di lettura.