ECONOMIA MONETARIA | Università degli studi di Bergamo

ECONOMIA MONETARIA

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
86045

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2018/2019
Insegnamento (nome in italiano): 
ECONOMIA MONETARIA
Insegnamento (nome in inglese): 
Monetary Economics
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Opzionale
Settore disciplinare: 
ECONOMIA POLITICA (SECS-P/01)
Anno di corso: 
3
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Crediti: 
9
Responsabile della didattica: 
Altri docenti: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Secondo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
72
Ore di studio individuale: 
153
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Prerequisiti

Per le propedeuticità obbligatorie previste consultare il sito del Corso di laurea: https://lt-eco.unibg.it/it/node/119

Obiettivi formativi

Fornire una conoscenza del funzionamento microeconomico dei mercati della moneta e del credito in presenza di incertezza ed asimmetrie informative, così come degli aspetti monetari del sistema macroeconomico secondo l'impostazione della teoria monetaria tradizionale ed eterodossa.
Fornire una conoscenza dei fondamenti della conduzione della politica monetaria e del suo impatto sulla stabilità macroeconomica, approfondendo e integrando le conoscenze della modellistica elementare di macroeconomia e di politica economica.
Al termine del corso lo studente dovrebbe essere in grado di comprendere sia la rilevanza degli aspetti monetari nelle decisioni individuali; sia i principali impatti determinati dalla presenza di istituzioni monetarie. La comprensione del ruolo strategico e della operatività delle Banche Centrali è un ulteriore elemento chiave del percorso formativo proposto nell’insegnamento. Le competenze acquisite durante il corso si dovrebbero articolare su tre fronti. A livello di abilità pratiche lo studente dovrebbe essere in grado di (i) leggere, raccogliere ed interpretare i dati di natura monetaria, sapendo gestire l’informazione attraverso le opportune banche dati e fonti specifiche; (ii) redigere parti specifiche di relazioni-report che implicano la valutazione del contesto e degli scenari macroeconomici monetari/finanziari (questo tipo di informazione può essere parte integrante di redazione di business-plan aziendali e/o budget finanziari aziendali). A livello di competenza teorico-tecnica lo studente dovrebbe conoscere e rappresentare: (iii) le principali teorie e modelli analitici elementari relativi al ruolo e alla natura della moneta, sapendo derivare da ciascuno sia le implicazioni macroeconomiche statiche, sia le implicazioni dinamiche nei diversi orizzonti temporali di riferimento (convenzionalmente breve, medio e lungo termine); (iv) gli aspetti tecnici elementari della operatività delle Banche Centrali con specifico riferimento alle operazioni di mercato aperto, alle politiche monetarie convenzionali e non convenzionali, alla gestione della liquidità; (v) i principali meccanismi di trasmissione della politica monetaria. A livello di competenza metodologica lo studente dovrebbe affinare le capacità di valutazione critica e comparativa, privilegiando il canale della sintesi (data la valenza prevalentemente macroeconomica dell’insegnamento). L’insieme delle competenze delineate, dovrebbero nel complesso, permettere inoltre allo studente di strutturare in proprio modelli e scenari alternativi all’esistente; consentire di predisporre le cornici di riferimento teorico per lo sviluppo di analisi empiriche con finalità monetaria/finanziaria.

Contenuti dell'insegnamento

1. Natura, ruolo e origine della moneta: aspetti storici e istituzionali dell’evoluzione della moneta. Dal baratto alla moneta elettronica. 2. Domanda e offerta di moneta: la domanda di moneta nelle diverse impostazioni teoriche (approccio funzionale, motivazionale e misto); la Banca Centrale e il tema dell’endogenità della moneta (la Banca Centrale controlla davvero l’offerta?). 3. Il rapporto fra moneta e finanza: il ruolo degli intermediari finanziari e delle banche nella dinamica macroeconomica. 4. La conduzione della politica monetaria: obiettivi e strumenti; regole e discrezionalità. 5. Il ruolo delle Banche Centrali. 6.I meccanismi di trasmissione della politica monetaria. 7. Moneta, prezzi e livello della produzione. 8. La politica monetaria in economia aperta 9. Dalla stabilità alla instabilità monetaria e finanziaria. Lo schema del circuito monetario e la teoria dell’instabilità finanziaria di H.P. Minsky.
Durante lo svolgimento del corso verranno proposti seminari volti a creare un legame fra accadimenti economici contingenti e modelli teorici presentati nelle lezioni. I seminari saranno svolti da ospiti nazionali ed internazionali.

