LINGUISTICA ANTROPOLOGICA | Università degli studi di Bergamo

LINGUISTICA ANTROPOLOGICA

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
13151

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2020/2021
Insegnamento (nome in italiano): 
LINGUISTICA ANTROPOLOGICA
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa di Base
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA (L-LIN/01)
Anno di corso: 
1
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Crediti: 
10
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Annualità Singola
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
60
Ambito: 
Linguistica, semiotica e didattica delle lingue
Prerequisiti

Gli studenti devono essere già in grado di applicare alcune distinzioni della grammatica 'tradizionale'. Per fare qualche esempio: data una parola in italiano devono saper dire se si tratta di un nome, di un verbo, di una preposizione ecc.; data una frase in italiano devono saper individuare il soggetto sintattico; dato un periodo in italiano, devono saper distinguere la frase principale dalla frase subordinata.

Obiettivi formativi

Al termine del corso lo studente possiede una conoscenza approfondita dei fondamenti teorici e metodologici che ispirano lo studio scientifico del linguaggo e delle lingue. Ciò sosterrà l'acquisizione consapevole delle lingue straniere. Inoltre, lo studente sarà in grado di comprendere e analizzare, sulla base del confronto tra produzioni linguistiche concrete, i fenomeni che variano al variare del contesto socio-culturale.

Contenuti dell'insegnamento

Caratteristiche costitutive del linguaggio umano. Nozioni di fonetica e fonologia. Morfologia e sintassi. Elementi di semantica. Questi argomenti sono trattati nel testo di riferimento 1.
Rapporti tra lingua e società e tra lingua e pensiero. L'evento comunicativo. Lingua in uso: pratiche linguistico-culturali diverse. Questi argomenti sono trattati nei testi di riferimento 2 e 3.

Testi di riferimento

Testo 1) Berruto, Gaetano/Cerruti, Massimo, 2017, “La linguistica. Un corso introduttivo”, UTET, Novara (capitoli 1, 2, 3, 4 e 5; tot. pp. 220).

Testo 2) Bettoni, Camilla, 2006, Usare un'altra lingua, Laterza, Bari (solo il paragrafo 1.3, da pag. 22 a pag. 31; pp. 10).

Testo 3) Foley, William A., 1997, Anthropological Linguistics. An Introduction, Blackwell, Oxford (solo il capitolo 13 da pag. 249 a pag. 259; pp. 11).

Metodi didattici

La didattica si svolge tramite lezioni frontali. Gli studenti saranno tenuti a partecipare attivamente alle lezioni, anche tramite la piattaforma e-learning, con riflessioni sulla lingua e sull’uso linguistico e con l'analisi di produzioni linguistiche concrete.
La riflessione in aula sarà preceduta dalla lettura autonoma e graduale (secondo le indicazione della docente) di alcuni paragrafi di due capitoli del testo di riferimento 1 (il capitolo 1 e il capitolo 3) e dalla visione autonoma di materiale video indicato dalla docente. Tali attività sono obbligatorie per lo studente frequentante.
Le lezioni frontali sono accompagnate da fogli di materiale preparati dalla docente; i materiali trattano il contenuto dei testi di riferimento, con alcuni approfondimenti. I fogli di materiale saranno resi disponibili prima di ogni lezione sulla piattaforma e-learning dell'Università. Gli studenti frequentanti potranno accedere alla pagina e-learning del corso tramite parola chiave fornita durante la prima lezione.

Modalità verifica profitto e valutazione

L’esame verifica sia la conoscenza delle nozioni teoriche sia la capacità di applicarle a casi concreti di produzione linguistica.
L’esame è in forma scritta informatizzata.
Esame scritto: 16 domande chiuse/a scelta multipla e aperte relative sia alle nozioni teoriche sia alla loro applicazione; ogni risposta completa e corretta vale 2 punti; il punteggio massimo totale di 32 punti corrisponde alla votazione di 30 e lode/30. La durata dell’esame scritto è di 60 minuti circa.
L’esito della prova è pubblicato sul libretto elettronico dello studente; lo studente può rifiutare il voto uguale o superiore a 18/30 entro due giorni dalla data di pubblicazione.

