DIRITTO DEL LAVORO II (3 MODULI) | Università degli studi di Bergamo

DIRITTO DEL LAVORO II (3 MODULI)

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
6669

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2017/2018
Insegnamento (nome in italiano): 
DIRITTO DEL LAVORO II (3 MODULI)
Insegnamento (nome in inglese): 
LABOUR LAW II
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Settore disciplinare: 
DIRITTO DEL LAVORO (IUS/07)
Anno di corso: 
3
Anno accademico di offerta: 
2019/2020
Crediti: 
9
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
54
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Testi e materiali didattici: 
Prerequisiti

Le propedeuticità obbligatorie sono pubblicate nella pagina https://lt-ogi.unibg.it sezione piano di studio DINI

Obiettivi formativi

Il corso affronta l'impatto sul diritto del lavoro del diritto internazionale e del diritto dell'Unione europea. Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza della dimensione sociale del diritto del lavoro e delle politiche del lavoro comunitarie in un periodo, come quello attuale, in cui stanno conoscendo un deciso sviluppo.
Al termine del corso lo Studente conosce le istituzioni europee ed internazionali e ha conoscenze approfondite in materia sociale e del lavoro. Conosce in particolare le norme e gli strumenti predisposti da tali istituzioni e l'efficacia degli stessi in Italia. Conosce inoltre elementi di diritto europeo e internazionale in materia di lavoro. E' in grado di descrivere con proprietà di linguaggio gli istituti giuridici in tema di diritto del lavoro e di consultare le fonti normative comunitarie e internazionali.
Queste conoscenze rappresentano la base per sviluppare capacità di analisi, ricerca e di critica necessaria per confrontarsi il settore giuslavoristico nei suoi vari profili. La partecipazione alle attività didattiche ulteriori (tutorati, e.learning, PSC, seminari di approfondimento) offerte dal docente è destinata a fornire allo studente gli strumenti, per affinare ed acquisire le abilità necessarie per affrontare le problematiche insite nella materia, per sapersi confrontare e sostenere argomentazioni giuridiche, per saper interpretare e predisporre documenti giuridici tutte abilità indispensabili per la figura professionale del giurista e del consulente del lavoro ove si sia optato per tale percorso.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso di Diritto del lavoro II affronta il diritto del lavoro nella sua prospettiva sovranazionale. Il corso offre una panoramica dei principi ispiratori delle norme contenute nelle convenzioni e raccomandazioni dell'OIL, dei principi sociali dai Trattati di Roma e della Carta sociale. Si sviluppa partendo dall'analisi dei principi dell'ordinamento internazionale moderno e contemporaneo per giungere ad analizzare la progressiva istituzionalizzazione dei rapporti internazionali. Nel proseguio affronta l'organizzazione internazionale del lavoro, soffermandosi sul ruolo ricoperto e funzioni esercitate dagli organismi internazionali. Particolare attenzione verrà posta alle tappe principali dell'integrazione europea analizzando gli organismi e le modalità di azioni dei medesimi. Il corso affronterà pertanto le fonti del diritto comunitario, soffermandosi sull'adattamento del diritto interno al diritto internazionale, sull'efficacia mediata e diretta delle norme comunitarie, sul principio di sussidiarietà e sul primato del diritto comunitario. Con riguardo alle politiche occupazionali si affronterà il passaggio dal Trattato di Amsterdam al Trattato di Lisbona. Il corso affronterà in seguito la libera circolazione dei lavoratori, il diritto di stabilimento e la libera circolazione dei servizi. La dimensione sovranazionale del diritto del lavoro contempla l'analisi dei lavori flessibili, della tutela della sicurezza del lavoro anche nell'ottica della responsabilità sociale, la tematica delle discriminazioni di genere e delle nuove discriminazioni. In ultimo il corso affronterà il tema delle ristrutturazioni e della crisi d'impresa.

