ANALISI MATEMATICA II

Attività formativa monodisciplinare
Sede: 
DALMINE
Codice dell'attività formativa: 
20062

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2017/2018
Insegnamento (nome in italiano): 
ANALISI MATEMATICA II
Insegnamento (nome in inglese): 
MATHEMATICAL ANALYSIS II
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa di Base
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
ANALISI MATEMATICA (MAT/05)
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
48
Ore di studio individuale: 
90
Ambito: 
Formazione scientifica di base
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Calcolo differenziale ed integrale in una variabile. Algebra lineare e geometria.

Obiettivi formativi

Al termine del corso, lo studente ha acquisito le conoscenze di base del calcolo differenziale ed integrale in più variabili reali, conosce i fondamenti e metodi di risoluzione per le equazioni differenziali ordinarie più elementari. Inoltre sa risolvere semplici problemi di ottimizzazione libera, manipolare curve e semplici superfici, ha qualche nozione di base sulle serie di Fourier in una dimensione.

Contenuti dell'insegnamento

Funzioni di più variabili: limiti e continuità.
Calcolo differenziale per funzioni di più variabili.
Calcolo differenziale su curve.
Integrali multipli.
Integrali su curve.
Nozioni elementari sulle superfici.
Equazioni differenziali e problemi di Cauchy.
Serie trigonometriche.

Testi di riferimento

M. Bramanti, C.D. Pagani, S. Salsa: Analisi matematica 2. Zanichelli.

M. Bramanti, Esercitazioni di Analisi Matematica 2, Progetto Esculapio - Bologna

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercitazioni

Modalità verifica profitto e valutazione

L’esame prevede una prova scritta della durata di 2 ore e 30 minuti contenente sia esercizi sia domande di teoria.
Il punteggio attribuito ad ogni domanda sarà specificato sul testo della prova di volta in volta, per un totale massimo di 33 punti.
Nell'attribuire il voto finale si terrà conto della correttezza, della chiarezza e della capacità di giustificare le conclusioni raggiunte ed inoltre dell’equilibrio raggiunto dallo studente tra le competenze dimostrate nella parte pratica e in quella teorica.