Il progetto Good Practice

L’Università degli studi di Bergamo aderisce, insieme ad altri 36 Atenei, al Progetto Good Practice.
Nato nel 1999 e coordinato dal Politecnico di Milano, ha l’obiettivo di misurare e comparare la performance dei servizi amministrativi e di supporto delle università aderenti rispetto a due dimensioni in particolare:

Customer Satisfaction (CS): l'efficacia percepita dei servizi erogati da parte di tre categorie di utenti: il personale docente, i dottorandi e assegnisti; il personale tecnico-amministrativo; gli studenti

Costi ed efficienza: l'individuazione del costo totale e unitario sostenuto per l’erogazione di ciascun servizio

A queste analisi definite «tradizionali» si aggiungono i cosiddetti 'laboratori sperimentali', che offrono annualmente due temi di approfondimento rilevanti per le Università.

Il nostro Ateneo partecipa al Progetto da due anni: i risultati ottenuti nell’edizione 2019 mostrano performance superiori alla media degli Atenei partecipanti in tutte le macro-aree di analisi (amministrazione, supporto alla didattica, supporto alla ricerca, Sistema bibliotecario di Ateneo), ad eccezione di quella riguardante la gestione delle infrastrutture e limitatamente all’analisi di efficienza (ovvero costi superiori alla media, a fronte di un livello di Customer satisfaction sopra la media).

Gli esiti dettagliati del progetto sono presentati nei report allegati, pubblicati annualmente dall'Ateneo: