FILOSOFIA DELL'EDUCAZIONE E DELLA SUA STORIA | Università degli studi di Bergamo

FILOSOFIA DELL'EDUCAZIONE E DELLA SUA STORIA

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
150018

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2019/2020
Insegnamento (nome in italiano): 
FILOSOFIA DELL'EDUCAZIONE E DELLA SUA STORIA
Insegnamento (nome in inglese): 
Philosophy of Education and of its History
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE (M-PED/01)
Anno di corso: 
2
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Crediti: 
12
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
60
Ore di studio individuale: 
240
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Prerequisiti

Modulo A
Conoscenza della storia della filosofia nei suoi passaggi fondamentali dall’antichità alla contemporaneità.

Modulo B
Conoscenza delle principali modalità che, nel corso degli ultimi due millenni, si è distinto un sapere scientifico da un sapere non scientifico.

Obiettivi formativi

Gli obiettivi formativi sono tutti validi a fini dei 24 CFU/CFA di cui all'art. 2 comma 4 del D.M. 10 agosto 2017, n. 616 per l’accesso ai concorsi per l’insegnamento nella scuola.

Modulo A
Al termine del corso, lo studente è tenuto a:
- padroneggiare i fondamenti di pedagogia generale nei suoi rapporti con la filosofia dell’educazione e/o formazione e con le scienze dell’educazione e/o formazione;
- riconoscere genere prossimo e differenze specifiche di un sapere «scientifico» in prospettiva rispettivamente pedagogica e da scienze dell’educazione e/o della formazione;
- identificare le interdipendenze tra processi e oggetti della conoscenza in pedagogia e nelle scienze dell’ educazione e/o formazione;
- ricostruire alla luce di queste consapevolezze epistemologiche le distinzioni e le intersezioni tra i processi di formazione, educazione e istruzione, anche nella prospettiva di una pedagogia inclusiva.

Modulo B
Al termine del corso, lo studente è tenuto a:
- ritrovare le teorie e i modelli di interpretazione della relazione educativa e/o formativa in storie di educazione e/o formazione maturate in contesti scolastici inclusivi e con riferimento ai più diversi protagonisti della rete educativa e formativa;
- padroneggiare le basi teoretiche, epistemologiche e metodologico-procedurali della ricerca pedagogica, teorica ed empirica, interpretando alla loro luce prima l’Emilio di Rousseau e poi altri testi (e vicende personali) di educazione e/o formazione;
- riconoscere quanto nella storia dei processi educativi e/o formativi e delle istituzioni scolastiche, con particolare riferimento ai processi di insegnamento/apprendimento e di condivisione del sapere, è stato ed è coerente con le consapevolezze filosofiche ed epistemologiche presentate nel corso.

Contenuti dell'insegnamento

Modulo A
Il corso, dopo aver presentato le ragioni di un’epistemologia che riconosce al sapere scientifico i caratteri dell’oggettività e dell’analogicità, presenta, in questa luce, le differenze riscontrabili, e perché, tra sapere pedagogico e saperi da scienze dell’ educazione e/o formazione. A partire dall’analisi di casi ed esempi concreti che coinvolgeranno anche in prima persona gli studenti si individueranno, quindi, i processi e gli oggetti che, studiati con adeguati metodi, contraddistinguono rispettivamente la conoscenza pedagogica e quella relativa alle scienze dell’ educazione e/o formazione. Con queste consapevolezze, si differenzieranno i concetti di educazione, formazione e istruzione, sottolineando anche il retroterra antropologico che può giustificare tale differenziazione.

Modulo B
Il corso, dopo aver messo a fuoco ruolo e significato della relazione in pedagogia e nelle scienze dell’educazione, anche adoperando le attrezzature concettuali condivise nel primo modulo, le metterà tutte alla prova con l’Emilio di Rousseau, con un altro testo di educazione e/o formazione (indicati nei libri a scelta) e, nondimeno, con le biografie educative/formative personali. In questo modo, con una selezionata galoppata nella storia dei processi educativi e/o formativi e delle istituzioni scolastiche, si potrà verificare quanto essi siano stati e siano coerenti con le opzioni filosofiche ed epistemologiche presentate nel corso di Filosofia dell’educazione e della sua storia.

Metodi didattici

[Indicazioni valide per entrambi i moduli]

L’attività didattica sarà composta da moduli di tre ore per articolare in maniera convincente l’alternanza tra momenti teorici e pratici, in gruppi sia ampi che piccoli. Si adotterà di default la metodologia della flipped classroom, con controllo puntuale ed in itinere, dell’interiorizzazione critica personale dei concetti presentati e della letteratura che li sorregge.

Modalità verifica profitto e valutazione

[Indicazioni valide per entrambi i moduli]

Verifiche in itinere. Verifica degli obiettivi di conoscenza attraverso: feed-back riflessivo durante e alla conclusione di ogni unità di apprendimento. Verifica degli obiettivi di comprensione: prove d’uso dei «luoghi» dei testi d’esame indispensabili per commentare «casi» o storie biografiche. Verifica delle competenze personali attraverso: 1) la valutazione del grado di partecipazione attiva e critica mostrata durante le unità di apprendimento; 2) una verifica della capacità di argomentare e di adoperare le conoscenze acquisite per affrontare problemi o elaborare progetti di educazione/formazione/istruzione. 3) una verifica della competenza di «debater».
Verifica finale. Analisi scritta di un «caso» per verificare se e quanto il candidato padroneggia le categorie interpretative illustrate nel corso. Redazione di «saggi brevi» relativi a tre domande-questioni-problemi che intendono esplorare anche in modo interdisciplinare la padronanza dei testi d’esame e la loro corretta comprensione. Tempo a disposizione per l’insieme della prova scritta: 150 minuti.

