LINGUA RUSSA II A

Modulo Generico
Codice dell'attività formativa: 
3040

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2017/2018
Insegnamento (nome in italiano): 
LINGUA RUSSA II A
Insegnamento (nome in inglese): 
Russian Language II A
Insegnamento: 
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Caratterizzante
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Settore disciplinare: 
SLAVISTICA (L-LIN/21)
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
5
Responsabile della didattica: 
Mutuazioni
  • Corso di studi in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MODERNE - Percorso formativo in PERCORSO COMUNE
  • Corso di studi in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MODERNE - Percorso formativo in PERCORSO COMUNE

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Annualità Singola
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
95
Ambito: 
Lingue e traduzioni
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Superamento dell’esame di Lingua Russa I.

Obiettivi formativi

MODULO IIA LINGUA RUSSA II (I periodo) e LINGUA RUSSA IIA

COMPETENZE DISCIPLINARI: al termine del modulo lo studente vedrà perfezionate e consolidate le proprie conoscenze teoriche e abilità pratiche riguardo all’uso della categoria grammaticale dell’aspetto verbale nella lingua russa (livello B2 del QCER), dando prova di un uso consapevole e relativamente disinvolto nelle varie esigenze comunicative, specie della viva lingua parlata, e nell’ambito della traduzione di testi scritti dall’italiano in russo e viceversa.

COMPETENZE COMUNICATIVE: lo studente avrà inoltre conseguito una competenza discreta nelle abilità linguistico-comunicative, strumentali al modulo, di livello B1 del QCER – al riguardo si rimanda alle pagine web del Centro Competenza Lingue relative alle attività di addestramento linguistico per lingua russa (ADD B1 - I periodo).

Contenuti dell'insegnamento

MODULO IIA LINGUA RUSSA II (I periodo) e LINGUA RUSSA IIA

COMPETENZE DISCIPLINARI. La categoria dell’aspetto verbale nella lingua russa: definizione di aspetto; formazione delle coppie aspettuali (primitive e derivate); verbi monoaspettuali e biaspettuali; usi aspettuali contrastivi base (imperfettivo vs perfettivo) e inoltre: in diversi contesti di coordinamento temporale, in domande circostanziali con pronomi e avverbi interrogativi, in strutture negative, all’imperativo, all’infinito, al futuro, in contesti di necessità, in atti potenziali, usi stilistici. Significato e uso di alcuni prefissi verbali indicanti ‘modo dell’azione’ (po-, pro-, za-, raz- -sja). Analisi contrastiva e problemi di traduzione nelle due lingue. Esercizi ‘Cloze’, traduzione ‘didattica’ dall'italiano in russo e viceversa, analisi dell’uso degli aspetti verbali in testi letterari e in produzioni linguistiche tipiche del parlato.

COMPETENZE COMUNICATIVE. Per i contenuti in dettaglio del programma relativo alle attività di addestramento linguistico finalizzate al conseguimento delle abilità linguistico-comunicative di livello B1 del QCER, strumentali al modulo, si rimanda alle pagine web del CCL per lingua russa (ADD B1 - I periodo).

Testi di riferimento

MODULO IIA LINGUA RUSSA II (I periodo) e LINGUA RUSSA IIA

- Skvorcova, Upotreblenie vidov glagola v russkom jazyke, Russkij Jazyk, Moskva 2017, pp. 5- 8, 27-31, 37-41, 44-45, 52-53, 59-64, 69-79, 85-94, 97-98, 103-109.
- Vasilenko-Lamm, Gli aspetti del verbo russo, Russkij Jazyk, Moskva 1985, pp. 24-29, 50-68, 85-86, 92-101, 107-117, 126-131, 134-140, 149-155, 158-174, 182-191, 214-227.
- Nikitina, Esercizi di lingua russa, Hoepli, Milano 2015, pp. 75-94.
- Dispensa a cura della docente (ca. 80 pp.), materiali didattici caricati sulla piattaforma e-learning e appunti delle lezioni.

