ECONOMIA DELL'INNOVAZIONE

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
86042

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2016/2017
Insegnamento (nome in italiano): 
ECONOMIA DELL'INNOVAZIONE
Insegnamento (nome in inglese): 
ECONOMICS OF INNOVATION
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
ECONOMIA APPLICATA (SECS-P/06)
Anno di corso: 
3
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
9
Responsabile della didattica: 
Mutuazioni

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Secondo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
72
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Per le propedeuticità obbligatorie previste consultare il sito www.unibg.it/economia.

Obiettivi formativi

L’obiettivo del corso è fornire agli studenti le competenze e le capacità per comprendere come si genera l'innovazione tecnologica e organizzativa a livello microeconomico e quali siano le sue conseguenze economiche sulle dinamiche a livello settoriale. Per acquisire tali competenze, il corso studia la natura, le caratteristiche, le determinanti e le conseguenze dell’innovazione a livello di impresa e la sua diffusione nel sistema economico. Particolare attenzione viene data al comportamento e alle scelte dei soggetti economici micro (le imprese) e delle istituzioni coinvolte nella dinamica innovativa.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso è costituito da lezioni che si focalizzano sui seguenti argomenti:* Il progresso tecnologico nel pensiero economico (scuola neoclassica, Schumpeter, teoria evolutiva)* Che cos'è l'innovazione: la relazione tra scienza, tecnologia e innovazione* Come si misura l'innovazione e le sue conseguenze economiche* Le fonti dell'innovazione* La microeconomia dell'innovazione: le imprese, i mercati e altre istituzioni* Chi si appropria dei benefici dell'innovazione: il dibattito sui diritti di proprietà intellettuale* La macroeconomia dell'innovazione: il mercato del lavoro, l'innovazione e la crescita* Le politiche economiche per l'innovazioneIl corso di 6 cfu sviluppa i primi 6 argomenti, mentre il corso di 9 cfu analizza tutti i temi sopra indicati

Testi di riferimento

*P. Fariselli (2014), Economia dell’Innovazione, Giappichelli Editore: Torino*M.A. Schilling e F. Izzo (2013, terza edizione), Gestione dell’Innovazione, McGraw-Hill Education (Italia): Milano (cap.2-9)

Metodi didattici

Il corso è sviluppato in parte attraverso lezioni frontali tenute dalla docente, e in parte attraverso presentazioni fatte da gruppi di studenti (normalmente 2, massimo 3 studenti) di alcuni articoli/capitoli che fanno parte delle letture obbligatorie del corso o da alcuni argomenti che gli studenti devono sviluppare in gruppo e dalle conseguenti discussioni in classe. Le presentazioni avvengono secondo un calendario concordato all’inizio del corso tra docente e studenti.Il metodo didattico include la formazione al lavoro di gruppo e individuale nella preparazione e nella comunicazione degli articoli/capitoli a loro assegnati. Gli studenti sono preparati al corretto uso dei riferimenti bibliografici e delle citazioni, alla ricerca di fonti correlate e alla verifica dei contenuti incerti. La presentazione in classe consente agli studenti di misurarsi con le dinamiche comunicative sia da protagonisti sia da spettatori, permettendogli di valutare i punti di forza e le debolezze.

Modalità verifica profitto e valutazione

La valutazione finale del corso è data da:a) Presentazione in classe (con l’utilizzo di slide) di un articolo/capitolo (facente parte delle letture obbligatorie) fatto da gruppi di 2 (massimo 3) studenti.La presentazione in classe verifica:* il corretto apprendimento del tema di studio;* l’individuazione dei contenuti chiave e la loro priorità;* la capacità di sintesi dei contenuti rilevanti;* la correttezza ed efficacia della presentazione orale;* la preparazione di slide efficaci e utili alla presentazione.La valutazione delle presentazioni costituisce il 50% del voto finale e tiene in considerazione la partecipazione attiva dello studente durante le lezioni della docente e le presentazioni degli altri studenti. b) Esame scritto di fine corso che verterà sui contenuti delle lezioni e delle letture obbligatorie. Costituisce il 50% del voto finale.La prova scritta consiste di domande a risposta aperta con limiti di spazio, e di domande chiuse a risposte multiple. La prova scritta verifica:* il corretto  apprendimento dei concetti relativi ai principali argomenti del programma svolto;* la precisione e la capacità di sintesi delle risposte;* la capacità di capire ed esporre gli elementi essenziali di contenuti complessi* l’adeguatezza ed efficacia dell'esposizioneGli studenti che non potranno eseguire la presentazione in classe devono studiare più capitoli dei due manuali di riferimento rispetto a quelli assegnati agli studenti che possono fare la presentazione in classe. La loro valutazione dipende dall’esame scritto (vedi sopra punto b) e dall’esame orale, che si terrà di seguito nel corso dello stesso appello se gli student otterranno la sufficienza nell’esame scritto. L’esame orale verterà sull'intero programma.

Altre informazioni

Gli studenti sono pregati di iscriversi al corso sulla piattaforma e-learning, Moodle, dove verranno pubblicate le slide, materiali supplementari e tutti gli aggiornamenti del corso.