PSICOLOGIA DELLA SALUTE E DELL'INCLUSIONE SOCIALE | Università degli studi di Bergamo

PSICOLOGIA DELLA SALUTE E DELL'INCLUSIONE SOCIALE

Attività formativa monodisciplinare
Codice dell'attività formativa: 
64060

Scheda dell'insegnamento

Per studenti immatricolati al 1° anno a.a.: 
2020/2021
Insegnamento (nome in italiano): 
PSICOLOGIA DELLA SALUTE E DELL'INCLUSIONE SOCIALE
Insegnamento (nome in inglese): 
HEALTH PSYCHOLOGY AND SOCIAL INCLUSION
Tipo di attività formativa: 
Attività formativa Affine/Integrativa
Tipo di insegnamento: 
Obbligatoria
Settore disciplinare: 
PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE (M-PSI/04)
Anno di corso: 
1
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Crediti: 
6
Responsabile della didattica: 

Altre informazioni sull'insegnamento

Modalità di erogazione: 
Didattica Convenzionale
Lingua: 
Italiano
Ciclo: 
Primo Semestre
Obbligo di frequenza: 
No
Ore di attività frontale: 
30
Ore di studio individuale: 
120
Ambito: 
Attività formative affini o integrative
Prerequisiti

Nessun

Obiettivi formativi

Il corso consentirà agli studenti di acquisire una conoscenza avanzata delle istanze epistemologiche, metodologiche e operazionali della psicologia critica della salute e promuoverà competenze di analisi e progettazione di interventi in contesti sanitari, sociali ed educativi variamente coinvolti con condizioni minoritarie caratterizzate, nelle varie età della vita, da sofferenza personale ed esclusione. Lo studente al termine del corso saprà discernere il posizionamento dell’intervento psicologico nei diversi contesti come pratica tecnicista che riconosce, oggettiva o addirittura legittima la differenziazione delle persone sulla base della loro appartenenza a gruppi minoritari e marginali o come pratica riflessiva e critica destinata a rompere innanzitutto l'isolamento e l'individualizzazione della sofferenza e a trasformare il senso di inferiorità e di colpa in consapevole esercizio della propria agentività, esplicitazione del potenziale innovativo incluso nella rivendicazione di piena cittadinanza, adempiendo così al mandato sociale inscritto nella Costituzione italiana e nella Dichiarazione universale dei diritti umani.

Contenuti dell'insegnamento

L'intervento psicologico si confronta spesso con forme di disagio legate a condizioni minoritarie che si caratterizzano in termini di subalternità economica, sociale e culturale, in cui la varietà delle esperienze soggettive sembra piegata verso forme di oppressione interiorizzata, variamente segnate da razzismo, sessismo, eterosessismo, ageismo, abilismo e che sanzionano la differenziazione delle persone sulla base della loro appartenenza a gruppi minoritari e marginali (sulla base appunto di razza, sesso, orientamento sessuale, età o dis-abilità). I processi destinati a realizzare inclusione ed empowerment non possono prescindere da considerare l’intervento psicologico come una forma di liberazione e di opposizione a tali dispositivi di oppressione che rompano innanzitutto l'isolamento e l'individualizzazione della sofferenza e trasformino il senso di inferiorità e di colpa in consapevole esercizio della propria agentività (agency), esplicitazione del potenziale innovativo incluso nella rivendicazione di piena cittadinanza. L'educazione e il lavoro sociale assumono così il valore di un impegno e di una pratica sociale che adempie innanzitutto al mandato educativo inscritto nella Costituzione italiana e nella Dichiarazione universale dei diritti umani.

Metodi didattici

Lezioni frontali, discussioni ed esercitazioni. Scopo delle lezioni frontali è di fornire un inquadramento appropriato dei fondamenti teorici e conoscitivi della disciplina. Le discussioni in aula sui principali temi trattati avrà lo scopo di facilitare lo scambio didattico e l'impegno e il rafforzamento di abilità critiche e riflessive. Le esercitazioni, condotte anche, laddove possibile, con la presenza di esperti dei servizi sanitari e territoriali, avranno lo scopo di illustrare e valutare concreti esempi di progettazione per la promozione della salute. Le esercitazioni si avvarranno della metodologia Problem Based Learning.

Modalità verifica profitto e valutazione

L’esame consiste in una prova scritta, così articolata:
In una prima parte, della durata di un'ora, verrà effettuato un test con domande aperte per la verifica delle conoscenze e delle capacità di riflessione critiche sugli approcci, i modelli teorici e le metodologie di ricerca in psicologia della salute.
Nella seconda parte, della durata di un' ora, agli studenti verrà richiesto di descrivere le linee di progettazione, sviluppo e valutazione di un intervento di promozione della salute nell'area dell'inclusione sociale.
Per gli studenti frequentanti l'esame potrà essere sostenuto mediante discussione di un portfolio di work in progress, centrati sui contenuti del corso e selle esercitazioni, consegnati e valutati in itinere dal docente durante il corso.