PER APPROFONDIMENTI:
- Rassudova, Aspectual Usage in Modern Russian, Russkij Jazyk, Moskva 1985.
- Sokolovskaja, Vidy glagola v russkoj rechi, Russkij Jazyk, Moskva 2008.

Dizionario consigliato: Kovalev, Dizionario russo-italiano e italiano-russo, Bologna, Zanichelli 20144, con CD-Rom.

Per i testi di riferimento relativi alle attività di addestramento linguistico finalizzate al conseguimento delle abilità linguistico-comunicative di livello B1 del QCER, strumentali al modulo, si rimanda alle pagine web del CCL per lingua russa (ADD B1 - I periodo).

Metodi didattici

MODULO IIA LINGUA RUSSA II (I periodo) e LINGUA RUSSA IIA

Lezioni frontali in lingua italiana e russa, con un’attenzione particolare al dialogo e al confronto diretto con gli studenti; monitoraggio costante dell’effettiva comprensione e dell’assimilazione graduale degli argomenti trattati (tramite esercitazioni in aula; assegnazione, correzione e valutazione settimanale dei compiti per casa, quali verifiche informali in itinere); utilizzo di strumenti audio-visivi (Internet), di materiali multimediali e delle piattaforme e-learning.
ANCHE I NON FREQUENTANTI sono tenuti a consegnare periodicamente i compiti assegnati o, in caso di impossibilità per impegni lavorativi o di altra natura, anche cumulativamente in un’unica volta (previa autocorrezione tramite le soluzioni caricate sulle piattaforme e-learning), ma NON PIÙ TARDI DI DUE SETTIMANE PRIMA DELLA DATA DELL’ESAME SCRITTO.

Per acquisire le abilità linguistico-comunicative di livello B1 del QCER, strumentali al modulo IIA di Lingua Russa IIA e Lingua Russa II, gli studenti sono tenuti ad accedere alle varie attività di addestramento linguistico (ADD B1: comprensione scritta/orale, espressione scritta/orale, grammatica e sintassi) programmate nel I periodo; possono inoltre avvalersi del servizio di tutorato previsto nel corso dell’anno (v. relative pagine web per lingua russa del CCL).

AI FINI DI UN PROFICUO APPRENDIMENTO DELLA LINGUA È VIVAMENTE RACCOMANDATA LA FREQUENZA SIA AI CORSI SIA ALLE ATTIVITÀ DI ADDESTRAMENTO LINGUISTICO, PUR NON ESSENDO OBBLIGATORIA.

Modalità verifica profitto e valutazione

ESAME SCRITTO: MODULO IIA LINGUA RUSSA II e LINGUA RUSSA IIA (prove senza vocabolario). L’esame prevede una prova della durata di un’ora, da superarsi con un punteggio minimo di 18/30, relativa ai contenuti del corso ufficiale: scelta dell’adeguato aspetto verbale, traduzione di strutture sintattiche complesse dall’italiano in russo e viceversa sull’uso degli aspetti verbali.
L’esame prevede, inoltre, prove specifiche di verifica delle abilità linguistico-comunicative di livello B1 del QCER consistenti in: comprensione di un testo scritto e di un testo al solo ascolto (entrambe con risposte a scelta multipla, da superarsi con un punteggio minimo di 5/7), traduzione ‘didattica’ (grammatica e sintassi del I periodo) dall’italiano in russo (della durata di un’ora da superarsi con un punteggio minimo di 18/30).

ESAME ORALE: MODULO IIA LINGUA RUSSA II e LINGUA RUSSA IIA. Il superamento di tutte le prove scritte di cui sopra permette di accedere all’esame orale, atto ad appurare il grado effettivo di assimilazione dei contenuti del corso. In particolare, lo studente deve dimostrare di aver acquisito specifiche abilità traduttive nella resa degli aspetti verbali, di sapersi esprimere in modo logico e con proprietà di linguaggio sulla parte teorica del corso (con conoscenza della terminologia grammaticale in russo e capacità di riflessioni metalinguistiche) e di essere consapevole delle caratteristiche precipue dei due sistemi linguistici (italiano e russo a confronto) così sensibilmente diversi tra loro nell’espressione dell’aspetto verbale. L’esame è comprensivo di una prova di conversazione in lingua russa su specifici temi.

