GLI ANZIANI NELLA STORIA DELLA FILOSOFIA

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
25262

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2018/2019
Insegnamento (nome in italiano): 
GLI ANZIANI NELLA STORIA DELLA FILOSOFIA
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa di Base
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
STORIA DELLA FILOSOFIA (M-FIL/06)
Anno di corso: 
1
Anno accademico di offerta: 
2018/2019
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
120
Ambito: 
Discipline filosofiche, psicologiche, sociologiche e antropologiche
Materiali didattici: 
Prerequisiti

Disponibilità ad ampliare i propri orizzonti culturali attraverso una comprensione d'insieme della storia della filosofia, che il corso ha il compito di strutturare e approfondire nei singoli temi e autori prescelti, ma che lo studente deve verificare o mettere a punto integrando le lezioni e lo studio con un percorso interpretativo personale.

Obiettivi formativi

Conoscenza fondamentale dei periodi storici considerati e di alcuni dei principali esponenti del pensiero occidentale. Comprensione delle principali questioni filosofiche in rapporto al loro contesto di formazione, al loro significato e al loro sviluppo. Capacità di applicare gli strumenti filosofici al proprio settore di studio e alla realtà contemporanea.

Contenuti dell'insegnamento

- Origini della filosofia: rapporto col mito, nascita della filosofia in Grecia.
- La sapienza e la saggezza nell’Antica Grecia presso i sofisti, Socrate, Platone e Aristotele.
- Il pensiero ellenistico e tardo-antico: la figura dell’anziano sapiente nello Stoicismo e nel cristianesimo.
- La figura dell’anziano nella filosofia musulmana.
- Origini della modernità: Umanesimo e Rinascimento; Età delle rivoluzioni (geografica, religiosa, scientifica).
- Il problema gnoseologico nel pensiero moderno: Cartesio.
- Il dibattito filosofico nel XIX secolo: positivismo, marxismo, darwinismo, crescita e crisi del pensiero scientifico. La figura di Paolo Mantegazza e l’immaginario sociale dell’anziano.
- Il pensiero fenomenologico e il senso della vita: Husserl, Heidegger e Hannah Arendt.
- La figura del sapiente allontanato dalla società: il caso di C. Schmitt.

Testi di riferimento

Platone, La Repubblica (qualsiasi edizione, solamente libri I e II).
Platone, Menone (qualsiasi edizione).
Seneca, De brevitate vitae (qualsiasi edizione).
P. Mantegazza, Elogio della vecchiaia, (qualsiasi edizione).
C. Schmitt, Ex captivitate salus, Adelphi 1987.
G. Seveso, Arrivati alla piena misura. Rappresentazioni dei vecchi e della vecchiaia nella Grecia antica, Franco Angeli, Milano 2013.

Metodi didattici

L'attività didattica si svolgerà tramite lezione i frontali, ma con particolare attenzione al confronto e al dialogo diretto con gli studenti. Durante una lezione, verrà inoltre proiettato il film: Umberto D (De Sica, 1952).

Modalità verifica profitto e valutazione

La prova d'esame di fine corso si svolgerà in forma orale e la valutazione sarà espressa in trentesimi. L'interrogazione sarà strutturata in tre domande vertenti sull'intero programma al fine di verificare l'acquisizione da parte degli studenti delle nozioni impartite all'interno dell'insegnamento. Non sono previste prove intermedie.

Altre informazioni

Gli studenti lavoratori non frequentanti devono attenersi al programma sopra indicato. Oltre a questo, dovranno integrare le eventuali lacune di conoscenza sugli argomenti e gli autori in programma consultando un qualsiasi buon manuale di storia della filosofia per i licei. Si consiglia in particolare: C. Esposito, P. Porro, Filosofia (tre volumi), Laterza 2011. In ogni caso, dovranno concordare il proprio percorso di studio con il docente durante gli orari di ricevimento o per posta elettronica: giovanni.zucchelli@unibg.it.

NB: Gli studenti part-time o che hanno avviato il progetto di apprendistato presso l'Università di Bergamo nell'anno accademico 2017-18 devono venire a ricevimento per concordare insieme la possibilità di frequenza al corso di storia della filosofia dell'anno accademico 2018-19.

Prerequisites

The student must be available to widen his/her cultural view through a general comprehension of history of philosophy. The course has the goal to organize and study more in depth the topics and authors of the syllabus, but the students have to verify their knowledge completing the didactic activity with a more personal interpretative journey.

Educational goals

A general knowledge of the historical periods considered and the most important thinkers of Western philosophy. A comprehension of the main philosophical questions in relationship with their original context, their meaning and their development. A capacity to apply the philosophical tools to one's field of studies and to the contemporary reality.

Course content

- Origins of philosophy: the relationship with mythology, Greece as cradle of philosophy.
- Wisdom in Ancient Greece among the Sophists, Socrates, Plato and Aristotle.
- Hellenistic and late-ancient thought: the figure of the elderly wise in Stoicism and in Christianity.
- The figure of the elderly in Muslim philosophy.
- The origins of Modernity: Humanism and Renaissance; an age of revolutions (geographic, religious, scientific).
- The gnoseological problem in modern thought; Descartes.
- The philosophical debate in the XIX century: Positivism, Marxism, Darwinism, growth and crisis of the scientific thought. The figure of Paolo Mantegazza and the social imaginary of the elderly.
- The phenomenological thought and the meaning of life: Husserl, Heidegger and Hannah Arendt.
- The figure of the wise man removed from society: the case of C. Schmitt.

Teaching methods

Teaching will take place through lectures, but with a focus on discussion and dialogue with the students. During a lesson, the students will see the film: Umberto D (De Sica, 1952).

Assessment and Evaluation

The final exam will take place in oral form and the evaluation will be expressed in thirtieths. The question will be structured in three questions concerning the entire program in order to verify the acquisition by the students of the concepts imparted within the teaching. There are no intermediate tests.

Further information

The working students not attending classes and must adhere to the syllabus and the bibliographical integrations reported above. For any request they have to ask the Professor either personally during reception hours or by e-mail: giovanni.zucchelli@unibg.it

NB: Part-time students or those who have started the apprenticeship project at the University of Bergamo in the academic year 2017-18 must come to reception to agree together the possibility of attending the Philosophy course of the academic year 2018 -19.