Testi di riferimento

- Manuale di diritto internazionale del lavoro, Perulli, Brino, GIappichelli, ultima edizione pubblicata
- Diritto del lavoro dell'Unione Europea, F. Carinci, A. Pizzoferrato, Giappichelli, ultima edizione pubblicata

Metodi didattici

La didattica si svilupperà attraverso l'erogazione di lezioni frontali, supportate da presentazioni in power point esplicative. Il corso comprende attività didattiche integrative sia in aula sia in modalità e Learning, seminari di approfondimento.All'interno del corso verranno organizzati uscite didattiche presso il tribunale coadiuvate da incontri seminariali preparatori alle udienze medesime.
Altresì parallelamente al corso per quanti hanno optato per il percorso per Consulente del lavoro verranno offerti seminari didattici propedeutici ai corsi ed al sostenimento dell'esame da Consulente del lavoro.
Le lezioni frontali, benchè di taglio prevalentemente teorico, sono comprensive dell'analisi di esemplificazioni concrete, in modo da consentire allo studente di approfondire anche il profilo applicativo delle questioni trattate.
La didattica prevede l'approfondimento di talune tematiche tramite percorsi di ricerca ed uso delle banche dati internazionali.Tali approfondimenti dovranno tradursi in una relazione che verrà discussa in sede d'esame.

Modalità verifica profitto e valutazione

La prova d'esame di fine corso si svolgerà in forma orale e la valutazione sarà espressa in trentesimi.
L'interrogazione sarà strutturata in tre domande vertenti sull'intero programma al fine di verificare l'acquisizione da parte degli studenti delle nozioni impartite all'interno dell'insegnamento.

Prerequisites

Prerequisites required are published on the web site https://lt-ogi.unibg.it section: piano di studio DINI

Educational goals

The course deals with the impact on labor law of international law and European Union law. The course proposes to provide students with the knowledge of the social dimension of labor law and community policy at a time, such as the present one, where they are aware of a decisive development.
At the end of the course, the student knows the European and international institutions and has extensive knowledge of social and labor issues. It knows, in particular, the standards and tools provided by these institutions and their effectiveness in Italy. He also knows elements of European and international labor law. It is capable of describing legal institutions in the field of labor law and of consulting community and international regulatory sources.
This knowledge is the basis for developing analytical, research and critical skills needed to confront the jury industry in its various profiles. Participation in further teaching activities (tutorials, e-lesson, PSC, in-depth seminars) offered by the teacher is intended to provide the student with the tools to refine and acquire the skills needed to address the issues inherent in the subject, To support legal arguments in order to be able to interpret and prepare legal documents all the necessary skills for the professional figure of the lawyer and the job advisor where he has opted for such a course.

Course content

The Labor Law II course deals with labor law in its supranational perspective. After an introduction on the constituent elements of the international community, the course offers an overview of the guiding principles of the rules contained in ILO conventions and recommendations, of the social principles of the Rome Treaties and of the Social Charter. The course develops starting from the analysis of the principles of the modern and contemporary international order to arrive at analyzing the progressive institutionalization of international relations. In the continuation he deals with the international organization of work, dwelling on the role played and functions exercised by international organizations. Particular attention will be paid to the main stages of European integration by analyzing the organisms and the methods of their actions. The course will also address the sources of Community law, focusing on the adaptation of domestic law to international law, on the mediated and direct effectiveness of Community rules, on the principle of subsidiarity and on the primacy of Community law. With regard to employment policies, the transition from the Amsterdam Treaty to the Lisbon Treaty will be addressed. The course will then deal with the free movement of workers, the right of establishment and the free movement of services. The supranational dimension of labor law includes the analysis of flexible jobs, the protection of job security also in terms of social responsibility, the issue of gender discrimination and new discrimination. Finally, the course will address the topic of restructuring and the business crisis.

Teaching methods

Teaching will be developed through the provision of lectures, supported by explanatory power point presentations. The course includes integrative teaching activities both in the classroom and in modality and learning, in-depth seminars.
Within the course will be organized educational outputs at the court supported by seminar meetings preparatory to the same audiences.
In parallel to the course for those who have opted for the path for job counselor will be offered educational seminars preparatory courses and to support the examination by Labor Consultant.
The lectures, although mainly theoretical, include the analysis of concrete examples, in order to allow the student to deepen also the application profile of the issues dealt with.
The didactics foresees the deepening of certain themes through research and use of international databases. These in-depth studies will have to be translated into a report that will be discussed during the examination.

Assessment and Evaluation

The final exam will take place in oral form and the evaluation will be expressed in thirtieths.
The question will be structured in three questions concerning the entire program in order to verify the acquisition by the students of the concepts imparted within the teaching.