TEATRI ORIENTALI

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
13113

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2016/2017
Insegnamento (nome in italiano): 
TEATRI ORIENTALI
Insegnamento (nome in inglese): 
ORIENTAL THEATRE
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO (L-ART/05)
Anno di corso: 
3
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
5
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Secondo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
95
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Nessuno.

Obiettivi formativi

Conoscenze di base delle principali tradizioni teatrali dell’Asia e dell'area araba.

Contenuti dell'insegnamento

Introduzione ai teatri asiatici: questioni storiografiche; caratteri comuni (formazione dell’attore, trasmissione delle tecniche, osservanza della tradizione, unione di danza canto musica parola, codificazione dei movimenti, trucco maschere costumi, ecc.); storia e specificità tecniche ed espressive delle principali forme teatrali.
Il corso include visione e commento di materiali audiovisivi.

Testi di riferimento

1) G. Azzaroni e M. Casari, Asia il teatro che danza. Storia, forme, temi, Firenze, Le Lettere, 2011; 2) M. Ruocco, Storia del teatro arabo. Dalla nahdah a oggi, Roma, Carocci, 2010; 3) F.M. Corrao, Il riso, il comico e la festa al Cairo nel XIII secolo, Roma, Istituto per l'Oriente C.A. Nallino, 1996; 4) N. Savarese, Il racconto del teatro cinese, Roma, Carocci, 2003.

Metodi didattici

Lezioni frontali.
Il corso include visione e commento di materiali audiovisivi.

Modalità verifica profitto e valutazione

• L’esame si svolge in forma scritta, mediante la trattazione aperta di una serie di argomenti. 

• Saranno verificati l’apprendimento, la comprensione e la capacità di rielaborazione della materia affrontata nel corso e nei testi di riferimento.

• La qualità espositiva costituisce parte integrante della valutazione d’esame.

Altre informazioni

• Contenuti dell'esame:
= FREQUENTANTI e NON FREQUENTANTI:
Testo 1 (volume integrale) e scelta fra: a) il cap. 1° + altri due capitoli del testo 2 e b) testo 3 (volume integrale). Si considerano frequentanti soltanto gli studenti che abbiano
partecipato a non meno del 70% delle lezioni; gli appunti ricevuti da altri
studenti non costituiscono una integrazione delle lezioni perdute.
• Per i frequentanti la verifica d’esame si estende ai materiali analizzati durante le lezioni.
= NON FREQUENTANTI:
testo 1 (volume integrale) e scelta fra: a) testo 2 (volume integrale) e b) testo 4 (volume integrale).
• Tutti gli studenti sono invitati a dotarsi dei libri di studio e a non fare
uso di fotocopie.
• Frequentanti e non frequentanti SONO TENUTI a presentare un argomento a propria scelta, che è parte dell’esame.
• Tutti gli studenti, frequentanti e non frequentanti, SONO TENUTI a vedere almeno uno spettacolo dal vivo della stagione teatrale in corso, che è parte della verifica. Non corrispondono a questo obbligo eventuali dimostrazioni-spettacolo offerte nell'ambito del corso.
• Non è prevista alcuna riduzione della preparazione alle sole parti affrontate durante le lezioni frontali e/o corrispondenti a eventuali appunti. Con ciò s'intende che la preparazione all'esame non può limitarsi agli appunti (propri o altrui), ma comprende, OBBLIGATORIAMENTE, lo studio dei libri previsti. La preparazione condotta sui soli appunti determina significative limitazioni all'esercizio delle capacità intellettive ed espressive, all'apprendimento e alla maturazione personale.
• Si suggerisce la formazione di piccoli gruppi di studio, al fine di esercitare e affinare le capacità d’interrogazione e analisi della materia studiata e, nell'ambito del comune apprendimento, di sollecitare il confronto critico.