Altre informazioni

[Indicazioni valide per entrambi i moduli]

Ulteriori informazioni saranno disponibili sulla bacheca web dell’insegnamento e sulla piattaforma moodle.
Per gli studenti Erasmus è prevista la possibilità di concordare il programma d’esame direttamente con la docente, previo colloquio in orario di ricevimento, e di sostenere la prova orale in lingua inglese.
Qualora l’insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza, potranno essere introdotte modifiche rispetto a quanto dichiarato nel syllabus per rendere il corso e gli esami fruibili anche secondo queste modalità.

Prerequisites

Module A
In-depth knowledge of History of Philosophy in its main steps from Ancient times to nowadays.

Module B
In-depth knowledge of the main manners through that, in the last two millenniums, it has been possible to distinguish a scientific knowledge from a not scientific one.

Educational goals

The formative goals are all valid for 24 CFU/CFA according to D.M. 10 August 2017, n. 616, art. 2, co. 4, for public recruitment competition for teachers.

Module A
At the end of the course, the student is required:
- to master the fundaments of General Pedagogy in its relationships with Philosophy of Education and/or Formation and the Sciences of Education and/or Formation;
- to recognize the next genre and the specific differences of a “scientific” knowledge in the perspective of Pedagogy and in the perspective of the Sciences of Education and/or Formation;
- to identify the interdependences between processes and objects of knowledge in Pedagogy and in the Sciences of Education and/or Formation;
- to reconstruct, according to this epistemological awareness, the distinction and intersection between the processes of formation, education and instruction, also in the perspective of an inclusive Pedagogy.

Module B
At the end of the course, the student is required:
- to find theories and models of interpretation of the educational and/or formative relationship in case stories of education and/or formation developed in inclusive school contexts and in connection with the several protagonists of educational and formative network;
- to master the theoretical, epistemological and methodological-procedural fundaments of pedagogical, theoretical and empirical research, through the interpretation of L’Émile ou de l’éducation by Jean Jacques Rousseau and then of other texts (and personal events) of education and/or formation;
- to recognize how much there had been and there is, in the History of educational and/or formative processes and schools, with particular attention to the teaching-learning processes and the sharing of knowledge, coherent with the philosophical and epistemological awareness developed during the course.

Course content

Module A
The course, after showing the reasons for an epistemology able to recognize in the scientific knowledge the presence of objective and analogic characteristics, discusses the assertable differences existing, and why, between the knowledge in Pedagogy and the knowledge in the Sciences of Education and/or Formation. Starting from the analysis of cases and concrete examples, the students can identify in first person the processes and objects which, studied with adequate methods, mark respectively the knowledge in Pedagogy and the knowledge in the Sciences of Education and/or Formation. According to this awareness, there will be distinguish the concepts of education, formation and instruction, underlining the anthropological background that could justified those differences.

Module B
The course, after focusing the role and meaning of relationship in Pedagogy and in the Sciences of Education, also using the conceptual tools shared in the first module, will prove them reading L’Émile ou de l’éducation by Jean Jacques Rousseau, another text of education and/or formation (as indicated in the course books list) and, nevertheless, the personal educational/formative biographies. In this manner, with a selection of the main themes of the History of education and/or formation and the History of School Systems, they could value how much they had been and they are coherent with the philosophical and epistemological options discussed during the course of Philosophy of Education and of its History.

Teaching methods

[Valid indications for both modules]

The course will consist of modules lasting three hours, in order to articulate in a persuasive manner the alternation between theory and practice, in wide or small groups. The methodology of flipped classroom will guarantee a punctual and on-going supervision concerning the personal critical learning of the concepts discussed during lessons and the related scientific literature.

Assessment and Evaluation

[Valid indications for both modules]

On-going evaluations. Checking the knowledge goals, through: reflective feedbacks during and at the end of each learning unit. Checking the comprehension objectives, through: reading tests of key passages of the course books, to make comments to case studies or biographic stories. Checking students’ personal competences, through: 1) evaluation of their active and critical participation during learning units; 2) verification of the ability to argue and use the gained knowledge in problem solving or in elaboration of educational/formative/instructional projects; 3) evaluation of the competence of «debater».
Final evaluation. Written analysis of a «case study» to check if and how much the candidate masters the interpretative categories discussed in the course. Written elaboration of «short essays» concerning three requests-questions-issues to explore also in an interdisciplinary way the in-depth knowledge of the course texts and their correct comprehension. Time for the entire written exam: 150 minutes.

Further information

[Valid indications for both modules]

Further information will be provided on the web board of the course and the moodle platform.
Erasmus students can agree the course program with the professor, during his weekly reception, and attend the oral exam in English.
If the course is offered in e-learning or blended learning, some changes will be introduced for a more availability.