TECNICA E PIANIFICAZIONE URBANISTICA

Attività formativa monodisciplinare
Sede: 
DALMINE
Codice dell'attività formativa: 
20064

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2017/2018
Insegnamento (nome in italiano): 
TECNICA E PIANIFICAZIONE URBANISTICA
Insegnamento (nome in inglese): 
URBAN PLANNING
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Caratterizzante
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
TECNICA E PIANIFICAZIONE URBANISTICA (ICAR/20)
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
9
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
72
Ambito: 
Architettura e urbanistica
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Nozioni di analisi matematica e fisica
Nozioni di disegno
Conoscenze cartografiche

Obiettivi formativi

Fornire elementi tecnici di conoscenza, fondamentali dell'urbanistica. Preparare lo studente alla comprensione degli strumenti urbanistici, per costruire una figua di tecnico in grado di rapportarsi correttamente alla costruzione dei processi di piano e portare un contributo utile alla restituzione del quadro conoscitivo del territorio. Sensibilizzare ai temi della pianificazione sostenibile.

Contenuti dell'insegnamento

Definizione di Tecnica urbanistica e Pianificazione territoriale.
Tipologie edilizie.
La costruzione del tessuto.
Tipologie insediative.
Indagini primarie e successive.
Indagine fisica.
Indagine sociale.
Indagine storica.
Indagine economica.
Metodo impiantistico e metodo organico.
Costruzione ed evoluzione dell'apparato legislativo specifico, con particolare attenzione al quadro legislativo nazionale e della Regione Lombarda.
Scale del costruito con approfondimenti sulla scala urbana e sulla scala edilizia.
Strumenti: gestione ed effetti.
I piani urbanistici e gli strumenti attuativi.
Concetto di sostenibilità declinato alla scala urbana ed edilizia.

Testi di riferimento

Columbo Vincenzo, la ricerca urbanistica indagini primarie, Giuffrè Editore, Milano 1986;
Ronzoni Maria Rosa, Il senso della periferia, Tecniche di riqualificazione ambientale, Alinea Editrice, Firenze 2001;
Ronzoni Maria Rosa, Il senso della periferia, Atlante di casi di studio, Alinea Editrice, Firenze 2001;
Bedini Maria Angela, Bronzini Fabio, Sampaolesi Stefano (a cura di), la città amica di Roberto Busi, Ancona University Press 2011.

Metodi didattici

Determinazione, tramite acquisizione critica di consolidata letteratura significativa, di criteri, modalità e strumenti per la conoscenza della città e del territorio nelle relative componenti fisiche ed antropiche (storiche, sociali ed economiche) oltre che per l'individuazione delle modalità d'intervento per la conservazione, il recupero e lo sviluppo di strutture ed infrastrutture atte alla migliore organizzazione del territorio. Saranno tenuti a riferimento gli obiettivi e i contenuti legislativi comunitari, statali italiani e di ulteriori realtà comparabili e regionali, con particolare riferimento al caso della regione Lombardia. La didattica si svolgerà tramite lezioni frontali,indirizzate a fornire maggiore comprensione dei fondamenti della materia, in esercitazioni mirate a un approccio diretto alle questioni che la disciplina affronta e in alcune ore di laboratorio, finalizzate a permettere agli studenti di misurarsi direttamente con la tecnica urbanistica. Durante il corso saranno fornite occasioni di approfondimento delle tematiche trattate attraverso seinari e incontri con portatori di professionalità specifiche.

Modalità verifica profitto e valutazione

Lo studente è chiamato a fine corso a sostenere un esame costituito da scritto + orale. All'orale sono ammessi solo gli studenti che hanno superato la prova scritta con una valutazione di almeno 18/30. Il giudizio finale si compone delle valutazioni espresse sullo scritto, sulla discussione orale e sul voto attribuito al lavoro di esercitazione prodotto durante il corso.
I temi affrontati nello scritto riguardano la conoscenza di base della materia, indispensabile per poterla trattare professionalmente. L'orale è un approfondimento dei temi affrontati nello scritto, fino a spaziare su tutti gli argomenti previsti dal programma. La prova scritta prevede un'ora di tempo; è costituita da tre semplici domande e per essere ammessi all'orale è necessario rispondere correttamente a tutti e tre i quesiti.

Altre informazioni

Si richiede inoltre un elaborato di analisi di uno strumento di pianificazione alla scala comunale.
Disponibile a supportare studenti Erasmus in lingua inglese e tedesca