LETTERATURA TEDESCA III

Attività formativa integrata
Codice dell'attività formativa: 
13107

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2016/2017
Insegnamento (nome in italiano): 
LETTERATURA TEDESCA III
Insegnamento (nome in inglese): 
German Literature III
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Anno di corso: 
3
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
10
Moduli

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Annualità Singola
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
60
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Aver sostenuto gli esami di lingua e di letteratura tedesca dei due anni precedenti.

Obiettivi formativi

Il corso ha come principale obiettivo formativo il rendere possibile allo studente di comprendere e di analizzare la qualità poetica e narrativa di varie tipologie di "forma breve" dell'epoca romantica tedesca (nel primo decennio dell'800), con riferimento, in questo modulo, ai testi di Johann Peter Hebel e di Heinrich von Kleist. Lo studente è chiamato a esporre il progetto poetico generale dei due autori menzionati, a inquadrare la storia della letteratura tedesca dell'epoca in cui vengono redatti e pubblicati i testi e infine a mostrare le peculiarità della forma breve sull'esempio di un testo indicato durante la verifica.
Naturalmente è fondamentale che lo studente dimostri di disporre del necessario apparato critico per definire le peculiarità poetiche e ideologiche dei testi, avvalendosi in modo puntuale della bibliografia in programma.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso inquadrerà in primo luogo l’opera di Johann Peter Hebel (1760-1826), insistendo sulla peculiarità della cultura alemanna che lo concerne e sul progetto poetico-didattico riferito alla raccolta delle sue “Kalendergeschichten” (1811). In particolare su 7 di queste storie di calendario si insisterà nel corso. Successivamente si passerà ad analizzare l’opera di Heinrich von Kleist (1777-1811) nelle sue linee generali, insistendo poi su alcune parti della raccolta di aneddoti e racconti del suo “Über das Marionettentheater” (1810). Si analizzeranno i testi leggendone passi in lingua originale e commentandoli in lingua italiana.
Il corso, nella sua seconda parte, prende le mosse dal progetto della rivista della Frühromantik "Athenaeum", che fu ideata da Friedrich Schlegel e dal fratello August Wilhelm con l’intento, fra l’altro, di rinnovare il gusto letterario, suggerendo accanto all’interesse per i generi tradizionali della lirica, dell’epica e della tragedia la valorizzazione del frammento. Si deve agli Schlegel la promozione in Germania del romanzo come genere romantico per eccellenza. Si analizzeranno in seguito alcuni frammenti rappresentativi del sistema poetico della cerchia di Jena, definendo la peculiarità di questa forma breve. Una successiva ricognizione su alcuni aforismi di Georg Christoph Lichtenberg, spesso ispirati dall’interesse di questo studioso per le scienze naturali, completa il cammino attraverso una galleria di esempi di forme narrative che puntano sulla fulmineità del concetto e sulle associazioni di pensiero.

Testi di riferimento

I parte: 1. Johann Peter Hebel, Storie di calendario, a cura di G. Bevilacqua, Marsilio, Venezia 1996 (Id., Schatzkästlein des rheinischen Hausfreundes, Reclam, Stuttgart 1999 e anni sgg. ) di cui le seguenti storie: a) Unglück der Stadt Leiden; b) Kannitverstan; c) Der silberne Löffel; d) Einträglicher Rätselhandel; e) Der Heiner und der Brassenheimer Müller; f) Schreckliche Unglücksfälle in der Schweiz; g) Unverhofftes Wiedersehen (per un totale di circa 25 pp. + commento di Bevilacqua, 20 pp.)

2. Heinrich von Kleist, Sul teatro delle marionette, a cura di M. Sabbadini, ed. La Vita Felice, 2003 – (Id., Über das Marionettentheater: Studienausgabe, hrsg. von Gabriele Kapp, Reclam, Stuttgart 2013) di cui i seguenti 5 testi: a) Über das Marionettentheater; b) Der Griffel Gottes; c) Der neue, glücklichere Werther; d) Geschichte eines merkwürdigen Zweikampfs; e) Über die allmähliche Verfertigung der Gedanken beim Reden (circa 25 pp.)

3. Freschi, La letteratura tedesca, il Mulino, Bologna 2008 (introduzione da p. 7 a p.12 e capp. III-IV e V, da p. 37 a 102).