Altre informazioni

Contenuti dell'esame
a) FREQUENTANTI:
Materiali e appunti delle lezioni, testo 2 e testo 3 (tot. pp. 33).

b) NON-FREQUENTANTI: Testo 1 (capitoli da 1 a 5 compresi, pp. 220), testo 2 (capitolo 3, pp. 22) e testo 3 (capitolo 13, pp. 11); totale pp. 253.

Qualora la situazione lo richiedesse, le lezioni e le modalità di verifica dell'insegnamento potranno essere attuate in modalità mista o a distanza. In questo caso potranno essere introdotte modifiche rispetto a quanto dichiarato nel syllabus per rendere il corso e gli esami fruibili anche secondo queste modalità.

Prerequisites

Students must be able to apply basic grammatical distinctions. For ex. they are required to be able to classify Italian words into parts of speech (noun, verb, preposition, etc.). They must be able to find the subject of an Italian clause or to distinguish a main clause from a dependent clause.

Educational goals

By the end of the course students will gain an understanding of the theoretical and methodological principles leading the scientific study of language. This understanding will promote their second language acquisition process.
Students will also be able to compare linguistic data collected in different contexts and will gain a first grasp of language variation according to socio-cultural differences.

Course content

Properties of language. Notions of phonetics and phonology. Word- and clause-structure. Elements of semantics. These topics are dealt with in text 1.
Relationship between language and society and language and thought. Speech events. Language in discourse and cultural differences. These topics are dealt with in texts 2 e 3.

Textbooks and reading lists

Text 1) Berruto, Gaetano/Cerruti, Massimo, 2017, “La linguistica. Un corso introduttivo”, UTET, Novara (chapters 1, 2, 3, 4, 5; tot. pp. 220).

Text 2) Bettoni, Camilla, 2006, Usare un'altra lingua, Laterza, Bari (section 1.3, from page 22 to page 31; pp. 10).

Text 3) Foley, William A., 1997, Anthropological Linguistics. An Introduction, Blackwell, Oxford (chapter 13 from page 249 to page 259; tot. pp. 11).

Teaching methods

Lectures. Compulsory activities performed by attending students: Analysis of linguistic data both on the e-learning platform and in classsroom and classroom discussion on the use of language as cultural practice.
In preparation for classroom/e-learning activities students will be required to read some sections of chapter 1 and chapter 3, textbook 1, and to watch videos at home.
Lectures are accompanied by hand-outs prepared by the teacher. The hand-outs deal with the same content of the textbooks. Students are asked to download the hand-outs from the e-learning platform.
The password to have access to the course on the e-learning platform will be delivered during the first class of the course.

Assessment and Evaluation

The test assesses both the knowledge of theoretical notions and the ability to apply them to linguistic data.
The exam is a written test administered through a Learning Management System.

Written test: 16 open-ended or multiple choice/close-ended questions on theoretical notions and on analysis of linguistic data. Each correct answer scores 2 points. A maximum total score of 32 points is equal to 30/30 cum laude. The time allowed is approximately 60 minutes.
The results of the written exam will be published on the exam transcripts of the student. Student may reject their mark within the second day from the date of publication.

Further information

Content matters of the examination
a) ATTENDING STUDENTS:
Hand-outs and notes of lectures + Text 2 + Text 3 (33 pp.).

b) NON-ATTENDING STUDENTS: Text 1 (chapters 1-5, pp. 220), text 2 (Chapter 3, 22 pp.) and Text 3 (Chapter 13, 11 pp.); total: 253 pp.

If necessary, all lectures and exams will be delivered in remote or blended formats. In this case changes in the syllabus and in the exam format could be needed.