Nella valutazione, il punteggio verrà assegnato in trentesimi e terrà conto in egual misura:
a) della comprensione critica delle conoscenze,
b) della puntualità nel riferimento ai testi e
c) della capacità di approfondire e di applicare nel dominio pratico le competenze apprese.

Altre informazioni

PER GLI STUDENTI CHE NON POSSONO FREQUENTARE LE LEZIONI verrà predisposto un servizio per seguire il corso a distanza. Il servizio metterà a disposizione: i passaggi salienti delle lezioni in streaming video in diretta e offline tramite link che verranno comunicati all'inizio del corso sulla pagina web personale del docente; materiale di approfondimento (slides, contributi e documentazione di ricerca, testimonianze, ecc.); brevi scambi col docente in hangouts oltre al ricevimento settimanale. Comunque queste facilitazioni sono accessibili anche agli studenti frequentanti che ne facciano richiesta.
Gli studenti frequentanti e non frequentanti sosterranno le medesime modalità d'esame, descritte nel presente programma. L'accesso al servizio per la frequenza a distanza consentirà agli studenti di effettuare prove di valutazione in itinere durante il Corso che contribuiranno alla valutazione finale nella prima sessione d'esame, successiva alla fine del Corso.

PER GLI STUDENTI ERASMUS sarà consentito svolgere l'esame in Italiano oppure in Inglese o in Francese. Verrà concesso un tempo maggiore per lo svolgimento della prova e l'uso del dizionario.

Prerequisites

No

Educational goals

The course will enable students to acquire an advanced knowledge of the epistemological, methodological and operational instances of critical health psychology and will promote analysis and planning competences in interventions in health, social and educational contexts variously involved with minority conditions, at various ages of life, characterized by personal suffering and exclusion. At the end of the course the student will be able to discern the positioning of the psychological intervention in the different contexts as a technicist practice that recognizes, objective or even legitimate the differentiation of people based on their belonging to minority and marginal groups or as a reflexive and critical practice, destined to break first of all the isolation and individualization of suffering and to transform the sense of inferiority and guilt into a conscious exercise of one's own agency, an explanation of the innovative potential included in the claim of full citizenship, thus fulfilling the social mandate inscribed in the Italian Constitution and the Universal Declaration of Human Rights.

Course content

Psychological intervention is often confronted with forms of discomfort linked to minority conditions that are characterized in terms of economic, social and cultural subordination, in which the variety of subjective experiences seems bent towards forms of internalized oppression, variously marked by racism, sexism, heterosexism, ageism, habilism and that sanction the differentiation of people on the basis of their belonging to minority and marginal groups (on the basis of race, sex, sexual orientation, age or disability). The processes designed to achieve inclusion and empowerment cannot be considered without considering psychological intervention as a form of liberation and opposition to such oppressive devices that firstly break the isolation and individualization of suffering and transform the sense of inferiority and guilt in the conscious exercise of its agency, explanation of the innovative potential included in the claim of full citizenship. Education and social work thus take on the value of a commitment and a social practice that fulfills first of all the educational mandate inscribed in the Italian Constitution and the Universal Declaration of Human Rights.

Teaching methods

Lectures, discussions and exercises. The purpose of the lectures is to provide an appropriate framework for the theoretical and cognitive foundations of the discipline. Classroom discussions on the main topics dealt with will aim to facilitate educational exchange and commitment and strengthening of critical and reflective skills. The exercises, also conducted, where possible, with the presence of experts in health and territorial services, will aim to illustrate and evaluate concrete design examples for health promotion. The exercises will take advantage of the Problem Based Learning methodology.

Assessment and Evaluation

The exam consists of a written test, as follows:
In a first part, lasting an hour, a test will be carried out with open questions for the verification of knowledge and critical reflection skills on approaches, theoretical models and research methodologies in health psychology.
In the second part, lasting one hour, students will be asked to describe the design, development and evaluation lines of a health promotion intervention in the area of ​​social inclusion.
For attending students, the exam can be taken by discussing a portfolio of work in progress, centered on the course contents and exercises, delivered and evaluated by the teacher during the course.

In the evaluation, the score will be assigned in thirtieths and will take into account in equal measure:
a) of critical understanding of knowledge,
b) punctuality in reference to texts e
c) the ability to deepen and apply the skills learned in the practical domain.

Further information

FOR STUDENTS WHO CAN NOT ATTEND LESSONS, a service will be set up to follow the course remotely. The service will make available: the salient passages of the lessons in streaming video live and offline through links that will be communicated at the beginning of the course on the teacher's personal web page; in-depth material (slides, contributions and research documentation, testimonials, etc.); short exchanges with the teacher in hangouts in addition to the weekly reception. However, these facilities are also accessible to attending students who request them.
Attending and non-attending students will take the same exam procedures, described in this program. Access to the remote attendance service will allow students to carry out ongoing assessment tests during the course that will contribute to the final evaluation in the first exam session, following the end of the course.

FOR ERASMUS STUDENTS will be allowed to take the exam in Italian or in English or French. More time will be allowed for the performance of the test and the use of the dictionary.