VALUTAZIONE: Il voto finale dell’esame è espresso in trentesimi (con soglia minima di superamento fissata in 18/30) ed è calcolato in base alle valutazioni (prove scritte e orali) relative al MODULO di LINGUA RUSSA IIA oppure ai MODULI CONGIUNTI IIA e IIB (AL QUALE SI RIMANDA) di LINGUA RUSSA II del corso della docente (competenze disciplinari), tenuto conto anche dell’effettivo grado di competenza conseguito dallo studente nelle abilità di livello B1 del QCER (competenze linguistico-comunicative).

I risultati delle prove scritte saranno pubblicati on-line sulle piattaforme e-learning e notificati direttamente agli studenti. Il voto finale sarà, invece, visibile da parte dello studente nel proprio libretto elettronico.

Altre informazioni

PROVA PARZIALE ANTICIPATA: LINGUA RUSSA II (I periodo). La parte d’esame (sia scritto sia orale) relativa al modulo IIA di Lingua Russa II sull’uso degli aspetti verbali, ed eventualmente anche la verifica di traduzione ‘didattica’ (grammatica e sintassi) relativa al programma di addestramento linguistico del I periodo, offerto dal CCL, possono essere sostenute dai SOLI STUDENTI FREQUENTANTI IN MODO ATTIVO come prova/-e parziale/-i anticipata/-e al termine del I periodo (O SOLO NEL PRIMO O SOLO NEL SECONDO APPELLO DELLA SESSIONE INVERNALE: non si può sostenere la stessa prova parziale anticipata per due appelli di seguito). L’iscrizione si effettua tramite comunicazione via e-mail direttamente alla docente.

LINGUA RUSSA IIA. Le prove scritte DEVONO ESSERE SOSTENUTE TUTTE INSIEME NELLA STESSA SESSIONE D’ESAME. Il candidato si ripresenterà quindi nelle sessioni successive per sostenere (anche in questo caso TUTTE INSIEME) le prove non superate.
Le prove scritte devono essere perfezionate con la prova orale ENTRO 18 MESI dalla data della prima prova scritta in assoluto superata. ALLO SCADERE DEL TERMINE LO STUDENTE È TENUTO A RISOSTENERE TUTTE LE PROVE IN CUI SI ARTICOLA L’ESAME SCRITTO.
IL TERMINE per l’iscrizione, tramite la Segreteria studenti, sia all’esame scritto sia all’esame orale è di 5 GIORNI prima della data prevista per l’esame. LE ISCRIZIONI SUCCESSIVE ALLA SCADENZA PREVISTA NON SARANNO ACCOLTE.
Per una descrizione più in dettaglio delle prove d'esame scritte e orali e le modalità di esecuzione, nonché per esempi concreti di prove d’esame scritte con soluzioni (relative a precedenti sessioni), si rimanda alle piattaforme e-learning. Per iscriversi alle piattaforme e-l è necessario comunicare tempestivamente alla docente via e-mail: nome, cognome, numero di matricola e corso di laurea. SARANNO CARICATI SOLO GLI STUDENTI IN POSSESSO DEI PREREQUISITI DI ACCESSO AI CORSI.
Gli studenti sono tenuti a prendere regolarmente atto delle notifiche che giungeranno dalle piattaforme elettroniche sulla loro posta studenti (in media quattro volte alla settimana, in concomitanza con le lezioni e le attività di addestramento linguistico), a scaricare i materiali di volta in volta indicati e a portarli al seguito a lezione. Le piattaforme sono concepite in MODALITÀ “BLENDED”, sono quindi di supporto alla didattica in aula e NON sostituiscono le lezioni o le esercitazioni frontali (NON vanno, cioè, intese come un corso a distanza).

Gli studenti Erasmus, gli studenti di altri Dipartimenti e in genere gli STUDENTI NON FREQUENTANTI (ivi compresi gli studenti russofoni) sono vivamente pregati di contattare la docente ufficiale in tempo utile, a INIZIO CORSO, al fine di chiarire la propria posizione.