Pignolo

La sede di Pignolo
Facciata e cortile Pignolo

A Pignolo, presso l'ex collegio Baroni, ha sede il Dipartimento di Lettere, Filosofia, Comunicazione.

La sede è un edificio a terrazze, perché eredita la disposizione dei locali dell'ex collegio. Per questo motivo l’accesso alla struttura è doppio. 
Uno è in vicolo San Tomaso, in città bassa, e l’altro in via Pignolo alta, poco prima della Porta di Sant'Agostino. 

Un grande progetto urbanistico e architettonico

Pignolo e dintorni

Via Pignolo è una via di Bergamo speciale: ai piedi di città alta, non ancora in città bassa. Costellata di palazzi storici tra cui figurano i Palazzi Suardi, Bonomi, Maffeis-De Beni, Palazzo Daina-Penati, Agliardi, non ultimo proprio il Palazzo Bassi Bernareggi, di recente adibito a sede universitaria.

In via Pignolo si è immersi in una quiete inaspettata - considerato che ci troviamo nel cuore del polo umanistico di UniBg - è molto piacevole percorrere la strada, magari facendo una sosta in uno dei caffè caratteristici della zona.

Non molto distante dalla Fontana del Delfino, che si trova in via San Tomaso, si trova la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (GAMEC), e l'Accademia Carrara, che custodisce capolavori di maestri come Mantegna, Tiziano e Raffaello, offrendo un raro e prezioso percorso di storia dell'arte moderna.

Come arrivare

Dall'Aeroporto

Dall'aeroporto di Bergamo (Milan-Bergamo Airport - Orio al Serio) occorre prendere il BUS Linea 1/aeroporto che raggiunge il centro (Porta Nuova) per proseguire direttamente per Città Alta (fermata Posta S. Agostino).

 

Dalla Stazione

BUS Linea 1 - Dalla stazione ferroviaria a Città Alta (Colle Aperto) l'autobus ha una frequenza di 15'. Il tragitto è: Stazione > Porta Nuova > viale Vittorio Emanuele > Porta S. Agostino.
Sempre in autobus è possibile raggiungere in pochi minuti a piedi Porta Nuova, dove, oltre alla Linea 1, a salire in Città Alta sono le Linee 1A (proveniente da Torre de' Roveri), 1B (da Scanzo) e 1C (da Grassobbio).

 

Dall'Ostello

BUS Linea 3 - parte dall'Ostello di Bergamo (zona quartiere Monterosso), percorre viale Giulio Cesare e davanti allo stadio gira in via Crescenzi, poi via Baioni, via Maironi da Ponte, Porta S. Lorenzo, via della Fara. Per l'interscambio si consiglia il parcheggio dello stadio.

La mappa completa dei collegamenti ATB è disponibile a questo link.

La storia di Pignolo

Nel 1893 il professore Angelo Baroni di Clusone acquistò dalla famiglia Maffei un’osteria e dei terreni adiacenti a dei portici per realizzare un edificio atto ad ospitare scuole elementari, pronte già nel 1902. Nel 1918 il convitto fu acquistato da una Congregazione religiosa di Bergamo, che dal 1925 iniziò un’opera di ampliamento sia in altezza sia a valle della proprietà, fino allo stabile che oggi affaccia su via San Tomaso. I lavori furono motivati da esigenze di adeguamento igienico-sanitario oltre allo scopo di veder aumentato il numero degli ospiti.

Durante la seconda guerra mondiale i locali vengono requisiti per divenire carcere politico (tra i vari detenuti si ricorda Betty Ambiveri), ma alla fine del conflitto il collegio fu subito riaperto. Fu subito evidente la necessità di un restauro generale, che interessò il complesso dal 1950 in poi e che portò alla realizzazione di tre campi sportivi, di una nuova chiesa e al risanamento di impianti e attrezzature oltre alla completa sostituzione dell’arredamento di dormitori e studi.

Nel 2002 è stato acquistato dalla Provincia di Bergamo per essere adibito a sede universitaria.