Si consiglia di cercare i testi su vari siti librari: Amazon, Wuz, Ibs Libri, Il Libraccio ecc.. I testi sono disponibili anche in biblioteca umanistica a Bergamo.
II parte: - Athenaeum [1798-1800], tutti i fascicoli della rivista di August Wilhelm Schlegel e Friedrich Schlegel. A cura di G. Cusatelli, E. Agazzi e D. Mazza. Milano: Bompiani, 2009, in cui sono contenute le seguenti parti:
1) Frammenti (Fr. Schlegel-A.W. Schlegel), collocati tra le pp.155-245 di cui in programma i numeri 1, 2, 3, 15, 16, 22, 24, 32, 35, 40, 42, 63, 64, 71, 77, 80, 102, 112, 116, 121, 139, 170, 173, 196, 206, 216, 220, 225, 237, 245, 259, 323, 380, 411, 418, 421, 424, 426, 439, 451 (totale circa 30 pp. comprese le note)
2) “Storia e cronistoria” relativa al fascicolo II, di E. Agazzi, pp. 271-293

- G. Ch. Lichtenberg, Lo scandaglio dell’anima, a cura di A. Verrecchia, BUR, Milano 2002 (circa 200 pp) (Id., Aphorismen. Sudelbücher, Kindl Edition 2014). Gli studenti prepareranno per l'esame la parte di testo da pagina 7 a 167 (Dal Saggio introduttivo alla fine del paragrafo X sulla Filosofia) e i seguenti aforismi: A 4/ A17/ A19/ A29/ A40/ A 58/ A64/ A 116/ B81/ C39/ C134/ C209/ C223/ C303/ D110/ D264/ D444/ E39/ F353/ F1212/ J14/ J111/ K1/ K3/ L9/ L228/ L529/ K102/ K155/ K172/ K186/ p. 561 (Una parola sull'età della ghigliottina), p. 562 e p. 563 Nr. 1 e 2.

Metodi didattici

La didattica si svolgerà tramite lezioni frontali, ma con un''attenzione particolare al confronto e al dialogo diretto con gli studenti, che potranno, durante le lezioni, formulare proposte di approfondimento o dibattito. Parte dei testi verrà letta e commentata in italiano sulla base del testo in lingua originale e relativa traduzione, perché trattandosi di testi di breve respiro, il livello di preparazione dello studente consente questa modalità.

Lezioni frontali in italiano con utilizzo dei testi in lingua tedesca

Modalità verifica profitto e valutazione

L’esame sarà sostenuto dallo studente in forma orale. Sono previste tre domande, di cui:
1) inquadramento storico-critico sull’attività letteraria dell’autore indicato e descrizione della poetica della “forma breve” che lo concerne;
2) analisi di un testo da un punto di vista stilistico-formale, contenutistico e storico-critico;
3) istituzione di un collegamento con altri tipi di forma breve trattati nel modulo o approfondimento dell’analisi del testo precedentemente analizzato al punto 2, qualora la risposta al secondo quesito risultasse incompleta.
Per ottenere una valutazione positiva lo studente deve conoscere i vari metodi ecdotici; deve saper collocare i testi analizzati nel loro contesto storico e culturale; deve conoscere i punti essenziali della bibliografia critica. Per una valutazione più che positiva lo studente dovrà dimostrare una approfondita conoscenza dei testi, commentandoli da un punto di vista linguistico e filologico ed entrando in dialogo con la bibliografia critica. Per una valutazione di eccellenza lo studente deve dimostrare di aver raggiunto una visione organica dei temi affrontati a lezione, di sapersi orientare con sicurezza all’interno delle fonti e del materiale bibliografico, di saper collegare gli argomenti e di saperli esporre con padronanza espressiva.

Altre informazioni

Il programma è identico per gli studenti frequentanti come per i non frequentanti.
Chi non avesse potuto seguire le lezioni è pregato di contattare il docente per discutere eventuali integrazioni a supporto del programma dell'esame. Gli studenti Erasmus sono pregati di contattare la docente all'inizio del corso.
NB: Gli studenti sono tenuti a portare all’esame i testi e i materiali previsti dal programma