LINGUA TEDESCA I

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
3006

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2018/2019
Insegnamento (nome in italiano): 
LINGUA TEDESCA I
Insegnamento (nome in inglese): 
GERMAN LANGUAGE I
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Caratterizzante
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Settore disciplinare: 
LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA (L-LIN/14)
Anno di corso: 
1
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
10
Mutuazioni
  • Corso di studi in LETTERE - Percorso formativo in LETTERARIO
  • Corso di studi in LETTERE - Percorso formativo in LETTERARIO
  • Corso di studi in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MODERNE - Percorso formativo in LINGUISTICO-LETTERARIO
  • Corso di studi in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MODERNE - Percorso formativo in LINGUE E CULTURE ORIENTALI

Altre informazioni sull'insegnamento

Ciclo: 
Annualità Singola
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
60
Ambito: 
Lingue e traduzioni
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Corso di alfabetizzazione o precedente studio scolare o privato della lingua, livello A1 EFoR.

Obiettivi formativi

MOD 1 (Primo semestre)
L’insegnamento intende fornire le basi per una conoscenza delle principali caratteristiche fonetiche/fonologiche, grafematiche/ortografiche, morfologiche (flessione delle parole) e sintattiche della lingua tedesca attuale, necessarie per lo sviluppo di una competenza comunicativa scritta e orale. L’approccio alle tematiche del corso sarà in buona parte contrastivo (tedesco-italiano). Al termine del corso lo studente sarà in grado di descrivere e classificare i principali fenomeni grammaticali della lingua tedesca, effettuare dei confronti con l’italiano e applicare con autonomia queste conoscenze nell’analisi di testi e discorsi.
MOD 2 (Secondo semestre)
L’insegnamento si prefigge di esplorare il sistema di costruzione delle parole tedesche (Wortbildung), analizzando, da un lato, le regole di derivazione e composizione e, dall’altro, le nuove tendenze di variazione del lessico dovute al contatto linguistico e, più in generale, all’influenza di fattori sociali, culturali e storico-politici. Al termine del corso lo studente è in grado di riflettere su tendenze e fenomeni di mutamento linguistico che interessano il tedesco di oggi e sa applicare le conoscenze e gli strumenti di analisi acquisiti per condurre autonomamente un’indagine di testi e discorsi.

Contenuti dell'insegnamento

Nella prima parte del corso (30 ore) si forniranno nozioni di base di grafematica/ortografia, morfologia flessiva e sintassi del tedesco. In ambito sintattico si presterà particolare attenzione ai fenomeni di coordinazione e subordinazione e all’uso dei connettori. In ottica contrastiva tedesco-italiano verranno affrontati aspetti di fonetica/fonologia nonché alcune caratteristiche del verbo (modi e tempi verbali, aspetto del verbo, verbi modali). Le lezioni vengono tenute in parte in italiano e in parte in tedesco. Le parti tenute in tedesco aumentano progressivamente.
Nella seconda parte del corso (30 ore)si forniranno nozioni di base dei fenomeni di derivazione e composizione delle parole nella lingua tedesca (Wortbildung), anche alla luce di esempi tratti da testi autentici. Dopo aver passato in rassegna lo standard grammaticale, si passerà all’analisi della variazione diacronica nella lingua introdotta dalle dinamiche di contatto linguistico (anglicismi, italianismi, germanismi in altre lingue, Kiezdeutsch), nonché da vari fattori di stampo socio-culturale (Jugendsprache, Kulturspezifika) e storico-politico (DDR-Sprache).

