DIRITTO SANITARIO

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
95011

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2017/2018
Insegnamento (nome in italiano): 
DIRITTO SANITARIO
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Settore disciplinare: 
DIRITTO AMMINISTRATIVO (IUS/10)
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
48
Ore di studio individuale: 
90
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Per poter sostenere l'esame non sono previsti prerequisiti specifici.
Lo studente deve avere conoscenze di diritto pubblico e privato, che verranno fornite durante le lezioni, i seminari e le esercitazioni.

Obiettivi formativi

Il corso è dedicato all'analisi del sistema sanitario italiano ed è volto a fornire agli studenti le conoscenze fondamentali per comprenderne le caratteristiche e le problematiche. L'insegnamento ha altresì lo scopo di dare agli studenti le competenze necessarie per poter lavorare nella sanità o nei servizi socio-sanitari, rapportandosi con le pubbliche amministrazioni e gli altri attori che operano in tali settori.

Contenuti dell'insegnamento

1. La salute e il diritto alla salute: profili storici e costituzionali.
2. Il diritto alla salute come diritto fondamentale e come diritto sociale.
3. Gli accertamenti e i trattamenti sanitari volontari e obbligatori.
4. Il consenso informato.
5. I livelli essenziali delle prestazioni.
6. L’organizzazione amministrativa della sanità:
- Il riparto delle funzioni legislative e amministrative in ambito sanitario.
- La programmazione sanitaria.
- I soggetti istituzionali del servizio sanitario a livello nazionale (il Ministero della salute, il Consiglio superiore di sanità, l’Istituto superiore di Sanità, l’Agenzia Italiana del Farmaco, l’Agenzia per i servizi sanitari regionali, ecc.) e regionale (le aziende sanitarie locali, le aziende ospedaliere, ecc..).
- Gli operatori privati della sanità: il c.d. sistema delle “3 A”.
7. L'integrazione socio-sanitaria.
8. Il personale del servizio sanitario nazionale, con particolare riferimento alla dirigenza sanitaria.
9. La responsabilità medica.
10. La telemedicina.

Nell’ambito del corso particolare attenzione verrà dedicata alla riflessione giuridica sulle questioni bioetiche legate al diritto alla salute.

Testi di riferimento

I libri di testo sono due:
- A. PIOGGIA, Diritto sanitario e dei servizi sociali, Torino: Giappichelli, 2017 (esclusi: il par. 2.5 del cap. I-2; i par. 4.3 e 4.4. del cap. I-4; il par. 1.4 del cap. II-1; i par. 2.5 e 2.6 del cap. II-2; il cap. IV);
- F. TOTH, La sanità in Italia, Bologna: il Mulino, 2014.

I libri di testo devono essere integrati dagli appunti presi a lezione e dal materiale eventualmente indicato e pubblicato sulla piattaforma moodle.

Metodi didattici

Lezioni frontali.
Il corso prevede l'attivazione di seminari ed esercitazioni su argomenti specifici.
Temi e calendario saranno pubblicati nella bacheca del corso.

Modalità verifica profitto e valutazione

Esame orale. L'esame consiste in una verifica delle conoscenze acquisite e della capacità di discutere in modo chiaro e pertinente le problematiche della materia.

Altre informazioni

Gli studenti debbono basarsi sul programma dell'anno accademico in cui intendono sostenere l'esame. Non è consentito portare programmi riferiti ad anni accademici precedenti.
Si consiglia vivamente la frequenza alle lezioni.
Si raccomanda altresì di prendere visione della bacheca per informazioni aggiuntive sul corso e della piattaforma moodle. La consultazione di tale piattaforma è fondamentale in quanto consente di essere informati su eventuali mutamenti nella disciplina (il diritto, infatti, è soggetto a continue modifiche). Qualora l'evoluzione normativa e giurisprudenziale lo renda necessario, durante il corso saranno indicate agli studenti (e opportunamente segnalate sulla piattaforma) eventuali letture integrative atte ad aggiornare i contenuti del Manuale. Tali letture faranno parte del programma da portare all’esame (sia per chi frequenta che per chi non frequenta le lezioni).
Gli studenti sono tenuti a presentarsi all’esame con copia della Costituzione e del d.lgs. 502/1992.