Metodi didattici

Lezione frontale, seminari di visiting professor internazionali

Modalità verifica profitto e valutazione

Esame scritto obbligatorio.
La prova scritta si compone di domande in forma aperta aventi lo scopo di valutare la conoscenza degli aspetti fondamentali della materia, sotto il profilo descrittivo e delle definizioni, e della capacità critica e della rielaborazione dei concetti.
La risposta può richiedere sia argomentazione lessicale, sia rappresentazione grafica, sia utilizzo di opportune espressioni quantitative.
Con riferimento ai seminari, lo studente avrà la facoltà di integrare/sostituire parti del programma di esame con quanto appreso durante la partecipazione agli stessi.

Altre informazioni

E' prevista prova intermedia, accessibile anche ai debitori di prova. Possibile indicazione di bibliografia in lingua inglese per studenti Erasmus.
Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte modifiche rispetto a quanto dichiarato nel syllabus per rendere il corso e gli esami fruibili anche secondo queste modalità.

Prerequisites

Compulsory prerequisites required (Propedeuticità) are published on the web site: https://lt-eco.unibg.it/it/node/119

Educational goals

Provide a knowledge of the microeconomic functioning of the money and credit markets in the presence of uncertainty and information asymmetries, as well as the monetary aspects of the macroeconomic system according to the approach of traditional and heterodox monetary theory.
To provide a knowledge of the fundamentals of the conduct of monetary policy and its impact on macroeconomic stability, deepening and integrating the knowledge of elementary modeling of macroeconomics and economic policy.
At the end of the course the student should be able to understand both the relevance of monetary aspects in individual decisions; and the main impacts caused by the presence of monetary institutions. Understanding the strategic role and operation of the Central Banks is a further key element of the training path proposed in the teaching. The skills acquired during the course should be articulated on three fronts. At the level of practical skills, the student should be able to: (i) read, collect and interpret monetary data, knowing how to manage information through the appropriate databases and specific sources; (ii) drawing up specific parts of reports-reports that imply the evaluation of the context and of the monetary / financial macroeconomic scenarios (this type of information can be an integral part of the drafting of company business-plans and / or company financial budgets). At a theoretical-technical level, the student should know and represent: (iii) the main elementary analytical theories and models relating to the role and nature of money, knowing how to derive from each both the static macroeconomic implications and the dynamic implications in the different horizons reference storms (conventionally short, medium and long term); (iv) the elementary technical aspects of the operations of the Central Banks with specific reference to open market operations, to conventional and unconventional monetary policies, to liquidity management; (v) the main monetary policy transmission mechanisms. At the methodological competence level, the student should hone his critical and comparative assessment skills, favoring the channel of synthesis (given the predominantly macroeconomic value of the teaching). The set of skills outlined should, overall, also allow the student to structure his own models and alternative scenarios to the existing one; allow to prepare the theoretical reference frameworks for the development of empirical studies meant for monetary / financial purposes.

Course content

1. Nature, role and origin of money: historical and institutional aspects of the evolution of money. From bartering to electronic money. 2. Money supply and demand: the demand for money in the various theoretical approaches (functional, motivational and mixed approach); the Central Bank and the issue of the endogeneity of money (does the Central Bank really control the offer?). 3. The relationship between money and finance: the role of financial intermediaries and banks in macroeconomic dynamics. 4. The conduct of monetary policy: objectives and instruments; rules and discretions. 5. The role of central banks. 6. The transmission mechanisms of monetary policy. 7. Currency, prices and level of production. 8. Monetary policy in an open economy 9. From stability to monetary and financial instability. The monetary circuit diagram and the financial instability theory of H.P. Minsky.
During the course, seminars will be proposed to create a link between contingent economic events and theoretical models presented in the lessons. The seminars will be conducted by national and international guests.

Teaching methods

Lectures, seminars by visiting professors

Assessment and Evaluation

Compulsory written exam.
Written exam open questions; they serve to evaluate the knowledge of foundations of monetary economics with respect to issues related to descriptions and definitions, and critical thinking.
All questions may be answered using both: words, graphs and pictures, and equations/simple formal models.
Seminars may be used as an option to substitute (written) questions of the exams.

Further information

Mid-term exam for all attending students (also those of previous academic years). Suggested english reference list for Erasmus students.
If the teaching is taught in mixed mode or remotely, changes can be made compared to what is stated in the syllabus to make the course and exams affordable also in these ways