Testi di riferimento

MOD 1 (Primo semestre)
- Di Meola C.: La linguistica tedesca. Un’introduzione con esercizi e bibliografia ragionata. Bulzoni. Roma 2014 (anche edizioni precedenti). Capitoli da 1.6 a 1.7 (pp. 37-55), da 2.1 a 2.4 (pp. 57-70) e capitolo 3 (pp. 91-128).
- Bush A. - Stenschke O.: Germanistische Linguistik. Eine Einführung. Gunter Narr. Tübingen 2007 (ed edizioni successive). Capitoli 4 (pp. 57-73), 6.6 (pp. 110-114), 7, 8 e 9 (pp. 115-182).
- I seguenti saggi tratti dal volume: Ausgewählte Phänomene zur kontrastiven Linguistik Italienisch–Deutsch. Ein Studien- und Übungsbuch für italienische DaF-Studierende, di Martina Nied Curcio (ed.), 2008, Milano, Franco Angeli: - Irene Vogt: Wortakzent, pp. 11-24; - Nicole Schumacher: Vergangenheitstempora im Italienischen und Deutschen, pp. 81-97; - Klaus Ruch: Die Modalverben, 65-80; - Waltraud Sattler: Rund ums Gerund: das gerundio und seine Wiedergabe im Deutschen, pp. 98-117.
MOD 2 (Secondo semestre)
- Bush A. - Stenschke O.: Germanistische Linguistik. Eine Einführung. Gunter Narr. Tübingen 2007 (ed edizioni successive). Capitoli da 6.1 a 6.5 (pp. 93-110).
- Nied Curcio M.: La lingua tedesca. Aspetti linguistici tra contrastività e interculturalità. Universitalia. 2016. Capitoli da 4.1 a 4.5 (pp. 121-156) e capitoli 6, 7 e 8 (pp. 223-322).
- I seguenti saggi tratti dal volume: Deutsch aktuell. Einführung in die Tendenzen der deutschen Gegenwartssprache (ed. Sandro M. Moraldo, Marcello Soffritti). Roma. Carocci 2004: - Christine Bierbach/Gabriele Birken-Silverman: Sprache italienischer Migranten in der Bundesrepublik Deutschland, pp. 60-80; - Ulrich Busse: Anglizismen in Deutschland: historische Entwicklung, Klassifizierung. Funktion(en) und Einstellungen der Sprachteilhaber, pp. 81-93; - Bernhard Kettemann: Anglizismen allgemein und konkret: Zahlen und Fakten, pp. 94-112; Johannes Volmert: Jugendsprachen – Szenesprachen, pp. 134-158; Horst Dieter Schlosser: Die deutsche Sprache in Ost- und in Westdeutschland, pp. 159-168.

Metodi didattici

La didattica si svolgerà tramite lezioni frontali, ma con un’attenzione particolare al confronto e al dialogo diretto con gli studenti, che potranno, durante le lezioni, formulare proposte di approfondimento o dibattito. Tutti i materiali utilizzati durante il corso, oltre a ulteriori esercizi di approfondimento, verranno messi progressivamente a disposizione degli studenti sulla piattaforma e-learning (moodle). Gli studenti potranno inoltre accedere alle attività di addestramento previste per il loro livello di competenza, nonché alle attività di tutoring previste nel corso dell’anno.

Modalità verifica profitto e valutazione

La verifica avviene attraverso una prova scritta e una prova orale. Il superamento della prova scritta è condizione necessaria per accedere alla prova orale.

Il voto finale d’esame è calcolato come media delle votazioni riportate durante l’esame orale nei due moduli del corso ufficiale, per le cui specificità si veda qui sotto. Nella definizione del voto, il docente tiene presente la competenza strumentale del livello del quadro di riferimento europeo conseguita dagli studenti nelle attività di addestramento presso il CCL.

Nello specifico, la verifica del profitto si basa su una prova scritta e una prova orale, come indicato di seguito:

Scritto (senza dizionario):

1 comprensione orale,
1 comprensione scritta,
1 test elementi linguistici,
1 espressione scritta.

Orale:

MODULO 1:

L’esame prevede un accertamento orale delle competenze comunicative acquisite relative al livello di conoscenza richiesto (in lingua tedesca) e delle nozioni del corso ufficiale (in lingua italiana o tedesca, a scelta dello studente). L’esame orale del modulo 1 è composto da due parti.

Prima parte (in lingua tedesca)

Lo studente dovrà condurre una semplice conversazione su una tematica di interesse personale, esprimere in breve opinioni personali e rispondere in modo adeguato all’interlocutore; raccontare, proporre o accordarsi su qualcosa in situazioni quotidiane.
Ambiti tematici: la presentazione e la famiglia, gli interessi personali, la casa, le fiabe, i desideri, il cibo, i servizi, l’ambiente e il clima, i viaggi e i trasporti, il mondo del lavoro.

Seconda parte (in lingua italiana o tedesca, a scelta dello studente)

Colloquio orale sugli argomenti del corso ufficiale: fonetica/fonologia; ortografia/grafematica, morfologia flessiva e sintassi del tedesco.

MODULO 2:

L’esame prevede un accertamento orale dell’acquisizione dei contenuti del corso ufficiale e si svolgerà in lingua italiana o tedesca a scelta dello studente. Durante l’esame si verificheranno attraverso tre domande:
a) la padronanza dei fenomeni di Wortbildung della lingua tedesca;
b) il raggiungimento di una buona capacità analitica a fronte di frasi ed esempi di variazione diacronica all'interno della lingua tedesca;
c) la capacità di esporre le tematiche con proprietà di linguaggio.

Altre informazioni

Per qualsiasi dubbio o problema rivolgersi al docente con una e-mail oppure recarsi a colloquio nelle ore di ricevimento.