TEORIE DELLA MENTE E DEL LINGUAGGIO | Università degli studi di Bergamo

TEORIE DELLA MENTE E DEL LINGUAGGIO

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
150026

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2019/2020
Insegnamento (nome in italiano): 
TEORIE DELLA MENTE E DEL LINGUAGGIO
Insegnamento (nome in inglese): 
Theories of Mind and Language
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Caratterizzante
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI (M-FIL/05)
Anno di corso: 
1
Anno accademico di offerta: 
2019/2020
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Secondo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
120
Ambito: 
Istituzioni di filosofia
Prerequisiti

La conoscenza di alcuni temi di filosofia analitica del linguaggio del Novecento è utile ma non strettamente necessaria.

Obiettivi formativi

Al termine del corso lo studente
- avrà una conoscenza non superficiale dei problemi, metodi e argomentazioni caratteristici di un'area di ricerca, oggi molto viva, all'intersezione tra la filosofia del linguaggio e la filosofia della mente (contemporanee)
- avrà sviluppato o raffinato le capacità di lettura critica di un testo filosofico;
- avrà maturato una consapevolezza della ricchezza e complessità dei rapporti tra filosofia e psicologia

I risultati di apprendimento attesi comprendono:

a) la conoscenza dei principali approcci filosofici e psicologici allo studio dei concetti;
b) la capacità di lettura critica di un testo filosofico di stile analitico;
c) la capacità di produrre e valutare argomentazioni in ambito teoretico-epistemologico

Contenuti dell'insegnamento

Le teorie dei concetti tra filosofia e psicologia:
- Svolta linguistica e svolta cognitiva
- Requisiti di una teoria dei concetti
- Teorie filosofiche dei concetti
- Teorie psicologiche dei concetti

Testi di riferimento

1) A. Coliva, I CONCETTI, Carocci editore, ad esclusione dei capp. 4 e 6 (tot. 133 pp).
2) E. Lalumera, COSA SONO I CONCETTI, Laterza (149 pp.)
3) J. Fodor, CONCETTI. DOVE SBAGLIA LA SCIENZA COGNITIVA, McGraw-Hill, solo capp. 1 e 2 (tot. 42 pp).

Metodi didattici

Il corso è condotto tramite un'alternanza di a) lezioni frontali, b) lettura e discussione collettiva di brevi saggi, e c) presentazioni orali (seguite da discussione) da parte degli studenti di saggi concordati con il docente.

Modalità verifica profitto e valutazione

La verifica dell'apprendimento avviene tramite una delle seguenti modalità:

1) Colloquio orale + presentazione orale (durante il corso) di una relazione su un saggio concordato con il docente (opzione aperta ai soli frequentanti).
2) Colloquio orale + stesura di una relazione scritta su un saggio concordato con il docente (opzione obbligatoria per i non frequentanti ma aperta anche ai frequentanti). La relazione scritta va consegnata (anche via email) al docente almeno 5 giorni prima dell'esame orale.

Il colloquio è orientato a verificare la conoscenza dei problemi, metodi e argomentazioni della filosofia del linguaggio e della mente contemporanee, le capacità di lettura critica di un saggio filosofico e di discutere autonomamente problemi di ordine prevalentemente teoretico-epistemologico.
Presentazione orale e relazione scritta sono entrambe volte a verificare le capacità di lettura critica di un saggio filosofico e di discutere autonomamente problemi di ordine prevalentemente teoretico-epistemologico, oltre che a raffinare le capacità di comunicazione scientifica.

Il risultato finale è espresso in trentesimi e comunicato allo studente immediatamente dopo la fine del colloquio.

Altre informazioni

Programma e testi d'esame sono identici per frequentanti e non frequentanti.

Eventuali altre informazioni e materiali saranno disponibili sulla pagina web del corso.

Prerequisites

Knowledge of the main threads in the last century analytical philosophy of language is useful, though not strictly necessary.

Educational goals

At the end of the course students
- will possess a good knowledge of problems, methods and arguments in a research area at the intersection between contemporary philosophy of language and contemporary philosophy of mind;
- will have developed abilities of critical reading of a philosophical text;
- will have accrue his awareness of the rich and complex relationships between philosophy and psychology.

The expected learning results include:
a) knowledge of the main philosophical and psychological approaches to the study of concepts;
b) the ability of critical reading of a philosophical text;
c) the ability of producing and evaluating arguments in a theoretical-epistemological domain.

Course content

Theories of concepts between philosophy and psychology:
- Linguistic turn and cognitive turn
- Requirements for a theory of concepts
- Philosophical theories of concepts
- Psychological theories of concepts

Textbooks and reading lists

1) A. Coliva, I CONCETTI, Carocci, except for chaps. 4 and 6 (tot. 133 pp).
2) E. Lalumera, COSA SONO I CONCETTI, Laterza (149 pp.)
3) J. Fodor, CONCETTI. DOVE SBAGLIA LA SCIENZA COGNITIVA, McGraw-Hill, only chaps. 1 and 2 (tot. 42 pp).

Teaching methods

Teaching will be run through three different modalities: a) frontal lessons, b) collective reading and discussion of short philosophical essays, and c) oral presentations from students of essays agreed with the teacher.

Assessment and Evaluation

The verification of learning will take place by one of the following:

1) Oral exam + oral presentation of a relation on an essay agreed with the teacher (only for attending students)
2) Oral exam + written report on a subject matter agreed with the teacher (mandatory for non-attending students; also open to attending students). The report must be sent (by email) to the teacher at least 5 days before the oral exam.

The oral exam aims to verify the knowledge of problems, methods and arguments in contemporary philosophy of mind and language, the ability of critical reading of a philosophical text, and the ability of discussing problems mainly in a theoretical-epistemological domain. The oral presentation and the written report aim both to verify the abilities of critical reading of a philosophical essay and discussing autonomously problems mainly in the theoretical-epistemological domain. Moreover, they are intended to improve the ability of scientific communication.

The final result is in thirty. It will be communicated to the student immediately after the examination.

Further information

The program and texts for exam are identical for attending and non-attending students.

Further information and materials will be available on the web page of the course.