LETTERATURA FRANCESE LM II

Attività formativa integrata
Codice dell'attività formativa: 
57087

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2017/2018
Insegnamento (nome in italiano): 
LETTERATURA FRANCESE LM II
Insegnamento (nome in inglese): 
French Literature LM II
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
10

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Annualità Singola
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
60
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Un'ottima competenza nella lingua francese, che consenta la lettura e l'approfondita comprensione in lingua originale dei testi indicati. Preventivo e già registrato superamento degli esami di Lingua francese LM I e di Letteratura francese LM I.

Obiettivi formativi

MOD. 1 LM II A:
Al termine del modulo, lo studente avrà acquisito la capacità di analizzare testi narrativi autobiografici del XVI e XXI secolo da un punto di vista linguistico, letterario e storico-culturale e avrà sviluppato adeguate capacità argomentative e critiche di comprensione e rielaborazione degli eventi letterari presi in esame tali da coglierne a pieno la tipologia retorico-stilistica, la valenza epistemologica e poetica nella storia della letteratura e della critica ad essi afferenti.

MOD. 2 LM II B:
Al termine del modulo, lo studente avrà acquisito la capacità di analizzare testi teatrali del XVII, XIX e XX secolo da un punto di vista linguistico, letterario e storico-culturale e avrà sviluppato adeguate capacità argomentative e critiche di comprensione e rielaborazione degli eventi letterari presi in esame tali da coglierne a pieno la tipologia retorico-stilistica, la valenza epistemologica e poetica nella storia della letteratura e della critica ad essi afferenti.

Contenuti dell'insegnamento

MOD. 1 LM II A:
"Scritture autobiografiche e d'autoanalisi tra Cinquecento e Ventunesimo secolo: Montaigne e Bonnefoy".
Attraverso lo studio degli "Essais" (1588) di Michel de Montaigne (1533-1592) e del romanzo autobiografico "L'écharpe rouge" (2016) di Yves Bonnefoy (1923-2016), lo studente potrà conoscere la singolarità della riflessione e la modernità delle idee di un maestro del Rinascimento francese, così come la capacità di autoanalisi del maggior poeta francese del Secondo Novecento espressa nella sua ultima opera pubblicata in vita.
Gli argomenti saranno trattati anche in prospettiva didattica, al fine di offrire ulteriori spunti di approfondimento.

MOD. 2 LM II B:
"La tragedia del potere: da Racine a Ionesco".
Attraverso lo studio della tragedia "Britannicus" (1670) di Jean Racine (1639-1699), del dramma romantico "Chatterton" (1835) di Alfred de Vigny (1797-1863) e del dramma "Rhinocéros" (1958) di Eugène Ionesco (1909-1994), lo studente potrà conoscere le caratteristiche stilistiche del teatro classico, del dramma romantico e del teatro dell'assurdo e il suo modo di rappresentare criticamente il potere rispetto alle aspirazioni di libertà dell'individuo vittima del totalitarismo.
Gli argomenti saranno trattati anche in prospettiva didattica, al fine di offrire ulteriori spunti di approfondimento.

Testi di riferimento

MOD. 1 LM II A:
Testi di lettura:
Montaigne, Essais, Livre 1, a cura di Alexandre Micha, Paris, Garnier-Flammarion, 1969, o una qualsiasi altra edizione integrale in francese non modernizzato, limitatamente ai capp.: "Au lecteur", XIV, XX, XXI, XXIII, XXIV, XXVI, XXVIII, XXX, XXXI (pagine/pages: 135).
Yves Bonnefoy, L'écharpe rouge, "Folio", Paris, Mercure de France, 2016 (pagine/pages: 281).
Testi di studio:
Erich Auerbach, Introduzione alla filologia romanza, PBE, Torino, Einaudi, 1963, pp. 182-204, 216-238 (pagine/pages: 44).
Hugo Friedrich, Montaigne, trad. dal tedesco di Robert Rovini, "Collection Tel, n° 87", Paris, Gallimard, 1984 (pagine/pages: 443).
"Europe. Revue littéraire mensuelle", n°1067: Yves Bonnefoy, Paris, mars 2018, limitatamente agli articoli su "L'écharpe rouge" di Pierre Brunel (pp. 67-74), Patrick Née (pp. 122-136), Pierre Huguet (pp. 180-190), Jean-Pierre Lemaire (pp. 197- 201), Odile Bombarde (pp. 202-215), Gérard Titus-Carmel (pp. 216-227) (pagine/pages: 61), disponibile in Biblioteca.
Fabio Scotto, "La poesia di Bonnefoy: voci dalla materia del mondo", in Bonnefoy, L'opera poetica, "I Meridiani", Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2010, pp. IX-LVII (pagine/pages: 48).

MOD. 2 LM II B:
Testi di lettura:
Jean Racine, Britannicus, texte intégral + dossier par Pierre Manen, "Folioplus classiques", Gallimard, Paris, 2004 (pagine/pages: 198).
Alfred de Vigny, Chatterton, édition de Pierre-Louis Rey, "Folio theatre", Gallimard, Paris, 2001 (pagine/pages: 184).
Eugène Ionesco, Rhinocéros, "Folio", Gallimard, Paris, 1959 (pagine/pages: 246).
Testi di studio:
Roland Barthes, Sur Racine, "Points", éditions du Seuil, Paris, 2014 (pagine/pages: 157).
Emmanuel Jacquart commente Rhinocéros d'Eugène Ionesco, "Folio Foliothèque", Gallimard, Paris, 1995 (pagine/pages: 142).
Lionello Sozzi, Storia europea della letteratura francese, PBE, Einaudi, Torino, 2013, vol I. Dalle origini al Seicento, limitatamente alle pp. 239-338 (pagine/pages: 99).

Metodi didattici

La didattica si svolgerà tramite lezioni frontali in francese, con coinvolgimento attivo degli studenti nell'analisi orale di alcuni brani del programma sotto la guida del docente

Modalità verifica profitto e valutazione

La prova d'esame è orale. L'esame verifica la capacità di leggere e tradurre con sicurezza e pertinenza dal francese brani dei testi in programma (l'acquisizione di queste competenze è ritenuto requisito minimo imprescindibile per il proseguimento della prova stessa) e la conoscenza dei contenuti specifici del corso, allo scopo di appurare le capacità di commento dei testi, oltre alle competenze linguistico-letterarie, e in special modo critiche e argomentative degli studenti. L'esame avverrà tramite domande aperte (mediamente da quattro a sei a colloquio) relative ai manuali, ai testi critici di studio, e ai testi d'autore in lettura a programma, conformi agli obiettivi generali del corso di studio. La formulazione del voto finale in trentesimi tiene conto dell'insieme della preparazione mostrata relativamente a tutte le parti del programma e alla capacità espressiva.

Altre informazioni

Gli studenti ERASMUS sono dispensati durante l'esame orale dalla prova di traduzione verso l'italiano dei testi d'autore a programma, ma dovranno preparare integralmente la bibliografia obbligatoria d'esame in ogni sua parte, sia essa in lingua italiana o francese.